Diario di lavorazione. “Imparare facendo”

di

Oggi è un giorno importante per molti dei corsisti del progetto “Fortunato” (un progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD nell’ambito del bando “E vado a lavorare”). Si preparano gli esami HACCP (acronimo di Hazard Analysis Critical Control Point: analisi dei rischi e controllo dei punti critici) che daranno modo, una volta superato l’esame, di ricevere l’attestato di alimentarista di secondo livello.

Il corso, tenuto dal partner Humans e coadiuvato dal tutoraggio costante di Antinoo Arcigay Napoli, ha riscosso un enorme successo, ben oltre le nostre aspettive.

Le motivazioni sono sicuramente due. La prima resta l’indiscussa sete di conoscenza e la forte volontà di migliorarsi, un attitudine che alberga in tutti i nostri corsisti e che (venendo alla seconda motivazione) ha trovato terreno fertile nella metodologia che l’èquipe ha adottato per insegnare una materia tutt’altro che semplice, quella dell’imparare facendo attraverso una costante commistione di teoria ed applicazione pratica.

Fabio Schiattarella

Regioni

Ti potrebbe interessare

Diario di lavorazione. Schizzi dal carcere / 2

di

Le lavorazioni dei taralli e le esercitazioni per migliorarne le ricette vanno a pieno regime per il secondo gruppo di detenuti. La stanza viola delle lavorazioni dove è stato creato il laboratorio profuma di taralli fragranti che cuociono in forno.

Il progetto “Fortunato” nel racconto di Tanya e Cristina

di

Tanya Di Martino e l'avvocata Cristina Serio dell’associazione Pride Vesuvio Rainbow di Torre Annunziata (Na) raccontano la loro esperienza in carcere con gli allievi del progetto “Fortunato”

Diario di lavorazione. “Un tarallo artigianale, in tutti i sensi”

di

Siamo giunti al terzo gruppo di lavorazione e finalmente l’equipe inizia a lavorare con le persone in detenzione presso il reparto ospitante detenuti lgbtiq+. Fin dai primi minuti l’equipe di progetto ha avvertito un’ energia differente in seno a questo nuovo gruppo.