Il lieto fine di Jerry: conoscere Natasha, ritrovare Mary

di

“Voglio salutare tutta la famiglia, voglio salutare mamma Anna. Vado a conoscere mia figlia che adesso ha cinque anni. Dio vi benedica”.

È tutta in queste parole, forse, la storia di Jerry. Il suo saluto “social” ha commosso gli operatori e volontari che ruotano attorno ad Abitare le Relazioni, progetto di housing e co-housing sociale sostenuto da Fondazione con il Sud e messo in atto da Fondazione Siniscalco Ceci-Emmaus, SMILE Puglia, Mestieri Puglia, Consorzio Aranea e Comunità Emmaus.

Dal 2019 a Masseria Anna Ceci, ospite del progetto, Jerry, e adesso, dopo due anni, con una nuova prospettiva di vita: “Ci rivediamo ad agosto” dice nel video di saluti. Sì, perché passerà di qui ma andrà in Francia, raggiungerà altri ex ospiti di Abitare le Relazioni che, come lui, sono riusciti a ritrovarsi e a costruirsi un nuovo futuro, sia sociale che economico.

Prima di sconfinare oltralpe però, Jerry deve andare incontro al suo lieto fine. Dove? In Nigeria, la sua terra: quella da cui è scappato a causa di un attentato mortale subito dalla sua famiglia quand’era ancora un giovane universitario (LEGGI: “Storia di Jerry, che ama a distanza” ). Sono passati tanti anni e l’incubo di quella storia non l’ha mai abbandonato. Ciononostante, è lì che rientra, Jerry, perché è in Nigeria che l’aspetta Natasha, la figlia che non ha mai visto e che oggi ha cinque anni.

L’ha avuta durante l’esperienza libica, dopo la fuga da Benin City, prima di raggiungere l’Italia a bordo di uno dei tanti barconi che attraversano il Mediterraneo, carico di speranze e di insidie. Tre anni in un campo di prigionia in Libia dove, qui il miracolo, ha conosciuto Mary. Chi è Mary? È la donna che ha amato in quei tre anni d’inferno, salvandosi dall’inferno: Natasha è il frutto di quell’amore, una vera e propria rosa nel deserto.

E pensare che Jerry non ne sapeva nulla: un giorno Mary è stata portata via dal campo da alcuni ceffi proprio perché era incinta e, da allora, non l’ha più vista. Tre anni dopo però, su Facebook, quand’era qui in Italia, a Foggia, con la responsabile di progetto (che nel video chiama “mamma Anna”, Anna Valerio), Jerry l’ha ritrovata: madre di una bambina che è sua figlia. Adesso, finalmente, andrà da loro. Sposerà Mary, abbraccerà Natasha.
Comincerà una nuova vita, insieme.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Mulettista e primo soccorso: terminati i due corsi di Abitare le Relazioni

di

Anche in un periodo così difficile gli ospiti del progetto Abitare le Relazioni, iniziativa sostenuta da Fondazione con il Sud, continuano a...

Albina, dal Paraguay a Foggia: “Non abbiate vergogna di chiedere aiuto”

di

Dal Paraguay, Albina si ritrova a Foggia per seguire un uomo di cui si innamora. Ci resta da sola, poi, in Puglia....

Villaggio Emmaus-Don Bosco, terminata la ristrutturazione dei locali

di

Continua spedito il progetto di housing sociale Abitare le Relazioni, anche dal punto di vista strettamente strutturale. Dopo Masseria Vaccarella, infatti, tra Lucera...