LE FOTO DELL’ESCURSIONE “ALLA SCOPERTA DEL MULINO RITROVATO DEL 1° MAGGIO SCORSO

di

Il 1° maggio si è svolta l’escursione l’escursione “Alla scoperta del mulino ritrovato”, organizzata nell’ambito del progetto Sve(g)liamo la Dormiente. Un sentiero insolito, sconosciuto ai più che ha attraversato terreni e zone di montagna tra Tocco Caudio e Cautano, dove in passato la popolazione locale si dedicava alla coltivazione di patate, fagioli e ciliegie. Lo spopolamento ha portato all’abbandono di queste zone ma la loro bellezza resta immutata.

Nel corso dell’escursione abbiamo potuto ammirare i giochi d’acqua della Jenga, il torrente che dalla Piana di Prata scende verso Maione; i ruderi del Mulino Ritrovato, scoperto per caso grazie al ritrovamento di una planimetria del 1853 del Comune di Cautano e riportato alla luce con un restauro nel 2015; Gradola, attraversata dal Sentiero Italia, con i suoi campi destinati alla coltivazione dei fagioli di montagna; un tratto dell’antico sentiero che attraversa tutte le Coste di Tocco e che ci ha condotti fino a Serrotola, famosa un tempo per i suoi ciliegi e i suoi castagneti.

È emozionante poter condividere la bellezza dei luoghi che ci circondano con gli altri. Fare scoprire loro il nostro territorio, un territorio bellissimo ma spesso poco valorizzato. È questo lo spirito che ha animato gli organizzatori.

Ricordiamo che l’escursione è stata organizzata dall‘Associazione Terra & Radici, che nell’ambito del progetto “Sve(g)liamo la Dormiente” cura le azioni “Percorsi ambientali, storici e di gusto” e “Promozione e Valorizzazione della Sentieristica”, in collaborazione con l’associazione WWF Sannio. Partner dell’iniziativa è la Sezione del CAI di Benevento che collabora alle azioni sui sentieri del progetto e la Proloco di Cautano

Ai loro presidenti va un particolare ringraziamento per aver contribuito alla buona riuscita di questo evento.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

? Installazione di casette per il ricovero e la riproduzione di mammiferi ed uccelli

di

Censiti 2 siti d'accoppiamento di pipistrelli nel corso delle attività di monitoraggio delle bat box sul Taburno-Camposauro.

POSIZIONAMENTI RIFUGI PER PIPISTRELLI

di

Conclusa la fase di posizionamento dei rifugi per pipistrelli (bat-box) nell'area forestale del Parco Regionale del Taburno Camposauro.

??VALORIZZAZIONE PRODOTTI NON LEGNOSI: ANALISI E RIFLESSIONI A CONCLUSIONE DEL CORSO

di

LA RACCOLTA DEI PRODOTTI FUNGINI E VEGETALI DEL SOTTOBOSCO. Si è conclusa l’azione 16295 del progetto Sve(g)liamo la dormiente riguardante la formazione...