Benvenuti nel blog di “GenerAZIONI FRUTTUOSE!

di

Benvenuti nel blog del progetto “GenerAZIONI FRUTTUOSE. Centro Servizi Intergenerazionale”.

In questo spazio vogliamo raccontarvi della restituzione alla collettività di un bene confiscato alla criminalità, ma anche di una comunità che giorno dopo giorno diventa protagonista di iniziative di riscatto.

Con il progetto “GenerAZIONI FRUTTUOSE” vogliamo trasformare un bene confiscato già Centro di aggregazione giovanile per l’arte e la cultura in un vero e proprio Centro Servizi Intergenerazionale.

Quando il 14 luglio 2017 iniziavamo il nostro percorso all’interno del bene confiscato, abbiamo subito capito che per promuovere comunità alternative alla criminalità organizzata non bastava la passione per l’arte e la cultura. Il territorio ha urgentemente bisogno di servizi socio-educativi.

Così – in risposta all’invito della Fondazione CON IL SUD e della Fondazione Peppino Vismara a presentare proposte per il potenziamento delle iniziative attivate sui beni confiscati – abbiamo voluto avviare una nuova riflessione e metterci in gioco. Grazie al contributo di qualificati partner, con esperienze sia nell’ambito dei servizi socio-educativi che nell’ambito dell’economia sociale, abbiamo voluto farci carico di questa nuova sfida.

Il bene confiscato e la sua storia
Si tratta di un complesso residenziale per civile abitazione confiscato a Luigi Venosa e situato a Casapesenna in via Cagliari n.13. L’immobile non era mai stato registrato al Catasto urbano fino all’anno della sua confisca nel 1995, che risulta agli atti l’anno di costruzione anche se in realtà la struttura è di edificazione precedente. Il 3 marzo 1999 l’Agenzia del Demanio ha trasferito l’immobile al patrimonio del Comune di Casapesenna per essere destinato a scuola materna. Nel frattempo il bene ha subito diversi atti vandalici. Dopo una prima ristrutturazione del bene finanziata con i fondi del Ministero dell’Interno – PON Sicurezza, il bene è stato assegnato dapprima all’Associazione “Terra Nuova – Pasquale Miele e Antonio Di Bona vittime innocenti della Camorra” e dopo essere stato riconsegnato, è stato assegnato in gestione all’APS – Circolo Letterario MaeditActio il 14 luglio 2017.

Il Progetto e le principali azioni
Il progetto intende riqualificare e adeguare il bene confiscato trasformandolo in attrattore socioculturale e spazio multifunzionale per ogni generazione: giovani e adulti, bambini e anziani, agendo contemporaneamente non solo sul giovane ma sull’intero contesto socio-familiare in cui è inserito per poter generare nuovi processi di cambiamento.
Da un lato, saranno attuati interventi di prevenzione primaria e secondaria di situazioni di disagio, in collaborazione con le agenzie educative del territorio, per aiutare minori e giovani a riconoscere le proprie potenzialità e a rafforzare le relazioni in famiglia e nella comunità di appartenenza, attraverso il supporto scolastico, il servizio biblioteca consultabile anche digitalmente, laboratori creativi, visite didattiche, attività di scambio con i pari di altri territori e con adulti “significativi”, valorizzando la terza età come risorsa.
Dall’altro, saranno attivati percorsi individuali e di gruppo per la fornitura di servizi personalizzati agli adulti, attraverso uno sportello di mediazione familiare, sostegno alla genitorialità, incontri di formazione per docenti e operatori sulle tecniche di mediazione del conflitto, percorsi di empowerment femminile, consulenza a donne sole e soggetti svantaggiati sulla fruizione di diritti e opportunità, favorendo il collegamento con i servizi sociali esistenti.
Accanto a ciò vogliamo potenziare e valorizzare quello che il centro già offriva, attraverso eventi e iniziative di animazione territoriale, un laboratorio di Dolci tipici che va ad affiancarsi al Caffè letterario preesistente, la costituzione di una nuova cooperativa sociale che realizza l’inserimento lavorativo di giovani, donne e soggetti svantaggiati.

Il soggetto Capofila e i partner
“GenerAZIONI FRUTTUOSE. Centro Servizi Intergenerazionale” è un progetto promosso dall’A.P.S. Circolo letterario Maeditactio in rete con la cooperativa sociale Agropoli Onlus, l’associazione culturale musicale Controtempo, la cooperativa sociale Tre Foglie, l’Istituto don Calabria, la cooperativa sociale Lazzarelle e l’associazione Omnia Onlus.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Educare il territorio per fare comunità: il progetto GenerAZIONI FRUTTUOSE

di

Educare il territorio per fare comunità. Con il progetto “GenerAZIONI FRUTTUOSE” aiutiamo il cambiamento a radicarsi nel contesto familiare e nella comunità!...

Casapesenna: riapre il centro di aggregazione giovanile per l’arte e la cultura

di

Presso il bene confiscato in via Cagliari 13 si presenta il progetto “GenerAzioni Fruttuose” CASAPESENNA – Martedì 14 Settembre ore 18.00 riapre...

GenerAZIONI FRUTTUOSE si incontrano (agli Albanova Games)

di

Prima uscita pubblica, per il progetto GenerAZIONI FRUTTUOSE. La cooperativa sociale Maeditactio, dal 26 luglio al 1 agosto è stata ospite della...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK