La Rosa dei venti: cura della comunità e dell’ambiente 

di

«A Cerchiara di Calabria attualmente usufruiscono del Centro Prelievo dell’associazione La Rosa dei venti circa 50 persone a settimana di cui circa 30 sono soggetti anziani e non muniti di auto propria che si dovrebbero far accompagnare da un parente o dai caregiver. Uno degli aspetti più ‘di comunità’ del nostro centro è che la maggior parte lo possono raggiungere anche a piedi», spiega Michele Laino presidente dell’associazione di volontariato, attiva da 25 anni in campo sanitario e di protezione civile sul territorio della provincia di Cosenza. 

Da anni l’ente calabrese ha una convenzione per la gestione di diversi centri prelievi della zona: nella frazione di Sibari del comune di Cassano e dei centri di Cerchiara centro e della frazione Piana. «In questi spazi si recano soprattutto anziani, malati con patologie che impediscono la mobilità autonoma e persone con disabilità. Per 2 giorni a settimana – martedì e giovedì a Cerchiara di Calabria, e il venerdì a Sibari i nostri operatori volontari effettuano i prelievi. I campioni vengono portati al laboratorio analisi nel comune di Cassano allo Ionio ed i risultati vengono riconsegnati al domicilio del paziente o alla sua farmacia di fiducia il giorno successivo», sottolinea il presidente dell’associazione di volontariato.

Fondamentale per la vita dell’ente calabrese è anche il servizio di protezione civile: «In una zona di parchi con una fauna e una flora di inestimabile valore per l’ecosistema, effettuiamo principalmente interventi nell’ambito della prevenzione e dello spegnimento di incendi, per il quale abbiamo volontari formati», chiosa Laino. Che aggiunge. «Nei periodi estivi la nostra associazione si occupa di avvistamento incendi sostenendo il Parco Nazionale del Pollino, in quanto il nostro comune cade in tale area. Partecipano alle attività 12 volontari che avvicendandosi presidiano il territorio e comunicano alla sala operativa del parco eventuali incendi o anomalie». 

Infine un’attività importante svolta dai volontari de La Rosa di venti è la sensibilizzazione dei cittadini alle attività di volontariato tout court e nell’aiuto reciproco in caso di necessità e bisogno.  «L’attività di sensibilizzazione verso il volontariato e l’associazionismo in tutto l’Alto Jonio è cruciale per far capire l’importanza per la comunità delle iniziative dei volontari, ma anche per migliorare e soprattutto rafforzare l’azione stessa delle realtà di volontariato in questo territorio».

Regioni

Ti potrebbe interessare

La “revolution culturale” dell’associazione Sam di Rende

di

«Alla fine dello scorso anno insieme all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Cosenza abbiamo realizzato “Persone Oltre la Cecità”, un...

Wind’s Rose, quando il territorio ha bisogno di protezione

di

La tutela ambientale al centro di un programma che prevede interventi sulle calamità naturali, ma anche rivolti alle fragilità. Si chiama “Wind’s...

“Io Autentico”, quando i ragazzi con autismo diventano cittadini

di

La regione Calabria conta circa 25mila autistici: queste persone, soprattutto i ragazzi, sono molto spesso relegati ai margini della società. «Il motivo...