Bosco Pantano, la grande quercia tra gli alberi monumentali d’Italia

di

La grande quercia di Bosco Pantano

La “grande quercia” del Bosco Pantano di Policoro è tra gli alberi monumentali d’Italia.  Per rarità botanica, forma e portamento, lo splendido esemplare di  “quercus robur” è stato inserito nell’ultimo aggiornamento dell’elenco ufficiale del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, pubblicato dal Difor il 5 maggio 2021.

 

La grande quercia
La grande quercia si staglia tra le piante di Bosco Pantano

“Si tratta di uno dei pochi esemplari di farnia rinvenibili nella Riserva Naturale Bosco Pantano di Policoro – si legge nella scheda di identificazione della pianta- ultimo relitto di quella che fu una delle formazioni planiziali forestali più interessanti dell’Italia meridionale. Nonostante il notevole valore ecologico dei boschi planiziali sussistono, criticità circa la loro conservazione legate al contesto territoriale in cui essi insistono: questo tipo di formazioni in passato sono state oggetto di sfruttamento intensivo che ne ha ridotto l’estensione e frammentato la distribuzione, rendendo tali ecosistemi estremamente vulnerabili. Nell’ambito del progetto “L’ultima foresta incantata”, attualmente in atto, si punta proprio a tutelare e salvaguardare il particolare habitat rappresentato dal bosco meso- igrofilo, inserito in un contesto vegetazionale  azonale e pertanto di alto valore ecologico , influenzato negativamente dagli effetti dell’antropizzazione dell’area. Criterio di forma o portamento particolari: è legato alla presenza di contrafforti basali del fusto di grosse dimensioni ed al portamento maestoso che la pianta ha assunto”.

Individuata percorrendo un sentiero sterrato  in contrada Giumentiera, su  suolo cespugliato e debolmente compattato,  la “grande quercia” (così è comunemente identificata) è alta venti metri, ha una circonferenza di 2,83 metri e un’età tra i 100 e i 200 anni.

Il suo inserimento nell’elenco degli alberi monumentali d’Italia ne riconosce il notevole interesse pubblico: la grande quercia, infatti,  non solo ci racconta la storia del paesaggio, ma a livello scientifico  è custode di testimonianze genetiche preziosissime.

Per il progetto “L’ultima foresta incantata” l’ennesimo traguardo raggiunto nella direzione della tutela e della salvaguardia della Riserva orientata Bosco Pantano di Policoro che si conferma un autentico archivio vivente di memorie.

Finanziato da Fondazione con il Sud, L’ultima foresta incantata raccoglie intorno a sé: Legambiente Montalbano (capofila), Organizzazione Aggregata WWF Costa Ionica Lucana (promotore), Università degli Studi della Basilicata, Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Bioscienze e Biorisorse, Amministrazione Provinciale di Matera, Associazione culturale “I Colori dell’Anima”, Associazione Protezione Civile Gruppo Lucano – Viggiano, Centro servizi impresa soc. coop e Centro Studi Appennino Lucano.

https://www.facebook.com/ultimaforestaincantata

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

La lontra ed i suoi cuccioli

di

Grazie al monitoraggio faunistico in corso siamo riusciti a catturare le immagini dei cuccioli di lontra nati nel 2019. La madre li...

Nel Bosco Pantano di Policoro è arrivato il lupo

di

Nel Bosco Pantano di Policoro non solo alberi secolari e specie vegetali da salvare. Da marzo 2019 nella fitta vegetazione della Riserva...

Bosco Pantano: prosegue la raccolta dei semi di Farnia

di

La Riserva Regionale Orientata “Bosco Pantano” di Policoro custodisce al suo interno ciò che resta dell’antica foresta planiziale che si estendeva a...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK