L’UOMO E IL FUOCO

di

Allo scopo di esaminare il Rischio di Incendio del Parco, i nostri tecnici hanno preso in considerazione uno dei fattori fondamentali del fenomeno: il fattore umano. Considerando che oltre il 90% degli incendi boschivi sono da ricondursi a cause dolose o colpose dovute alla “mano” dell’uomo, sono state analizzate le dinamiche della popolazione e delle attività agricole connesse nei comuni che rientrano, anche parzialmente, all’interno dei confini del Parco.

Fig. 1 – Popolazione residente nei comuni del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri-Lagonegrese

 

Elaborando i dati ISTAT (fig. 1), si denota come il numero dei residenti è decisamente contenuto, la maggior parte dei comuni non ha più di 5.000 abitanti, solo un comune, Lauria, supera i 10.000 abitanti. I comuni maggiormente popolati sono quelli che gravitano intorno al capoluogo di Regione, Pignola e Tito in particolare, e quelli a Sud dell’area di interesse (Lauria e Lagonegro). Gli altri comuni maggiormente abitati sono quelli dell’alta val d’Agri: Brienza, Marsico Nuovo, Marsicovetere e Viggiano, che hanno subito negli anni flussi migratori più contenuti.

Fig. 2 – Indicatori statistici sulle dinamiche della popolazione

 

In figura 2 è possibile analizzare come, nel periodo 2001-2011, il decremento della popolazione è decisamente elevato con tassi negativi che spesso superano il 10%. Più contenuti sono i decrementi nelle aree a Sud (Lauria, Nemoli, Rivello, ecc.) che risentono probabilmente del polo turistico attrattivo dell’area di Maratea. Tassi di incremento della popolazione si rinvengono soltanto nelle aree a Nord, in quei comuni che gravitano intorno al capoluogo di Regione (Pignola, Tito, Satriano, ecc.) e nei comuni di Marsicovetere e Sarconi, il primo probabilmente in relazione all’espansione della zona residenziale di Villa d’Agri, il secondo allo sviluppo del settore gastronomico legato al “Fagiolo IGP di Sarconi”.

I flussi migratori, che hanno interessato soprattutto le fasce giovanili, hanno influito notevolmente sull’invecchiamento della popolazione.

Esaminando, infatti, i valori dell’indice di vecchiaia (rapporto demografico percentuale tra la popolazione anziana: ≥ 65 anni e la popolazione in età giovanile: < 15 anni), si denota come, soprattutto per i comuni della fascia centrale, l’invecchiamento della popolazione è decisamente sostenuto (2-3 anziani per giovane, fino anche a 5), mentre valori dell’indice inferiori a 100 (valore che indica la presenza di un anziano per un giovane) si rilevano soltanto per i comuni di Marsicovetere, Tito e Pignola.

I fenomeni di spopolamento e di invecchiamento demografico hanno inciso, ovviamente, sulla struttura del lavoro nel settore agro-silvo-pastorale, con una riduzione, spesso notevole, della Superficie Agricola Utilizzata (SAU) e del settore zootecnico. Questo, se da una parte può incidere positivamente sul rischio di incendio, attraverso la riduzione di pratiche agricole inadeguate o eseguite in modo scorretto (bruciatura delle stoppie, rinnovo del pascolo, bruciatura dei residui di utilizzazione dei boschi, ecc.), dall’altra assume un ruolo negativo riconducibile a due fattori fondamentali:

  • riduzione del presidio e controllo del territorio da parte degli addetti del settore agro-pastorale;
  • fenomeni di espansione forestale, soprattutto di vegetazione arbustiva termofila, riconducibile a “modelli di combustibile” particolarmente propensi alla infiammabilità e alla probabilità di propagazione del fuoco.

Analizzando gli eventi incendiari nell’arco temporale 2005-2019, si nota come, sia per quanto riguarda la numerosità degli eventi che l’area percorsa dagli incendi, i comuni che risultano essere particolarmente suscettibili sono i comuni a Sud dell’area (Lauria, Rivello, Nemoli, Lagonegro) e quelli della parte centro-settentrionale.

Si tratta, generalmente, dei comuni a maggiore densità abitativa: le analisi di correlazione tra popolazione e numero di incendi risultano, infatti, statisticamente significative. In queste aree, soprattutto quelle centro-settentrionali (Marsico, Tramutola, Calvello, Sasso di Castalda, Montemurro, ecc.) è maggiormente elevato il numero di aziende agricole e la SAU percentuale, così come il carico zootecnico (comuni di Brienza, Viggiano, Paterno, Tramutola, Calvello, Tito, ecc.).

Nei comuni a Sud (Lagonegro, Nemoli, Rivello e Lauria) incidono le attività agricole (SAU elevata e elevato numero di addetti al settore agricolo) e zootecnica, che influiscono negativamente, con ogni probabilità, in conseguenza ad operazioni colturali agro-silvo-pastorali non appropriate.

Fig. 3 – Frequenza degli incendi e area percorsa dal fuoco nei comuni del Parco

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Le aree di espansione naturale delle foreste

di

  Man mano che si procede con le attività di SPRINt, emergono ulteriori output, non ipotizzati nella fase iniziale, che risultano di...

L’analisi degli incendi nel Parco dell’Appennino Lucano

di

PROGETTO – La conoscenza delle superfici percorse dal fuoco è un requisito di fondamentale importanza ai fini del progetto SPRINt, in quanto...

Incontro del 02/04/2019

di

Il 2 Aprile scorso  si è tenuto il primo incontro del progetto SPRINt. L’incontro è stato ospitato dal CGIAM, Ente capofila. Hanno...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK