L’Eden dei sensi

di

Un saluto car* compagn* di viaggio. Oggi Cunta il sud ci riporta in Sardegna, a Paulilatino in provincia di Oristano. Vi vogliamo raccontare di BIVI giardino sensoriale, letteralmente un fiore nel deserto.

Dopo vent’anni in giro per il mondo Simona e Antonello hanno preso la decisione di tornare nell’isola per dare i natali al loro meraviglioso progetto.  Un giardino sensoriale che coinvolge tutti e cinque i sensi, una novità assoluta in Sardegna.

BIVI è un luogo speciale, un’area verde pensata e progettata per stimolare vista, olfatto, udito, tatto e gusto. Un luogo dove, attraverso le piante e gli elementi naturali, i sensi divengono  protagonisti e guide per rivivere la natura e per farci sentire parte di essa. Un’ esperienza che migliora il benessere psicofisico.

Il giardino dei sensi è articolato in cinque aree.

54 varietà di piante aromatiche stimoleranno il vostro olfatto; il percorso a piedi nudi del tatto vi farà sentire le diverse consistenze dei materiali naturali presenti in 8 differenti vasche;  lo spazio dedicato alla vista stupirà i vostri occhi con tante cromature e il magnifico roseto con le sue 60 piante con 8 tonalità distinte;  andando avanti il fruscio delle foglie, il suono del vento e il rumore di una cascata cullerà dolcemente il vostro udito; Infine, nella zona del gusto potrete assaggiare i frutti genuini  generosamente offerti dagli alberi.

Oltre al percorso sensoriale Bivi offre un ampia gamma di servizi:  un bistrot, bar e gelateria, un anfiteatro che funge anche da cinema all’aperto, un negozio di abbigliamento per donna e bambina, un’area per eventi  e altre importanti novità che verranno implementate molto presto.

BIVI è la riprova che quando si ha il coraggio e un’idea vincente il successo arriva, e non solo. Il desiderio di questa coppia di tornare in Sardegna per portare valore, benessere e bellezza nella loro terra natia è meraviglioso sia per l’ambiente, a BIVI sono state piantate oltre 1700 piante per un totale di 160 specie, ma anche per il sociale, dato che hanno creato molti posti di lavoro. Inoltre Simona e Antonello hanno deciso di dare la precedenza a donne con figli riguardo le assunzioni.  Scelta importante anche quella di servirsi da produttori sardi per quanto riguarda il cibo preparato nel loro bistrot.

BIVI, un sogno diventato realtà, un progetto totalmente autofinanziato, una scommessa sulla nostra terra e una promessa di speranza per un futuro più radioso e sostenibile che porta nel nome le iniziali delle figlie di questa coraggiosa coppia di imprenditori.

Se passate da queste parti venite a trovarli in questa oasi per un’esperienza indimenticabile adatta a tutt*

Quanto è importante investire sul benessere e la bellezza nel nostro territorio?

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Biblioteca, una risorsa per la comunità. Il progetto

di

Biblioteca, una risorsa per la Comunità è un  progetto finanziato dalla Fondazione con il Sud, in collaborazione con il Centro per il...

Inizio del progetto, i box per la restituzione dei libri

di

Inauguriamo il primo dei numerosi servizi previsti dal progetto Biblioteca, una risorsa per la comunità. Si tratta dell’installazione dei box per la...

SardiniaSpopTourism, Donne sarde contro lo spopolamento

di

Un saluto car* compagn* di viaggio. Oggi vi voglio raccontare la storia di Claudia Licheri e del suo progetto. La storia di...