A Partinico arriva il sistema Precious Plastic per riutilizzare i rifiuti plastici

di

E’ stato inaugurato oggi all’Istituto d’Istruzione superiore “Mario Orso Corbino” di Partinico “Precious Plastic”: il sistema che trasforma i rifiuti in prodotti di qualità. A realizzare il macchinario sono stati studenti ed insegnanti nell’ambito del progetto “Generazioni virtuose – azioni di riciclo mai viste”, sostenuto da Fondazione con il Sud. A tagliare il nastro nel container, trasformato in laboratorio artigianale ed artistico, è stato l’arcivescovo di Monreale Michele Pennisi. Il tema delle “conversione ecologica” è al centro dell’enciclica «Laudato si’» di papa Francesco.

Ad aprire l’incontro è stata la dirigente scolastica Francesca Adamo, che ha sottolineato come “il riciclo della plastica possa diventare anche un’opportunità imprenditoriale per gli studenti attraverso il commercio dei manufatti ricavati”. L’idea è applicare il metodo dell’upcycling, ovvero del riutilizzo creativo di materiali di scarto che diventano oggetti di maggiore qualità.
“L’inaugurazione di oggi – spiega il coordinatore del progetto Gianluca Cangemi – rappresenta il cuore di Generazioni virtuose, che ruota attorno al tema dell’ecologia e mette insieme Comuni, associazioni di volontariato e scuola impegnati in uno sforzo creativo per riciclare e riutilizzare materiali plastici”.

Flaconi e tappi diventano caleidoscopiche piastrelle di un mosaico

Le bottiglie ed i tappi raccolti, grazie al macchinario, diventano caleidoscopiche piastrelle di diverse taglie e forme. Serviranno a creare mosaici destinati a decorare i Comuni partner in un’ottica di riqualificazione urbana.
“In meno di due mesi siamo riusciti a realizzare un macchinario che in Olanda ha avuto due anni di gestazione. La nostra scuola ha infatti laboratori, attrezzature e competenze che ci hanno permesso di dare vita al precious plastic in tempi rapidi”, racconta Nicolò Agnello, docente dell’Istituto “Mario Orso Corbino” di Partinico.  La plastica, selezionata e pulita, viene triturata e poi sciolta all’interno di cliché metallici che danno nuova forma.

All’incontro sono intervenuti, come ospiti, anche Massimo Fundarò, assessore all’Ambiente del Comune Calatafimi-Segesta e Dorotea Di Trapani, capo di gabinetto dell’Assessorato Regionale del Territorio e dell’Ambiente.

Le comunità coinvolte sono Montelepre, San Cipirello, Balestrate, Giardinello, San Giuseppe Jato e Partinico. A rappresentare i Comuni c’erano il sindaco balestratese Vito Rizzo e Maria Baratta, una delle commissarie che guida la municipalità partinicese

A sottolineare il patto intergenerazionale tra giovani ed anziani è stata Nuccia Gaetani, presidente dell’associazione Auser “Francesco Purpura” di Montelepre. Che è l’ente capofila del progetto a cui aderiscono è i Comuni di Balestrate, Giardinello, Montelepre e San Giuseppe Jato, l’Istituto “Mario Orso Corbino” di Partinico, l’Associazione civica balestratese Auser, la Cna Palermo, Liberitutti, il circolo Legambiente “Giuseppe Giordano” e l’associazione Kaleidos Cultura e Natura di San Cipirello.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Recupero e riciclo delle plastiche dal mare: oggi la presentazione del progetto a Balestrate

di

Verrà presentato oggi pomeriggio, alle ore 18, il progetto di “Recupero e riciclo delle plastiche dal mare”. L’incontro, promosso dall’Associazione civica balestratese...

Ripulito il parco giochi comunale a San Giuseppe Jato

di

L’iniziativa “Puliamo il Mondo”, promossa da Legambiente, ha fatto tappa questa mattina a San Giuseppe Jato, nel Palermitano. Dove, nell’area polifunzionale dell’ex...

Un ritorno a scuola all’insegna del riciclo creativo

di

Con la riapertura delle scuole ripartono anche le attività di sensibilizzazione del progetto “Generazioni virtuose – azioni di riciclo mai viste”. Da...