“A testa in giù” – Laboratorio di ludopedagogia con Ariel Castelo e Liscìa @Officine Gomitoli

Nell’ambito delle attività previste al Centro Interculturale “Officine Gomitoli”, proponiamo un percorso di formazione con il metodo della Ludopedagogia rivolto ad insegnanti, operatori ed operatrici, educatrici ed educatori.

La proposta, strutturata in tre moduli, e facilitata dall’equipe di Liscìa e da Ariel Castelo (uno dei fondatori del metodo) è quella di sperimentare una metodologia più efficace e profonda, rispetto al ruolo educativo che assolviamo. Nel nostro lavoro educativo, che ha una forte chiave di cambiamento e azione sociale, è importante operare insieme anche sul piano più profondamente umano.

Il metodo, che utilizza il gioco come canale privilegiato di lavoro, ha potere di trasformazione e stimolo, di costruzione di un “sapere” e di un “fare” capace di trasformare la realtà e dare l’opportunità di sperimentare nuove forme di incontro e conoscenza, rivedendo ruoli e ridisegnando relazioni educative.

L’obiettivo a lungo termine è quello di avvicinare i giovani ai temi legati alla prevenzione e al contrasto del razzismo, delle discriminazioni, dei bullismi e della violenza, alla decostruzione degli stereotipi, che sovente sono alla base di fenomeni di intolleranza e disparità.

Sarà occasione per sperimentare nuove modalità di stare nella relazione, partire dalla leva del piacere di cui il gioco è portatore.

I laboratori si terranno l’11 e 12 novembre presso Officine Gomitoli dalle ore 9.00 alle ore 17.00, mentre il 9-10-11 dei mesi di febbraio e marzo in fasce orarie che saranno comunicate ad inizio laboratorio.

Per iscriversi è necessario inviare una mail all’indirizzo officinegomitoli@coopdedalus.org entro il 4 novembre.

I posti sono limitati ed è previsto un contributo di 50 euro per la partecipazione ai tre moduli.

Nota sul metodo: La Ludopedagogia nasce in Uruguay, più di 30 anni fa, sotto la dittatura militare, come forma di resistenza alla repressione e metodo per relazionarsi agli altri, diventando esperienza specifica dell’Educazione Popolare nella quale si incontrano due dimensioni quella Ludica e quella Pedagogica._

Per “Ludica” si intende la dimensione della fantasia, del gioco – per Pedagogia si intende il sapere, la possibilità di conoscere e trasformare la realtà.

La Ludopedagogia infatti ha come obiettivo principale quello di attivare azioni individuali e collettive volte al cambiamento della realtà: può essere occasione per disimparare e destrutturare stereotipi acquisiti, può essere un luogo dove, attraverso il gioco, creatività e conflitto possono diventare occasione per individuare un’altra strada.

18 ottobre: Giornata europea contro la tratta di esseri umani #Liberailtuosogno @Officine Gomitoli

Per “Tratta di esseri umani” si intende lo spostamento, attraverso l’uso della forza o dell’inganno, di una persona in luogo diverso da quello in cui risiede, ai fini di sfruttamento sessuale, lavorativo, delle economie illegali, dell’accattonaggio o del traffico di organi.

Per l’undicesima Giornata Europea contro la tratta, mercoledì 18 ottobre, alle ore 12.00 gli operatori e le operatrici della Dedalus, insieme ad alcuni ragazzi e alcune ragazze che frequentano il Centro Interculturale Officine Gomitoli,  e con la partecipazione straordinaria di Patrizio Rispo, hanno fatto volare in aria tanti palloncini per liberare così, simbolicamente, il sogno delle persone vittime di tratta e di grave sfruttamento.

#liberailtuosogno2017

#OfficineGomitoli

IMG_3655 IMG_3657 IMG_3671 IMG_3672 IMG_3679 IMG_3687 IMG_3688 IMG_3690 IMG_3697 IMG_3698 IMG_3699 IMG_3701 IMG_3704 IMG_3709

“Scuci&Cuci. Dal Passato ad oggi” Laboratorio di cucito @Officine Gomitoli

Da tessuti riciclati provenienti da tutto il mondo si sono creati nuovi capi di abbigliamento e accessori.

Ago, forbici e tanta fantasia sono state le “armi” delle nostre sarte “fai da te”…

Gli incontri sono stati occasioni imperdibili per sperimentarsi con il taglio e cucito, scoprire i trucchi del mestiere del sarto e “giocare” con il riutilizzo di stoffe e scarti.
Durante gli incontri, da tre ore per una volta a settimana, le partecipanti hanno realizzato con le loro mani gonne, corpetti, abiti, accessori a loro scelta, borse e tutto ciò che gli è passato per la testa!
2017-04-01 11.02.02                                                   2017-04-01 11.02.20 2017-04-01 11.02.43                                                     2017-04-01 11.02.51 2017-04-01 11.03.05                                                     2017-04-01 11.03.14 2017-04-01 11.03.23                                                       IMG_4732                  IMG_4735                                       IMG_4736 IMG_4737                                                     IMG_4738 IMG_4739                                                     IMG_4740 IMG_4742                                                     IMG_4744 IMG_4745                                                     IMG_4746  IMG_4749                                                     IMG_4750 IMG_4753                                                     IMG_4755 IMG_4757                                                     IMG_4762 IMG_4763                                                     IMG_4764 IMG_4765                                                     IMG_4766 IMG_4767                                                     IMG_4768 IMG_4769                                                     IMG_4773

IMG_4810                                                       IMG_4811 IMG_4812                                                       IMG_4813 IMG_4814                                                     IMG_4817 IMG_4818                                                       IMG_4820 IMG_4821                                                       IMG_4822 IMG_4824                                                       IMG_4826 IMG_4830                                                       IMG_4831

 

#OfficineGomitoli

Ludopedagogia sull’Educazione alle Differenze con i ragazzi di Villa Fleurent

La nostra conoscenza della realtà è sempre culturalmente influenzata da stereotipi, talvolta incompleta, parziale.

Mirare a smontare visioni inflessibili e stereotipate su temi della violenza di genere, sugli stereotipi sessuali e di genere, sull’omofobia e sul bullismo…attraverso il gioco!

Utilizzando la componente ludica, considerata la dimensione della fantasia, del gioco e dell’avventura, dove l’impossibile diventa possibile, insieme ai ragazzi di Villa Fleurent, anche tutti gli adulti di riferimento presenti hanno smesso i panni dei “grandi” e sono tornati/e a danzare in cerchio, ad allestire girotondi in cui stringere la mano a sconosciuti che diventano presto conoscenti, a estranei che diventano vicini e con loro condividere un balletto che è poi convivenza quotidiana.

Tornando indietro alla purezza di cuore e di spirito dei bambini, e con i bambini, nel luogo magico della condivisione e del gioco, nell’inventare la storia di un video senz’audio e senza sottotitoli, nell’immaginare sé stessi in situazioni mai vissute ma non totalmente impossibili stessi accade, così, che si superano barriere enormi, che possa essere affrontata (e vinta) la tendenza alla chiusura e all’isolamento…ma soprattutto accade che, ridendo, si arrivi alla (ri)scoperta di sé e di tutto quello che, consapevolmente o no, ci imbriglia e ci imprigiona…

17500303_10210941360682101_1553490209_o 17500552_10210941370322342_1092251924_o 17521758_10210941375602474_8050891_o 17548705_10210941379322567_618571366_o 17548716_10210941358122037_161104522_o 17548821_10210941360362093_1959589779_o 17548869_10210941373402419_265110852_o 17548938_10210941359642075_1384643572_o 17549120_10210941359962083_54947495_o 17571007_10210941370962358_507306905_o 17571239_10210941376282491_981350744_o 17571409_10210941375282466_1220571478_o 17571672_10210941382122637_2003246955_o 17571708_10210941358922057_1440687353_o 17571848_10210941373642425_284522169_o 17571856_10210941370722352_1678607567_o 17571866_10210941370082336_1940924967_o 17571881_10210941371282366_592441087_o 17571952_10210941380882606_1318100720_o 17571961_10210941359442070_649079478_o 17572070_10210941372522397_360450657_o 17572092_10210941368562298_432017289_o 17572127_10210941377962533_45390187_o 17572142_10210941369402319_790592589_o 17622170_10210941358482046_1929431316_o 17622205_10210941360082086_669870384_o 17622210_10210941376922507_866055837_o 17622268_10210941371882381_1307153727_o 17622270_10210941360162088_1316558983_o 17622556_10210941373042410_527919656_o 17622576_10210941358642050_920887995_o 17622616_10210941381282616_2097730758_o 17622648_10210941359202064_208885327_o 17622753_10210941371562373_1963927924_o 17622851_10210941376002484_316245795_o 17623003_10210941373962433_1721258620_o 17623016_10210941368882306_1353074213_o 17623036_10210941374362443_434540331_o 17623091_10210941375042460_388685071_o 17623096_10210941369642325_1065265058_o

Tra “Squarci di futuro” e “Fuga” @Officine Gomitoli

Una mattina per ascoltare delle storie…

Storie di donne giunte in Italia con l’inganno come schiave del sesso e che sono riuscite poi a liberarsi e a liberare… Storie di operatori e operatrici appassionati/e e competenti, a tratti impotenti, ma non smettono di lavorare per un bene…quello comune…
La storia di chi, come Blessing Okoedion, ha raccontato le SUE storie…

Il tutto incorniciato dalla presenza delle opere dell’artista Sergio Cervo…

Così il convegno “ Squarci di futuro: Le donne nigeriane tra sfruttamento e percorsi di emancipazione” e la mostra di opere di Sergio Cervo “Fuga” , quadri e sculture sulla sofferenza ed il viaggio delle donne migranti, si sono intersecate per raccontare in un altro modo possibile questo mondo.

