Impegno Solidale, partner di progetto, ha avviato un contratto di lavoro per una donna dopo l’esperienza di tirocinio.

Al fine di sostenere il processo di autonomia e re-inserimento sociale delle donne vittime di violenza, il progetto ha avviato un ampio programma di interventi volti a contribuire attivamente alla tutela e all’autonomia delle donne, e dei loro figli, attraverso azioni di inclusione socio-lavorativa, limitando l’assistenzialismo e facendo leva sulle capacità di autogestione ed empowerment.

In modo più specifico finora sono stati attivati 5 percorsi di inserimento lavorativo negli ambiti di zona di Nardò, Maglie e Gallipoli di cui uno si è già trasformato in un contratto di lavoro presso la cooperativa Impegno Solidale, partner di progetto, che ha assunto una donna coinvolta nel progetto dopo l’esperienza di tirocinio.
I progetti finora attivati impegneranno le donne in tirocini formativi nell’ambito di una mensa scolastica, personale ausiliario scolastico, esercizi commerciali, strutture per anziani e in servizi di pulizie di ambienti comunali.
L’entusiasmo e l’impegno delle donne coinvolte valorizza ulteriormente l’azione di inserimento lavorativo prevista dal progetto e fa emergere in modo evidente il desiderio e la volontà di rimettersi alla guida della propria vita in modo autonomo e autodeterminato.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Pratiche filosofiche per riconoscere stereotipi e prassi violente

Il Progetto Via delle donne, nel segmento a cura della Cooperativa TelaLAB, si occupa anche di ideare e generare processi in cui...

Grandissima partecipazione per il contest #viadelledonne. L’opera vincente nelle parole e nel racconto della vincitrice.

di

È giunto al termine #viadelledonne il concorso di idee nato con l’obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere la comunità tutta su temi quali...

Storie di donne: i laboratori nelle scuole

I laboratori realizzati nelle scuole ITET “De Viti De Marco” di Triggiano e Valenzano, I.I.S.S. “Da Vinci – Majorana” di Mola di...