VL8.

di

 

L‘Università Luiss Guido Carli, ogni anno, offre a tutti gli studenti la possibilità di mettersi a disposizione di organizzazioni no profit per offrire il loro tempo estivo, ed entrare in contatto con nuove realtà, prendendo parte ad attività dal forte impatto pratico, etico e sociale.

VolontariaMENTE è un’occasione di apprendimento e di crescita, tra i progetti proposti vi è “Made in carcere”,

Cinque studenti, che hanno aderito al progetto, svolgeranno dei compiti di Direzione della cooperativa “Officina Creativa”, che produce il social- brand “Made in carcere”, e si occupa della reintegrazione tramite il lavoro, di soggetti in stato di detenzione, facendo loro produrre oggetti e gadget personalizzati con materiali di recupero che altrimenti produrrebbero CO2, costruendo consapevolezza, resilienza e sacrificio

Ognuno attraverso questo percorso, oltre al lavoro pratico svolto in carcere, apprende anche il valore delle attività sotto traccia che permettono alla cooperativa di svolgere questo ambizioso e generoso progetto a vantaggio della collettività. La funzione del Volontariato è infatti proprio quella di generare cambiamenti sistemici partendo dalle piccole cose.

Questa esperienza dura un mese e ogni studente ha la responsabilità di un settore organizzativo ed è anche vicecapo di un altro proprio per creare un gioco di squadra e interdipendenza uno dall’altro. I settori di competenza legati alle macro attività di Officina Creativa sono:

  • Progetti speciali e BIL (progetto Benessere Interno Lordo), formazione e risorse umane, affidato a Nicoletta Tellone, e vice-capo di Organizzazione;
  • Amministrazione, contabilità e finanza affidato a Lorenzo Peraino, e vice-capo di Progetti Speciali.
  • Organizzazione, produzione, prototipia e logistica affidato a Francesca D’Apolito e vice-capo di Amministrazione.
  • Commerciale (B2B-B2C) CRM e vendite affidato a Agnese Fazzi, e vice-capo della comunicazione;
  • Comunicazione, social, siti e-commerce e marketing affidato a Giulia Tedone e vice- capo del CommercialeVolontariamente Luiss con Made in Carcere quest’anno giunge all’ottava edizione e si arricchisce del format “La grande sorella”, ideato da Luciana Delle Donne. Tale programma è una sorta di parodia del Grande Fratello in cui gli studenti mostreranno la loro quotidianità e presenteranno i loro “grandi sogni” cioè progetti volti a migliorare le condizioni interne agli Istituti Penitenziari.

    L’idea nasce dall’esigenza di costruire quanto più è possibile nello spirito della “sorellanza” comunità e condivisione. Si pone nello stesso tempo il fine di stimolare la creatività degli studenti e promuovere un cambiamento sociale.

Tutti questi progetti saranno presentati sulla pagina Instagram dell’università Luiss, seguiti e valutati da esperti e progressivamente “eliminati”, fino alla nomina del progetto vincitore. La particolarità è che in questo caso vince un progetto e non un individuo e i partecipanti non vengono mai eliminati ma diventano sostenitori dei progetti rimasti in gara. Alla fine del percorso il progetto che avrà ottenuto più consensi sarà proclamato vincitore e potenzialmente realizzato.

Nicoletta Tellone e Lorenzo Peraino.

Ti potrebbe interessare

Parte a Lecce il Corso di Sartoria di 167 rEvolution

di

Il 2021 è iniziato con grandi novità per il progetto BIL – Benessere Interno Lordo, che ha finalmente visto partire molte delle...

L’orto in-festato di amore e dedizione da Giuseppe Pellegrino. Un altro modo di “piantare” benessere.

di

Giuseppe Pellegrino, titolare dell’agriturismo biologico “Piccapane”, sta curando, presso la sezione maschile dell’istituto penitenziario di Lecce, un progetto che si pone come...

Il mosaico dei partner BIL: Lifestyle Studium

di

L’Associazione di Promozione Sociale Lifestyle Studium è nata nel 2014 ed è formata da un medico pediatra esperto di nutrizione, una psicologa...