Seminario ADAC “Il linguaggio del disagio ” per il “Fuori la Voce ” di Pazzi per la Radio 2

Si è  svolto presso la sede dell’ADAC ( Associazione Disturbi Alimentazione Cosenza), Viale Mancini n. 138, Palazzo Edil Nova venerdì 11 marzo dalle ore 16.00 il seminario organizzato nell’ambito del progetto “Pazzi per la Radio 2 – Fuori la Voce” sostenuto da Fondazione con il Sud e realizzato dall’ADAC Cosenza .

                                                       12814339_485553401629876_1206342595126288774_n La brochures dell’evento

                                                       12825526_467107790165079_216242979_n  La Presidente ADAC Dott.ssa Maria Parise

Il convegno dal titolo “Il Linguaggio del disagio” si è focalizzato sui disturbi del comportamento alimentare e sulle modalità di prevenzione. I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono complesse malattie mentali che portano, chi ne è affetto, a vivere con l’ossessione del cibo, del peso e dell’immagine corporea.

12804472_467107670165091_357729212_n  La Direttrice del CSV Cosenza Dott.ssa Maria Carla Coscarella

Esse sono patologie caratterizzate da un’ alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. Insorgono prevalentemente durante l’adolescenza e colpiscono soprattutto il sesso femminile. Una corretta alimentazione rappresenta un obiettivo di prevenzione primaria, concetto che è stato approfondito in maniera completa durante il seminario da esperte e professioniste che attualmente operano all’interno dell’associazione. “ E’ importante coinvolgere la cittadinanza – ha affermato la Presidente dell’ADAC Maria Parise – “ questo è l’unico modo di attuare una prevenzione efficace per contrastare le malattie connesse all’alimentazione, non basta rivolgersi soltanto verso i target della popolazione a più alto rischio. La strategia di prevenzione deve essere rivolta all’intera popolazione, presso la quale occorre diffondere raccomandazioni per una sana alimentazione in termini di nutrienti, di scelta di profili alimentari salutari, ma anche coerenti con le consuetudini, che tengano conto dei fattori culturali e socio economici, proprio come raccomanda il Piano Sanitario Nazionale.” È noto infatti che l’obesità e i disturbi del comportamento alimentare, come anoressia e bulimia nervosa, sono in aumento fra i bambini e gli adolescenti. Il seminario ha posto l’accento sulla diffusione di queste patologie, tipiche dei paesi industrializzati, che è costantemente in crescita anche nella popolazione adulta e sembra che i giovani in sovrappeso o obesi abbiano un maggior rischio di cronicizzazione in età adulta.

12032352_467107610165097_1132267979_n

La presentazione del progetto “Pazzi per la Radio 2 – Fuori la Voce ” con la Dott.ssa Gisella Florio  e la sociologa, moderatrice del convegno, Dott.ssa Imma Angotti

     12799391_10206774868623671_2057327046119183439_n 12825662_467107763498415_1571325238_n 12032366_467104770165381_2067368270_n 12822100_467104690165389_56743111_n 11637964_467107256831799_811434411_n 12821955_467104850165373_1444891260_n

Altri momenti del convegno “Il linguaggio del disagio”

Il seminario è stato aperto dai saluti della Presidente Parise a cui sono seguiti della Direttrice del CSV Cosenza Maria Carla Coscarella. Le relatrici intervenute sono state: Annalisa Gullo, Assistente Sociale, Anna Scaglione e Alfonsina D’Ambrosio, psicologhe, Francesca Germano nutrizionista. Tutti gli interventi sono stati moderati dalla sociologa Immacolata Angotti. E’ stata Gisella Florio, presidente di Radio 180 e responsabile ente capofila, a presentare il progetto “Pazzi per la Radio 2 – Fuori la Voce”, progetto in cui l’ADAC è partner e componente. Pazzi per la Radio 2 Fuori la Voce è un programma sulla comunicazione sociale sostenuto da Fondazione con il Sud. Francesca Germano, Barbara Ciccarelli, Angela Aristodemo e Valentina Lanzillotta, sono le volontarie e le operatrici del progetto “Pazzi per la Radio 2” che hanno collaborato all’organizzazione dell’evento e che hanno accolto i partecipanti al termine del convegno, con un buffet per un momento conviviale.

A cura di Gabriella Dragani

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK