In gioco: Innovare i servizi per il lavoro potenziando l’inclusione lavorativa dei migranti

Come potenziare l’inclusione lavorativa dei migrati che vivono nella città di Palermo? È possibile abbattere gli stereotipi occupazionali e contrastare lo sfruttamento dei migranti innovando i servizi per il lavoro?

È ufficialmente partito In gioco, un progetto che si rivolge a migranti giovani e adulti, uomini e donne, che vengono fuori o che stanno cercando di uscire da situazioni di sfruttamento lavorativo e sessuale.

Nello specifico, In gioco è intende:

  • creare un sistema di welfare comunitario per innovare i servizi per il lavoro dedicati ai migranti;
  • contrastare il loro sfruttamento lavorativo;
  • aumentare la loro l’occupabilità in settori produttivi inediti (servizi per l’orientamento, educazione e infanzia);
  • sostenere il sogno di un collettivo di giovani migranti di avviare un’impresa sociale dedicata all’educazione e all’infanzia.

Il 21 settembre 2018, abbiamo partecipato al primo incontro tra i partner del progetto presso la sede di SEND.

Dopo un breve giro di presentazione da parte di tutti i partecipanti e la definizione degli obiettivi, abbiamo concentrato i lavori sulle maggiori criticità del sistema italiano in materia di inclusione presentando i dati dell’Ottavo Rapporto annuale 2018 “Gli stranieri nel mercato del lavoro in Italia” del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e una Mappa delle aggressioni a sfondo razziale avvenute in Italia dall’insediamento del nuovo governo.

Tutto il partenariato si è mostrato molto preoccupato dal nuovo scenario politico e ha individuato nel nuovo Decreto Sicurezza un concreto fattore di rischio all’attuazione di pratiche di inclusione e di accoglienza. Restano punti di forza del progetto la coesione del partenariato, la rete di organizzazioni che condividono con forza la necessità di continuare a costruire pratiche di accoglienza, una amministrazione Comunale orientata sempre di più a eliminare barriere e creare opportunità di accesso ai diritti.

Nei prossimi mesi, saremo impegnati nelle seguenti attività:

  • realizzeremo uno sportello itinerante di orientamento, formazione e inserimento lavorativo rivolto a migranti operato da un gruppo, selezionato tra giovani migranti, di orientatori peer to peer;
  • avvieremo Giocherenda, un’impresa sociale nata per realizzare giochi che stimolano la fantasia, le narrazioni e la solidarietà e costituita da giovani arrivati in Italia come minori stranieri non accompagnati,
  • innestemo percorsi di accompagnamento al lavoro nel settore dei servizi per l’infanzia e l’educazione

In gioco è un progetto selezionato da Fondazione con il Sud, nell’ambito dell’Iniziativa Immigrazione 2017.

Il progetto coinvolge 10 organizzazioni:

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Orientamento di II livello di In Gioco: il percorso continua a distanza

di

In seguito alle misure restrittive legate al diffondersi del COVID-19, abbiamo dovuto interrompere gli incontri fisici del nostro percorso di orientamento, ma...

Graduatoria finale selezione Mediatori culturali peer-to-peer per l’orientamento al lavoro

Di seguito è pubblicata la lista degli ammessi al percorso formativo professionalizzante In gioco della durata di 140 ore finalizzato a conseguire...

Lo sportello di orientamento peer to peer di In Gioco continua anche a distanza

di

Gli orientatori peer to peer del progetto In Gioco restano a disposizione degli utenti anche a distanza. Karidja, Harouna, Moussa e Ousman continueranno ad...