“Il Mercante di Venezia” interpretato dai ragazzi de La Scintilla

di

La “diversità” è una ricchezza, ma spesso spaventa e genera paura. La “paura” verso ciò che non si conosce spesso crea stati di violenza e aggressività.

Leggi di più...

I giovani con disabilità dell’Associazione onlus La Scintilla, partner della rete Opera 5,  hanno interpretato secondo una loro lettura, l’opera di William Shakespeare “Il Mercante di Venezia”. La compagnia teatrale Orbomu, è questo il loro nome, da anni sotto la guida di Aniello Mallardo interpreta opere di grandi scrittori ed artisti modellando il tutto alle loro capacità di recitazione e diffusione di emozioni.
L’opera è stata messa in scena proprio sottolineando che “diverso” non significa “pericolo” per sé o gli altri, ma gioia di crescere nella conoscenza e nella coscienza.
Quest’anno, inoltre, la compagnia Orbomu ha avuto la possibilità di recitare in un luogo dal distintivo interesse culturale, il Real Albergo dei Poveri rendendo tutto ancora più magico; l’edificio è il maggiore palazzo monumentale di Napoli ed una delle più grandi costruzioni settecentesche d’Europa.
Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione dell’Associazione Sportiva Kodokan che da anni sostiene La Scintilla per la promozione dello sport e della “cultura”.
“Continueremo a promuovere queste iniziative sperando che ogni anno partecipino sempre più persone, perchè il teatro è una cura per l’anima di chi lo fa ma anche di chi ne fruisce”, dichiara Maria Grazia Procentese coordinatrice de La Scintilla.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il Centro per le Famiglie del Pio Monte della Misericordia: Un Faro di Sostegno

di

Il Centro per le Famiglie del Pio Monte della Misericordia è un faro nell’ambito dei servizi sociali, nato con il progetto Opera...

La rete di Opera 5 per la Pasqua 2022

di

Sono state tante le attività che hanno caratterizzato la Pasqua della rete di Opera 5. Da grande collettore di risorse, strumenti e...

Opera 5 ospita famiglie ucraine rifugiate

di

Grazie al progetto Opera 5 ed insieme ai due dei partner di progetto “Fondazione Massimo Leone”,  l’Associazione di Promozione  Sociale “La Casa di Matteo”...