Intitolazione alla professoressa Marzia Pepe di un’aula dell’IISS Chiarulli-Colamonico.

di

Questa mattina, nell’ambito del progetto, si è tenuta la cerimonia di intitolazione di un’aula laboratoriale dell’IISS Chiarulli-Colamonico di Acquaviva delle Fonti alla professoressa Marzia Pepe.
La cerimonia si è aperta con la presentazione, a cura della dirigente scolastica Chiara Losurdo e dell’operatrice di progetto Annalisa Lattarulo, delle diverse attività laboratoriali realizzate a scuola. Alla presentazione erano presenti le studentesse e gli studenti, il corpo docente e i parenti viventi di Marzia Pepe.
Successivamente i ragazzi e le ragazze della classe IIItbs A hanno letto la biografia della professoressa Pepe redatta nell’ambito del laboratorio Via delle Donne, hanno raccontato le motivazioni alla base della scelta del suo nome e condiviso il proprio punto di vista e le proprie riflessioni in merito a quanto appreso nell’ambito delle attività progettuali.
Quella della professoressa Pepe è stata scelta come storia di successo per l’impegno in ambito civile e politico a cui la stessa si è dedicata durante tutta la vita, ricoprendo anche l’incarico di Assessora alla Pubblica Istruzione del Comune di Acquaviva delle Fonti. È grazie a lei che è stato creato il primo istituto di istruzione superiore nel comune, consentendo un importante progresso nel percorso di emancipazione femminile del territorio.

Qui l’approfondimento biografico su Marzia Pepe.

cerimonia intitolazione

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Rappresentazioni dei generi, dei ruoli dell’uomo e della donna e delle loro relazioni

di

Nell’ambito delle azioni di monitoraggio e valutazione di Via delle Donne, è stato somministrato un questionario self-report in due fasi: prima dell’avvio...

Storie di donne: i laboratori nelle scuole

I laboratori realizzati nelle scuole ITET “De Viti De Marco” di Triggiano e Valenzano, I.I.S.S. “Da Vinci – Majorana” di Mola di...

I laboratori nelle scuole: dalla consapevolezza all’attivazione di modalità positive di trasformazione e confronto.

Attraverso la lettura e l’analisi di storie di donne “modello”, con riferimenti alla quotidianità e all’esperienza dei ragazzi e delle ragazze coinvolti/e,...