EPPUR SI CAMBIA. ANCHE DA ADULTI

IMG-20170905-WA0020 IMG-20170905-WA0019 IMG-20170905-WA0018 IMG-20170905-WA0017 IMG-20170905-WA0013 IMG-20170905-WA0012 IMG-20170905-WA0008 IMG-20170905-WA0007Il primo settembre per i bambini e i ragazzi di età scolare è un po’ una data simbolo. Uno spartiacque, fra i divertimenti delle vacanze, che ancora sono troppo attaccati alla loro pelle per non avere priorità su tutto, e i primi moniti dell’inizio dell’anno scolastico.

E così, questa data, ha sempre un sapore agrodolce.

Anche per noi di Mammarao, il primo di settembre, è stata una data molto importante, di verifica e di valutazioni. Queste valutazione le abbiamo volute fare come il nuovo costume di questo quartiere, in modo seriamente giocoso. Dopo un’estate in piena apnea fra mille laboratori, impegni, giochi, divertimenti e cose semi-serie che non ci hanno dato la possibilità di valutare i risultati, la festa del primo settembre è servita anzitutto ai volontari, e poi agli stessi bambini coinvolti, per fermarci un attimo e pesare tutto il lavoro svolto.

Cosa è stata questa festa? Abbiamo organizzato una mostra di tutti i lavori che abbiamo realizzato durante i laboratori estivi.

Tutti i viali dei giardini sono stati arredati da bancarelle ed espositori e in ogni postazione c’erano i lavori dei ragazzi. I ragazzi hanno suggerito di sistemare i tavoli in ordine cronologico, in modo che i visitatori, percorrendoli, potessero ripercorrere tutti i pomeriggi trascorsi a Mammarao ed apprezzarne anche le evoluzioni.

Il colpo d’occhio è stato eccezionale; si passava dall’esposizione di monili a quella di giocattoli, tutto rigorosamente costruito con materiali di riciclo. Poi c’era la postazione dei libri tridimensionali, realizzati con carta autoprodotta, poi quella degli strumenti realizzati con materiali di riciclo, tutto sprizzante di colori e fantasia.

Alla fine del percorso, c’è stato uno spettacolo tenuto dai ragazzi: il teatro dei burattini, la messa in scena di due opere composte dai ragazzi e l’esecuzione di un brano con gli strumenti prodotti con i materiali di riciclo.

Fra i ragazzi, serpeggiava una strana “aria” di ultimo giorno di scuola, mista fra malinconia dettata dal distacco, e gioia nell’essere sicuri che comunque si sarebbero rincontrati a breve.

Un aspetto molto importante, è stato la condivisione che si è generata fra gli adulti, residenti e non residenti, trascinati dai rispettivi ragazzi. Questo aspetto, in particolare, ci ha riempito di grande forza nel riprendere le attività autunnali, con la consapevolezza che qualcosa a Mammarao sta davvero cambiando; e questa volta in positivo!IMG-20170905-WA0003 IMG-20170905-WA0004 IMG-20170905-WA0007 IMG-20170905-WA0008

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK