Grandissima partecipazione per il contest #viadelledonne. L’opera vincente nelle parole e nel racconto della vincitrice.

di

È giunto al termine #viadelledonne il concorso di idee nato con l’obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere la comunità tutta su temi quali gli stereotipi e il contrasto alla violenza di genere attraverso l’impatto visivo e narrativo che immagini e parole sono capaci di generare.
Le immagini e i claim sono stati valutati per il 40% dalla giuria popolare (esprimendo like su Facebook) e per il 60% da una giuria tecnica.

Sono state ben 69 le opere in gara, tantissimi i messaggi ricevuti attraverso tutti i canali di comunicazione di progetto ed in particolare sulla pagina Facebook Via delle Donne Puglia.
L’immagini vincitrice è la n. 32, facciamo i nostri più grandi complimenti all’autrice e a tutte e a tutti i partecipanti che hanno dedicato il loro tempo e la loro creatività per costruire messaggi contro la violenza sulle donne e contro gli stereotipi di genere.
Vi raccontiamo il senso e la storia dell’opera che si è aggiudicata il primo posto del contest, ricevendo più di 1700 like su Facebook, con le parole dell’artista che l’ha realizzata:

“Sono Licia, in arte Cipollotta, e sono consigliera del Direttivo dell’Organizzazione di Volontariato “Il Treno del Sorriso” (una associazione di clownterapia di Trani). In associazione sono responsabile della manualità e mi occupo con altri soci di realizzare bomboniere solidali e gadget per i mercatini con cui autofinanziamo le nostre attività in corsia e in luoghi dove purtroppo non regna sempre il sorriso.

Proprio per questo ho scelto di devolvere il premio vinto all’acquisto di attrezzature che possano servire alle attività dell’associazione, in particolare vorremmo comprare una fustellatrice con cui intagliare i tessuti per le bomboniere, una macchina fotografica per raccontarci, nonché archetti e una cassa Bluetooth per i nostri spettacoli.

Quando siamo venuti a conoscenza di questo contest ci siamo confrontati e abbiamo deciso che chiunque avesse voluto partecipare tra noi lo avrebbe fatto con una foto in cui fosse presente un naso rosso, il simbolo della nostra associazione. Personalmente non volevo partecipare, non per poca sensibilità verso il tema anzi proprio per il motivo opposto. Tuttavia proprio quella mattina ero in Caritas a cucinare con un’altra clown (la foto arrivata quarta in classifica), Enza, che mi ha coinvolta e stimolata, così un po’ per gioco mi son detta ma si, facciamolo.

Purtroppo ho subito, con mio figlio, molta violenza psicologica e ho voluto riproporre, tutto quello che ho subito, in quello scatto: io che normalmente sono grande e tutti mi vedono sempre forte, in realtà mi sono sentita piccola per molto tempo, isolata dal mondo e da tutto. Ho scelto quella frase perché mi sembrava che tutti, o quasi, mi puntassero il dito contro dicendomi che dovevo capirlo, che dovevo comprendere, ma nessuno era in grado di offrirmi una mano per rialzarmi.

Sono riuscita a farlo, sono riuscita a ricominciare e l’ho fatto per me e per mio figlio di 5 anni.

Si, si può ricominciare. Non nascondo che è difficile, ma si può ricominciare a vivere.

Io non avevo più un lavoro, né più un soldo sul conto corrente… ho avuto supporto dalla Caritas, i miei genitori non stavano per nulla bene e facevano quello che potevano, mentre tutti gli altri sembravano scomparsi.

Questa vittoria con voi è stata una rivincita personale, non per i soldi (che verranno usati per l’associazione di cui faccio parte), ma per essere riuscita con poco a trasmettere questo messaggio: il mio piccolo grande riscatto.

Cosa vorrei adesso? Che tutte le donne vittime di violenza, non solo fisica, sappiano che non sono sole ma che adesso ci sono delle persone, nei centri antiviolenza, pronte a porgere una mano anche quando parenti e amici puntano il dito contro. SI, SI PUÒ RICOMINCIARE A VIVERE! SI PUÒ RICOMINCIARE A ESSERE FELICI!!”

 

Qui di seguito la graduatoria definitiva delle opere in concorso:

NUMERO OPERA, TOTALE PUNTEGGIO, POSIZIONE IN GRADUATORIA

NUMERO ASSEGNATO TOT PUNTEGGIO GRADUATORIA
32 151,67
4 131,33
33 128,68
30 126,91
10 112,10
40 104,80
69 104,65
13 103,60
15 100,87
18 99,00 10°
21 97,72 11°
16 95,22 12°
5 92,96 13°
6 90,60 14°
48 90,27 15°
31 89,76 16°
7 88,43 17°
22 87,57 18°
37 87,36 19°
12 87,16 20°
68 87,16 20°
2 85,14 21°
29 84,82 22°
58 84,52 23°
19 84,08 24°
11 83,92 25°
45 83,38 26°
53 82,90 27°
51 82,74 28°
35 82,49 29°
38 81,31 30°
42 81,05 31°
60 80,41 32°
23 79,31 33°
1 79,13 34°
24 77,57 35°
47 77,47 36°
27 77,09 37°
39 76,98 38°
61 76,21 39°
26 75,91 40°
44 75,81 41°
49 75,51 42°
3 75,50 43°
52 75,32 44°
8 74,92 45°
28 74,13 46°
20 73,51 47°
64 73,22 48°
57 73,03 49°
25 72,92 50°
59 72,48 51°
14 71,46 52°
9 71,36 53°
56 71,32 54°
55 71,12 55°
41 70,36 56°
62 70,25 57°
43 69,36 58°
46 69,13 59°
50 68,28 60°
65 67,95 61°
36 67,23 62°
54 65,43 63°
66 65,28 64°
63 63,95 65°
67 60,81 66°
17 58,88 67°
34 58,49 68°

 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Riparte nell’I.I.S.S. “Giannelli” di Parabita-Casarano il Laboratorio EQUA TOPONOMASTICA

di

Riparte nell’I.I.S.S. “Giannelli” di Parabita-Casarano il Laboratorio Equa Toponomastica, sostenuto da Fondazione con il Sud con il Bando Donne 2017. Il laboratorio,...

14 e 15 marzo 2019, Corso gratuito Wen-do per 20 ragazze adolescenti

Il 14 e il 15 marzo, a partire dalle ore 15, nella Palestra Gold’s Gym in contrada Alezza a Crispiano (Taranto), si...

Pratiche filosofiche per riconoscere stereotipi e prassi violente

Il Progetto Via delle donne, nel segmento a cura della Cooperativa TelaLAB, si occupa anche di ideare e generare processi in cui...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK