Laboratorio di teatro-danza “Appunti di viaggio” @Officine Gomitoli

Il laboratorio, oltre a fornire un bagaglio di conoscenza tecnica, intende sviluppare una discussione, un confronto.

Il tema centrale condiviso con i partecipanti sarà quello del “viaggio” individuale e collettivo, reale o metaforico. Vari esercizi di consapevolezza corporea e spaziale saranno fondamentali per creare una “base” comune su cui agire e poter poi innescare una serie di percorsi didattici che porteranno all’individuazione di materiale fisico e drammaturgico che emergerà dalle sessioni di improvvisazione.

La metafora del viaggio trova particolare spazio nella letteratura di tutti i tempi, nell’arte e ultimamente anche nei testi delle canzoni. L’intero percorso di formazione avrà, come esito, un forma spettacolare in cui le varie esperienze avute si possano trasformare in racconto corale.

Da mercoledì 10 gennaio. Tutti i mercoledì ore 15.00 – 18.00 @Officine Gomitoli.

Natale&Befana nella Biblioteca Interculturale @Officine Gomitoli

In questi giorni di festa, la biblioteca interculturale di Officine Gomitoli si è trasformata nella fabbrica dei giochi di Babbo Natale e nel laboratorio di calze e dolciumi della Befana…

Con carta, gommapiuma, matite, tempere, pennelli, colori, cartoncini, ma anche stoffe, perline, glitter e coloranti alimentari, i piccoli e le piccole partecipanti (ma non solo!!!) hanno realizzato tanti lavoretti originali e unici…

26551360_10213280211911920_1340467582_n 26551437_10213280211391907_858484909_n 26552746_10213286537230049_1672518301_n        26552927_10213286536630034_239480985_n 26552981_10213280210831893_50495558_n   26553123_10213280211591912_1502918193_n 26553173_10213286534709986_164991970_n 26553338_10213286534669985_740423309_n 26553454_10213286534309976_619580037_n26553524_10213286536270025_1376877994_n 26637594_10213286537470055_14433490_n                    26637684_10213286534949992_335124261_n 26637755_10213286537030044_330792912_n 26637917_10213286534349977_1471000961_n          26638106_10213286534989993_297940456_n 26638188_10213286535229999_1525626684_n 26638232_10213280211951921_1458455314_n 26638368_10213286534749987_697744698_n 26638417_10213286537750062_688485438_n                      26638467_10213286537510056_1327846230_n 26638500_10213286537270050_1997663029_n 26647923_10213286536750037_1745425874_n                      26648106_10213286533989968_957132825_n 26648329_10213286537710061_758468043_n 26648364_10213286537590058_691799037_n         26648523_10213286534589983_1553058015_n 26648621_10213280211871919_45954282_n 26694004_10213286534269975_369407463_n                    26694127_10213286535310001_738893363_n 26694424_10213286536670035_230294311_n 26696199_10213286535149997_1742740955_n                    26696246_10213286533949967_922380090_n 26696478_10213286537430054_41870546_n 26696827_10213280211791917_578437120_n              26754456_10213286537190048_447314819_n26753877_10213286537790063_1385468493_n  26754644_10213286536830039_347313469_n

Gomitoli in festa – Danze, canti e disegni dal mondo

 

Officine Gomitoli apre le porte del suo centro interculturale con una festa per raccontare i laboratori artistici di teatro, canto e illustrazione frequentati da giovani, migranti, ragazze e ragazzi del territorio.

A conclusione di questo ciclo di laboratori, Officine Gomitoli mette in scena talenti per salutarsi prima delle vacanze natalizie.

In scena:

Performance Appunti di viaggio del laboratorio di teatro – danza “Riconosci te stesso”
Canti corali intonati dai ragazzi e dalle ragazze del laboratorio “Voci dal mondo”
Esposizioni artistiche del laboratorio di illustrazione “Forme Migranti”

Forme in azione @Officine Gomitoli

Nona tappa del laboratorio “Forme migranti ” con i ragazzi e le ragazze abbiamo creato “Forme in azione”…

 

24067901_10154922957582513_7077977860873912925_n 24129949_10154922957657513_4658014771420951362_n 24131180_10154922958067513_8905345616312363409_n 24131193_10154922957707513_252477089832122596_n 24174440_10154922958007513_4287839785065550874_n 24232527_10154922958087513_8412401354977594552_n 24232635_10154922957802513_3160861800844270975_n 24293958_10154922957632513_1970927480205803910_n

Costruire riciclando @Officine Gomitoli

Realizzare e creare oggetti utilizzando materiale riciclato, per insegnare ai/alle giovani a creare con poco, per incentivare la loro fantasia ed applicare il loro senso dell’ingegno…

Dando così una seconda vita a materiali come carta da regalo, cartone, imballaggi, bucce di frutta, bottiglie e vasetti di plastica, bicchierini di vetro, vasi e vasetti, scatole e scatolette li si è trasformati in giochi, giocattoli, addobbi, oggetti e tutto quello che ha suggerito loro la  fantasia.

Partendo dall’idea di rispondere al bisogno di problematiche di smaltimento e riciclo dei materiali di scarto tra le mura domestiche, nel corso del laboratorio di riciclo creativo un atto semplice, come differenziare i rifiuti e riutilizzarli, è diventata un’abitudine mentale elaborata in modo stimolante, divertente e…artistico!
Così si ripensa in chiave creativa ai temi del recupero e del riutilizzo…
Così si impara ad assemblare diversi oggetti e materiali di scarto, con il sistema del collage polimaterico…
Così si approfondiscono le conoscenze attraverso la sperimentazione e l’esperienza, modellando, dando forme e colore all’esperienza, individualmente e in gruppo, con una varietà creativa di strumenti e materiali, lasciando “traccia di sé”…

24550269_10213053439482751_269694831_n 24550366_10213053442202819_1866242114_n 24740758_10213053446642930_1791246711_n 24740862_10213053440282771_1395854709_n                                                             24824192_10213053446242920_1061266199_n 24824224_10213053441002789_1267559828_n 24824235_10213053441922812_963626209_n 24824274_10213053440082766_351654415_n        24824443_10213053446362923_49538756_n          24824439_10213053441842810_1925647257_n 24824438_10213053442082816_1956816474_n 24824421_10213053440962788_2017985575_n 24824306_10213053445882911_4288758_n   24824492_10213053442242820_1297751280_n  24824498_10213053447482951_1472144997_n 24824510_10213053442122817_507590874_n          24824528_10213053440522777_1717704181_n         24829102_10213053440042765_2002697817_n 24891503_10213053447442950_941556168_n          24829263_10213053447842960_1540825107_n        24829191_10213053440162768_1299278977_n 24829186_10213053441562803_1018604740_n                                                          24829170_10213053441362798_1478757418_n 24891571_10213053441402799_561875140_n                                                                 24891617_10213053439562753_1660657860_n 24891662_10213053445802909_1876916682_n                                                        24891878_10213053441522802_1198672596_n 24898843_10213053440602779_445283950_n                                                        24899240_10213053446482926_720712780_n 24899227_10213053440322772_242949170_n       24899000_10213053447602954_681500856_n          24898942_10213053439602754_111907388_n 24898928_10213053442282821_1809685415_n                                                      24899260_10213053440122767_1737947119_n 24989256_10213053446282921_132665103_n       24989334_10213053439522752_510477383_n          24989545_10213053441722807_1226760400_n 24992199_10213053447362948_128342719_n

“La città e l’ospitalità. La fatica e la bellezza”: Alessandro Bergonzoni @Officine Gomitoli

Tre giorni di confronto, visioni e cultura sul tema: “La città e l’ospitalità: la fatica e la bellezza” che hanno ruotano intorno a cinque appuntamenti:

Il 30 novembre al pomeriggio con il coinvolgimento di alcune scuole della città: proiezione del film”Welcome” di Philip Loiret. Proiezione accompagnata dagli interventi di Gennaro Carillo, Paola Clarizia, Patrizia Cotugno e Tania Castellaccio

Il 1 dicembre, alle ore 17.00: Workshop teatrale rivolto agli studenti delle scuole coinvolte nell’iniziativa con Alessandro Bergonzoni.

Il terzo e quarto appuntamento sabato 2 dicembre al mattino: alle ore 10.30 con l’inaugurazione della mostra di Francesco Tullio Altan, che ci ha regalato la disponibilità ad esporre 18 sue vignette sui temi dell’immigrazione, della convivenza e della multiculturalità.
A seguire, un momento di confronto tra studenti e città con Aldo Bonomi (AAster), Maria Grazia Giannichedda (Direttore della Fondazione Basaglia), Carlo Borgomeo (Presidente Fondazione con il Sud), Domenico Ciruzzi (Presidente fondazione “Premio Napoli), Alfredo Guardiano (Astrea).

Sabato 2 dicembre alle ore 21 Alessandro Bergonzoni presente per un incontro/spettacolo con la città, al Museo MADRE. Museo d’arte contemporanea Donnaregina.

Parlare di ospitalità’ in tempi di diffidenza e precarietà non e’ cosa facile. La paura per un futuro che appare sempre più incerto, insieme alla sensazione di correre il costante rischio di scivolare in processi di marginalità ed esclusione sono sensazioni che riguardano fasce ampie della popolazione, ben oltre le sfere della povertà e della vulnerabilità economica più tradizionali.

La rabbia di chi si sente abbandonato dalle istituzioni e di chi non accetta gli effetti di una crisi disuguale spingono le comunità’ locali a chiudersi. A vivere come faticoso qualsiasi sforzo di convivenza e a percepire l’altro differente più come minaccia che non come risorsa.

Ma d’altra parte e’ del tutto evidente che solo nell’incontro, nei movimenti, nella disponibilità al meticciato si intravedono possibili futuri e soprattutto la possibilità di immaginare il consolidamento di relazioni civili e democratiche. Di pensare a città e luoghi in grado di produrre benessere collettivi e opportunità di relazione e bellezza

Su queste tematiche, abbiamo organizzato tre giorni di confronto, visioni e cultura sul tema: “La città e l’ospitalità: la fatica e la bellezza”.

Progetti fotografici @Officine Gomitoli

Passata la fase iniziale ovvero quella “dell’innamoramento” e delle necessarie riflessioni tecniche, si torna al significato di fotografare, osservando e analizzando la realtà intorno a sè, con il fine di sviluppare la propria sensibilità artistica.

Come?

Realizzando dei progetti fotografici che richiedono impegno e mantengono vivo lo stimolo e l’atteggiamento giusto. Questo perché fotografare senza un progetto ben definito può andare bene ogni tanto, per svagarsi, ma a lungo termine c’è bisogno che il nostro lato artistico si evolva.

Fotografare è in parte cogliere l’attimo, in parte seguire l’istinto, ma anche esprimere le proprie idee, quelle più profonde e complesse.

Spesso si sente parlare di “progetto fotografico”e nell’immaginario delle persone — forse proprio per l’uso della parola “progetto” — si pensa che ci deva essere uno studio e tanta pianificazione dietro.

Ma è veramente così?

Oppure è frutto del talento?

O semplicemente una botta di “fortuna” all’ennesima potenza?

Una cosa non esclude l’altra.

Un “progetto fotografico” non deve essere necessariamente “pianificato” a tavolino, ma può scaturire anche da una semplice intuizione. Che significa in fondo la parola “progetto” se non semplicemente “gettare avanti”?

Così per strada, con le loro fotocamere e un’intuizione, i ragazzi e le ragazze del laboratorio di fotografia “Dallo scatto al progetto” hanno messo in moto il cervello ad “immaginare” foto che, coerenti tra loro, possono permetter loro di comunicare qualcosa… 

Raccontare una storia…

Documentare una situazione…

Seguire l’evoluzione o la crescita di qualcosa…

Mostrare la peculiarità di un posto…

E allora perchè non uscire di casa con la fotocamera in mano e degli obiettivi in mente?

Lezione 24-11 (2) Lezione 24-11 (6)

 

Ritratti migranti&nuove personalità @Officine Gomitoli

Ottava tappa del laboratorio di illustrazione”Forme migranti”

Con i ragazzi e le ragazze abbiamo disegnato e fantasticato sugli operatori della Dedalus creando nuove personalità…

Cosa vedete in noi?

Come ci rappresentereste?

Chi siamo?

Volti, occhi ed espressioni che vedete in noi…

23754832_10154908554047513_1428982767866316086_n                                                         23795055_10154908553932513_9213367870960227491_n 23795066_10154908553872513_5151102905131220247_n 23795077_10154908553987513_6894272295559425262_n 23795256_10154908554022513_8895495366440202590_n        23795787_10154908554092513_4523371433174025189_n          23843384_10154908553822513_3327211050044061747_n 24098675_10212977126974986_750481093_n 24098700_10212977126694979_1440370428_n 24098766_10212977126734980_477132920_n         24098854_10212977127575001_2132457846_n         24099048_10212977127735005_569520010_n 24099487_10212977127935010_799729987_n                      24099726_10212977126574976_791874469_n                24099784_10212977127454998_304437979_n 24099801_10212977127174991_1674611496_n                 24133447_10212977126334970_476543785_n   24172401_10212977127535000_1566176381_n

 

Appunti di viaggio @Officine Gomitoli

Il mito ci aiuta a comprendere l’oggi, a dare voce e immagine a situazioni e paure dell’animo.

Partendo da questa convinzione, il laboratorio teatrale “Riconosci te stesso” ha provato a guardare il “mito” di Ulisse attraverso molteplici sguardi, tutti quelli dei ragazzi e delle ragazze che, partecipando al laboratorio, hanno raccontato il proprio viaggio personale…

Quello interiore verso sè stessi…

Quello per arrivare in Italia da posti lontani…

Quello in cui si è attraversata la morte e si è visto morire…

Quello in cui ci si è riconosciuti uguali e diversi da tutt*…

Così la storia di Ulisse, che attraversa il mare è diventata la storia di Ahmed, di Alessia, di Suleyman, di Gift che partono e arrivano in luoghi diversi ma cercando tutt* la stessa cosa: CASA.
Così la storia di Telemaco che aspetta il ritorno di suo padre Ulisse, guardando il mare, è diventata la storia di tutt* coloro che aspettano qualcuno o di ritornare da qualcuno…                                                                                                        Così il vento e le onde hanno raccontato di come è difficile vivere la guerra…                                                                    Così tutt* hanno narrato la storia di una propria attesa e di un proprio ritorno…fisico, spirituale, emotivo…

Nella costruzione di questi “Appunti di viaggio” racconti corali e immagini si sono fuse e mescolate in un’armonia narrativa fatta dell’immediatezza delle immagini del sogno e  di quella delle immagini mitologiche…

In un linguaggio teatrale sposa varie lingue…nel loro essere innanzitutto esperienza emotiva, percorso di conoscenza dell’individuo, rispetto a se stesso e alla sua relazione con l’esterno, con il mondo, con l’altro…

   IMG_8413 IMG_8414 IMG_8415 IMG_8416  IMG_8418                IMG_8638 IMG_8639      IMG_8701 IMG_8702 IMG_8703 IMG_8704 IMG_8707 IMG_8708 IMG_8709 IMG_8716 IMG_8717 IMG_8718    IMG_8878 IMG_8879 IMG_8880 IMG_8881 IMG_8882 IMG_8883 IMG_8884 IMG_8885 IMG_8886 IMG_8887 IMG_8888 IMG_8889 IMG_8890 IMG_9130 IMG_9131 IMG_9132 IMG_9230 IMG_9231  IMG_9233 IMG_9234 IMG_9235 IMG_9236 P1010855 P1010856 P1010858 P1010859 P1010860 P1010861 P1010862 P1010863 P1010864 P1010865 P1010866 P1010867 P1010869 P1010870 P1010871 P1010873 P1010874 P1010875 P1010876 P1010877 P1010878 P1010879 P1010880 P1010881 P1010882

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK