La giornata nazionale del mare

di

Celebriamo la giornata nazionale del mare

La Spiaggia delle Mortelle a Portici

Il mare

Il mare….un legame antichissimo con la storia dell’uomo e delle civiltà, celebrato in ogni
campo della conoscenza umana: letteratura, poesia, scienza, musica, astronomia.
Un legame particolarmente importante in una nazione come la nostra, con la sua
conformazione peninsulare e la sua collocazione geografica a breve distanza da altri paesi
che sul nostro mare,l’antico “mare nostrum”, si affacciano e ne hanno determinato grande
parte dello sviluppo e della storia.

Ma il legame antico e sempre nuovo, la sfida ripagata dalla pescosità dei fondali o dalla
ricchezza di una nuova terra raggiunta, dall’alimentarsi di nuovi commerci o di nuove
relazioni umane, ha risentito nel tempo e maggiormente risente oggi di quella visione
prepotentemente affaristica che altera il prezioso rapporto tra uomo e ambiente naturale, e
perfino tra gli uomini che il mare affrontano e da cui in larga parte dipendono. Anche la
semplice vacanza ricreativa che riunisce tanti amanti del mare ha contribuito a trasformare
il paesaggio con la costruzione di orrendi alberghi multipiano, cementificazioni esagerate,
strutture in riva al mare che ne alterano l’equilibrio.

La Giornata Nazionale

L’Italia nel febbraio 2018 ha deciso di istituire la “Giornata Nazionale del Mare e della Cultura
Marinara”, stabilendo di celebrarla l’11 aprile, per riflettere sul rapporto tra uomo e mare,
per sviluppare la cultura del mare inteso come risorsa di grande valore culturale,
scientifico, ricreativo ed economico.

Gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado sono invitati a diventare “cittadini attivi” del
mare e ad impegnarsi per la tutela dell’ambiente e per la diffusione della cultura marinara.

Purtroppo, le vicende legate al Coronavirus e il confinamento in casa degli studenti, hanno
impedito che si svolgessero i percorsi formativi previsti per sensibilizzare gli studenti su
questo tema.

Il mare e le nuove generazioni

Noi però non vogliamo che questa ricorrenza rischi di passare inosservata: il mare ha
bisogno che soprattutto le nuove generazioni lo amino, lo rispettino e lo curino, che a
partire dall’ambiente marino inizino a riconsiderare con consapevolezza l’importanza della
salvaguardia della natura.

I giovani della generazione di Greta sono probabilmente pronti a raccogliere l’appello per
una rigenerazione dell’ambiente marino, la Giornata Nazionale del Mare invita loro e tutti a fare la
propria parte, già dai semplici gesti quotidiani.

Proviamo a suggerirne alcuni:

  • attenti al dentifricio che usiamo: potrebbe contenere microplastiche
  • evitiamo che nel WC finiscano tamponi, assorbenti, ovatta che vanno invece
    differenziati nei residui secchi
  • ripuliamo la spiaggia dopo una passeggiata al mare: non abbandoniamo sulla
    spiaggia bottiglie di plastica, cicche di sigaretta, o buste di spazzatura
  • facciamo attenzione alle raccomandazioni della Guardia Costiera per i periodi di
    fermo pesca per la protezione delle varie specie marine e compriamo solo pesce fresco
    locale consentito, per dar modo all’ambiente marino di rigenerarsi
  • pratichiamo il nuoto e le attività nautiche evitando di utilizzare per puro divertimento
    moto d’acqua e altri mezzi inquinanti, specie in prossimità della costa
  • non sottraiamo sabbia alla spiaggia solo per curiosità turistica
  • visitiamo un Museo del Mare per capire più a fondo il vasto mondo marino
    prendiamo contatto con le associazioni ambientaliste locali per partecipare
    attivamente alle campagne per la pulizia delle spiagge e dei fondali, all’osservazione.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Per fare un fiore…ci vuole l’acqua!

di

Maria, socia del GAS nonché insegnante di Scienze alla Scuola Secondaria, ci invita a coltivare in vaso piante di vario genere. E’...

L’UICI resta a casa… e non chiude!

di

L’Emergenza COVID 19, che dal 9 marzo obbliga a casa tutti gli italiani, ha cambiato le abitudini di tutti costringendoci ad affrontare...

Pronti, partenza… libri!

di

Dopo la pausa estiva, riprende nei giardini di Villa Fernades la rassegna “Lib(e)ri al parco” con tre eventi dedicati alla musica e...