Acquerello mitologico “Ulisse e le Sirene” @Officine Gomitoli

Quello delle sirene è indubbiamente un canto seducente: la loro voce ammaliava i marinai, che nel tentativo di afferrarla la seguivano a nuoto e perivano per annegamento.

Per sfuggire alla loro voce seducente, Ulisse tura le orecchie dei compagni con della cera e si fa poi legare all’albero maestro per poter ascoltare il loro canto, senza però restare imbrogliato nelle loro trame insidiose. Non ci sono barriere al desiderio di conoscenza di Odisseo, non c’è paura e non c’è un orizzonte. La nave giunge all’isola delle sirene: il vento cessa e le onde sono addormentate da un dio.

Così dopo aver ascoltato il mito omerico, supportato anche dalla visione di alcune scene di “I pirati dei Caraibi”, i ragazzi e le ragazze hanno rappresentato quello che per loro è il potere di seduzione di queste mostruose fanciulle suadenti…

P1040842 P1040844 P1040845 P1040846 P1040847 P1040848 P1040849 P1040851 P1040852 P1040853 P1040854 P1040855 P1040856 P1040857 P1040858 P1040859 P1040860 P1040861 P1040862                                           P1040863  P1040865

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK