A Villa Adriana l’evento finale del progetto antiviolenza “Amorù”: La rete continua

di

Presentati i dati della ricerca della S.I.Me.Ge.N. svolta agli Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello: il 40% delle donne intervistate è stata vittima di violenza

Si è svolto a Palermo, a Villa Adriana, l’evento finale del Progetto “Amorù, troppo amore uccide”, durato quattro anni e realizzato grazie al sostegno di Fondazione Con il Sud. La missione principale del progetto era quella di creare una rete a sostegno delle donne vittima di violenza nell’area est della provincia di Palermo. Ed in effetti, nonostante le limitazioni dovute al lungo periodo della pandemia, che ha investito gran parte del periodo progettuale, l’associazione Life and Life, capofila del progetto, grazie alla collaborazione di tutti gli altri partner, è riuscita a costituire una rete che adesso continuerà a svolgere il suo ruolo di assistenza e supporto alle donne vittima di violenza.

“Le nostre azioni continueranno – afferma Valentina Cicirello, dell’associazione Life and Life. – Nel corso di questi tre anni abbiamo sottoscritto protocolli con scuole, Comuni, con il dipartimento di scienze psicologiche e pedagogiche dell’Università di Palermo, con l’assessorato Regionale della Formazione Professionale. Abbiamo avuto l’opportunità di formare tanti altri enti e associazione e, grazie a queste attività, sono nati gli sportelli antiviolenza di Palermo, Villabate e Altavilla e i centri di ascolto di Marineo, Castellana, Cefalù, oltre ad una casa ad indirizzo segreto nell’area della provincia est di Palermo, dove le donne più esposte al rischio di violenza hanno trovato un riparo sicuro e confortevole. Adesso che il progetto è terminato di certo non lasceremo sole le donne che abbiamo preso in carico. Il nostro sportello di ascolto, realizzato all’interno di un bene confiscato alla mafia, continuerà a funzionare e siamo già a lavoro per aprire un nostro centro antiviolenza in città.  Insomma, il lavoro della rete continua e speriamo di essere sempre più forti e numerosi perché non va dimenticato un dato allarmante comunicato pochi mesi fa dal Ministero della Pari Opportunità, la Sicilia purtroppo è ancora tristemente prima per atti persecutori contro le donne in Italia.

Nel corso della serata sono stati presentati i risultati di una delle due ricerche commissionate nell’ambito del progetto, quella svolta dall’associazione S.I.Me.Ge.N. (Società Italiana di Medicina di Genere nelle Neuroscienze) in ambito sanitario.  A condurre lo studio coordinato dalla Dottoressa Marina Rizzo, sono state le dottoresse Ida Stampone, Claudia Ventimiglia ed Erica Lo Iacono che hanno somministrato un questionario al personale medico, infermieristico e sanitario degli Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello. Dal campione (composto da 187 donne e 108 uomini) è emerso che il 40% delle donne intervistate è stata vittima di violenza almeno una volta nel corso della loro vita L’evento si è chiuso con la proiezione di alcuni corti selezionati da Beppe Manno, direttore artistico della “Rassegna Itinerante del Cinema d’autore”.

 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Violenza di genere, crimini in aumento. L’appello della “Rete Antiviolenza Amorù” alle donne che si sentono in pericolo: “non esitate a contattarci”

di

La tragica vicenda di Roberta Siragusa ha riacceso nuovamente i riflettori sul dramma della violenza di genere. Purtroppo neanche Il periodo del...

Per la “Giornata Internazionale delle Bambine”, a Villabate si dice “Stop ai matrimoni precoci”.

di

“Stop ai matrimoni precoci e alla violenza di genere” è il titolo dell’iniziativa che si svolgerà venerdì 11 ottobre nella Biblioteca Comunale...

L’autonomia delle donne vittime di violenza passa anche attraverso la crescita culturale

di

Un protocollo d’intesa con l’assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione della Regione Siciliana. L’ha firmato l’organizzazione umanitaria internazionale “LIFE and LIFE Onlus”,...