Il Pane di Youssouf

di

Non vedeva la sua famiglia dal 2013. Così, appena possibile Youssouf ha comprato un biglietto di andata e ritorno per il Senegal. Ha indossato un vestito elegante e a febbraio è partito. Quando l’aeroporto di Dakar ha sospeso tutti i voli per il Covid, non è potuto tornare in Italia e allora “si è tolto la corazza” e ha iniziato a fare il pane per la sua comunità, mettendo a frutto quello che aveva appreso nel nostro Paese

“E’ partito che sembrava un manager, vestito di tutto punto, ma quando è arrivato a casa si è tolto la corazza”. Cosimo Zanna racconta così la partenza di Youssouf per il Senegal a febbraio, un viaggio tanto desiderato durante il quale ha dovuto fare i conti con la pandemia e il lockdown, prolungando il soggiorno più del previsto. Ma non per questo Youssouf ha perso la voglia di fare. Anzi, ha dimostrato di avere “una grande forza di volontà, impegno, semplicità e simpatia”, perché si è rimboccato le maniche in maniera concreta e ha aiutato la sua comunità nel modo migliore che conosce: si è messo a fare il pane!

Youssouf ha lasciato il Senegal nel 2013. Ha attraversato l’Algeria e la Libia, dove è rimasto bloccato, poi si è imbarcato per l’Italia. Era da allora che non vedeva più la sua famiglia. Nel frattempo si è anche sposato per corrispondenza: il ritorno a casa durante le ferie serviva proprio per andare a trovare la sua neo moglie. Adesso in Italia, grazie anche a Fare Sistema Oltre l’Accoglienza e a Fondazione Con il Sud, lavora per conto della società Mange’nn Mange’nn che fa capo al gruppo Casillo. Per più di un anno è stato impiegato presso il punto vendita gestito da questa società all’interno di FICO Eataly World a Bologna. Ora che il punto vendita è chiuso a causa del Covid Yossouf è a Corato dove c’è la sede centrale del gruppo Casillo, ed è temporaneamente distaccato nella Selezione Casillo srl dove sta affiancando i maestri panettieri e pizzaioli nel testare i vari prodotti e fare dimostrazioni presso i clienti.

“E’ riuscito a far crescere il suo lavoro”, dice ancora Cosimo Zanna, segretario generale della Fondazione Casillo e punto di riferimento di FSOA in Puglia. È stato talmente bravo da riuscire a mettersi i soldi da parte e acquistare un biglietto di andata e ritorno per Dakar. Tornare nel proprio Paese con l’aereo è stata una soddisfazione: ne è una testimonianza il vestito elegante indossato con orgoglio da Youssouf per affrontare il viaggio, la cravatta a righe, il fazzoletto abbinato nel taschino, l’orologio. Quando ha riabbracciato i genitori, la prima cosa che questi gli hanno chiesto è stata “Come stai di là? Stai bene?”. E lui: “Sto bene, ho trovato una famiglia, mangio bene, dormo bene”. Li aveva sempre sentiti per telefono, ma loro non vedevano l’ora di vederlo. In Senegal è rimasto bloccato dal Covid. Perché il 23 marzo l’aeroporto di Dakar è stato chiuso, i voli sospesi. Impossibile tornare in Italia. Youssouf era preoccupato: “Non sapevo che fare. Ho chiamato Cosimo e mi ha detto stai tranquillo, qui ti aspettiamo, tornerai quando sarà possibile”. Nel frattempo ha tolto il vestito elegante e si è messo a sfornare sfilatini, come ha imparato dal suo maestro panettiere Matteo Cavuoto. A fine luglio è riuscito a prendere l’aereo per l’Italia, è stato in quarantena a Bologna e da agosto si è trasferito a Corato, dove “se incontri qualcuno per strada ti dice ciao come stai”.

“Qui sto imparando anche a fare i dolci e la pizza. Guardo e chiedo. Paolo mi ha insegnato a fare i cornetti. Voglio imparare tutto”. E impara anche le differenze tra un procedimento e l’altro. Il pane, per esempio, viene lavorato in maniera diversa “qui” (in Italia) e “là” (in Senegal). Là ci vuole acqua fredda, sale, lievito e farina. Non bisogna mettere l’impasto in frigorifero. Lo si mette in magazzino per farlo lievitare per più di tre ore. Quando è lievitato, lo si tira fuori e lo si inforna. Qui nell’impasto bisogna mettere anche l’olio, e per farlo lievitare va messo in frigo. Quale tra i due ti piace di più? “Il pane è sempre buono” risponde Youssouf.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro, Youssouf? “Alcuni miei amici dicono che vogliono andare in Germania o in Francia. Io sto bene qui”. E tua moglie? “Mi piacerebbe farla venire in Italia, ma è difficile, bisogna sistemare i documenti. Però appena posso la vado a trovare, ora lei vive con la mia famiglia”.

Youssouf in partenza per il Senegal

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Michele, Maestro Di Pizza E Di Umanità

di

Tra le aziende che partecipano al programma FSOA c’è anche la pizzeria Le Coq di Corato del Maestro Pizzaiolo Michele Aucelli, dove...

La Nuova Famiglia Di Razak

di

Un lavoro in pizzeria, una casa in affitto e l’incontro con una famiglia. Razak, che è arrivato giovanissimo dal Ghana, era un...

Non è mai troppo tardi!

di

Fare Sistema Oltre l’Accoglienza è un percorso di crescita verso l’autonomia e la rete e i rapporti che si creano sono importanti...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK