In-Community: le startup del primo anno lasciano il testimone alla call 2022-2023

di

Venerdì 1º luglio si è svolto il Demo Day di In-Community, il percorso di accelerazione per realtà del terzo settore curato da The Qube all’interno di Pro Officine Mezzogiorno, un progetto di inclusione e rigenerazione sociale sviluppato con il sostegno di Fondazione CON IL SUD e Italiacamp insieme al Comune di Lecce e all’Istituto di Istruzione Secondaria Suoeriore Galilei-Costa-Scarambone.

L’evento è stata l’occasione per presentare i progetti del primo ciclo del percorso di accelerazione e per lanciare la call con cui fino al 30 settembre 2022 verranno raccolte e selezionate le realtà del terzo settore che parteciperanno alla seconda edizione di In-Community.

Il Demo Day è stato aperto dai saluti istituzionali del Sindaco di Lecce Carlo Salvemini che ha presentato Pro Officine Mezzogiorno: “un progetto di sperimentazione di innovazione che va componendosi, definendosi nel tempo e di cui il Demo Day è un passaggio fondamentale”. Con Pro Officine Mezzogiorno si sperimentano infatti alcune delle attività formative e di accelerazione dell’hub Officine Mezzogiorno, progettato nell’ambito del Fondo di Innovazione Sociale, il fondo della Presidenza del Consiglio dei Ministri finalizzato a rafforzare la capacità delle pubbliche amministrazioni di realizzare interventi di innovazione sociale volti a generare nuove soluzioni, modelli e approcci per la soddisfazione di bisogni sociali, con il coinvolgimento di attori privati.

Proprio sul futuro dell’hub si è soffermato Fabrizio Sammarco, Amministratore Delegato e Fondatore di Italiacamp, sottolineando come “siamo riusciti a curare prima i contenuti e poi il contenitore. Pro Officine Mezzogiorno infatti, non è un investimento per uno spazio ma per connettere questo territorio con le grandi città che hanno prospettive di sviluppo che possono essere calzanti anche per Lecce. Non è un progetto di Lecce per Lecce, ma di Lecce per l’Italia: non per trattenere, ma per creare dei flussi di liberazione e attrazione”. 

Il progetto In-Community è stato invece raccontato da Salvatore Modeo, Presidente di The Qube: “il tassello di un progetto più grande per creare un hub di innovazione. Stiamo facendo emergere realtà del terzo settore sul territorio che ci auguriamo andranno ad animare questo nuovo spazio, ma intanto lavoriamo sul capitale umano”.

Gaia Marcorelli, Segretario Generale dell’Associazione Italiacamp, è entrata nel dettaglio delle attività di Pro Officine Mezzogiorno che oltre al percorso di accelerazione prevede una serie di corsi di education per ragazzi e ragazze sui mestieri del futuro realizzati da Italiacamp insieme l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Galilei-Costa-Scarambone. In questo primo anno di attività si sono infatti tenuti lo Space Camp e lo STEAM Camp Family. Il primo, realizzato grazie al partner scientifico British Interplanetary Society, per avvicinare i giovani partecipanti alle discipline degli astronauti facendoli diventare programmatori di prototipi di satelliti spaziali. Il secondo pensato per ridurre il gap digitale tra genitori e figli attraverso l’acquisizione di competenze su coding, robotica, stampa 3D e realtà virtuale.

Raffaella Ferreri, Acceleration Program Manager di The Qube ha invece presentato la nuova edizione della call che prevede la selezione di tre realtà che parteciperanno al secondo ciclo di In-Community. Per partecipare alla call bisogna registrarsi e caricare il proprio progetto sul sito https://www.proofficinemezzogiorno.it/ entro il 30 settembre.

Dopo il lancio dell’edizione 2022-2023 è stato il momento dei pitch di Culturambiente, Movidabilia e Locomotive, le protagoniste del primo ciclo di In-Community: si sono raccontate al parterre di stakeholder dell’innovazione presentando i loro progetti, gli sviluppi e i loro obiettivi futuri. Un lavoro apprezzato da tutti i presenti e su cui le stesse hanno potuto mettere in pratica le competenze acquisite durante il percorso.

L’evento è stato concluso dagli interventi di Davide Zanoni, General Partner e Responsabile area investimenti di Avanzi Impact, Roberto Iannaccone, Senior Analyst di Fondazione Giordano Dell’Amore e Sonia Gennaro, Marketing & Communication Manager di Lita Crowdfunding, attori in ambito nazionale del panorama della social innovation e dell’impatto, che hanno fornito ai presenti una vista dettagliata delle attività portate avanti dalle proprie organizzazioni, anche in riferimento ai campi di azione delle realtà protagoniste del Demo Day.

Non sono mancate le domande dal pubblico, composto dai rappresentanti di molte realtà locali afferenti al campo dell’innovazione sociale e della ricerca, che hanno animato un sano dibattito volto ad approfondire gli obiettivi e i prossimi passi dei referenti di Culturambiente, Movidabilia e Locomotive.

Regioni

Ti potrebbe interessare

IN-COMMUNITY: al via il percorso di accelerazione di Pro Officine Mezzogiorno

di

Nella giornata di lunedì 10 gennaio, presso Officine Cantelmo, ha preso il via IN-COMMUNITY, il percorso di accelerazione sviluppato da The Qube...

InCommunity al via la call per l’edizione 2022-2023

di

Durante il Demo Day di venerdì primo luglio è stata lanciata la call per partecipare alla seconda edizione di InCommunity, il percorso...

IN-COMMUNITY: vi presentiamo il Locomotive Jazz Festival

di

Il Locomotive Jazz Festival è una delle realtà che prendono parte al percorso di accelerazione IN-COMMUNITY realizzato da The Qube all’interno del...