17190535_10212915712314100_8206695883126637956_n 17309022_10212915711834088_5496110408032066412_n 17342531_10212915712354101_285668726935839453_n 17352033_10212915712874114_7204662173232260204_n                   17353574_10212915712954116_503531250247590758_n                   17353652_10212915711874089_3440395079653719859_n

L’Accademia delle Belle Arti di Napoli incontra Takoua Ben Mohamed @Officine Gomitoli

A #OfficineGomitoli gli studenti dell’accademia di belle arti di Napoli hanno incontrato #TakouaBenMohamed per parlarle del progetto #cuorediNapoli mentre lei ha raccontato loro del suo #fumettointercultura

 

 

IMG_3054 (3) IMG_3057 (3) IMG_3059 IMG_3063 (2) IMG_3064 (2) IMG_3065 (2) IMG_3067 (3) IMG_3068 (3) IMG_3069 IMG_3070 (2) IMG_3071 (2) IMG_3072 (2) IMG_3073 (2) IMG_3074 (2) IMG_3075

Laboratorio di ludopedagogia sull’educazione alle differenze @OfficineGomitoli

In occasione della rassegna“Marzo Donna 2017 – Una Rete di Opportunità”, promossa dall’Assessorato alla Qualità della Vita e alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, martedì 14 marzo dalle 9:30 alle 13:30 presso il Centro Interculturale “Officine Gomitoli”, la Cooperativa sociale Dedalus realizzerà un laboratorio di ludopedagogia sui temi della violenza di genere, stereotipi sessuali e di genere, omofobia e bullismo, mirato a smontare visioni inflessibili e stereotipate che sovente sono alla base di fenomeni di intolleranza e discriminazione.
La presente iniziativa formativa, di tipo laboratoriale, sarà destinata a studenti e studentesse dell’Istituto Comprensivo 20 “Villa Fleurent” e mirerà a stimolare la capacità di riflettere sull’emotività, sui conflitti, fallimenti, rifiuti e il senso di inadeguatezza che spesso “abitano” i ragazzi.
La giornata laboratoriale di ludopedagogia sarà realizzata dalla Cooperativa Dedalus, con esperienza ultradecennale in attività di contrasto alla violenza sulle donne, e dall’Associazione Liscìa che promuove il metodo della ludopedagogia: metodo che nasce in Uruguay e che promuove il Gioco come veicolo di promozione della partecipazione.

#OfficineGomitoli

Sabrynex @Officine Gomitoli&Laboratorio ludopedagogico sui sentimenti

“Cos’è per te l’amore?”

“Cosa non vorresti mai ricevere per S.Valentino?”

“Si può cambiare per amore?”

“Tre parole per descrivere un uomo”

“Tre parole per descrivere una donna”

Prima di entrare in una stanza, provare a rispondere almeno a due di queste domande appiccicando un post-it a forma di cuore su un pannello e poi prendendo posto…

Così è cominciato il laboratorio ludopedagogico sui sentimenti @OfficineGomitoli…

Così attraverso il gioco, per conoscersi, per entrare in contatto, per sciogliere la timidezza i ragazzi e le ragazze presenti hanno cominciato a confrontarsi…e a confrontarsi su uno dei temi più difficili di sempre: l’amore…

Insieme a Sabrina Efionay (in arte Sabrynex), giovanissima blogger/scrittrice di origini nigeriane, il pomeriggio è passato partendo proprio dalla lettura di alcuni estratti dei suoi libri che, attraverso la storia d’amore tra Cher e Hunter, hanno fatto riflettere i ragazzi e le ragazze su tanti temi legati all’amore: la libertà, la gelosia, la dipendenza affettiva, il possesso, la fiducia e la felicità…

Stimolati/e dalla filosofa Simona Marino e da Tania Castellaccio, responsabile area accoglienza donne della Cooperativa Dedalus, i ragazzi e le ragazze hanno tirato fuori pensieri e paure, mettendosi in gioco e senza paura di “esporsi”…

L’incontro, chiuso dai saluti e dalle considerazioni dell’assessore Alessandra Clemente, si è concluso con una frase, tratta proprio da uno dei libri presentati da Sabrynex:

“Stare insieme senza ferirsi” è possibile [?]

#OfficineGomitoli

IMG_1004 IMG_1008 IMG_1009   IMG_1020

IMG_1024 IMG_1027 IMG_1037    IMG_1066

IMG_1072  IMG_1079

IMG_1088   IMG_1107 IMG_1110  IMG_1111

IMG_1125IMG_1132 IMG_1134 IMG_1147

IMG_1151   IMG_1159 IMG_1161    IMG_1162 IMG_1172 IMG_1174 IMG_1181     IMG_1204

IMG_0986                 IMG_1017                   IMG_1019

IMG_1031               IMG_1044                   IMG_1048 IMG_1047                 IMG_1068                   IMG_1069

IMG_1082                 IMG_1086                  IMG_1086  IMG_1094                 IMG_1099                  IMG_1112 IMG_1113                  IMG_1118                  IMG_1122  IMG_1153                 IMG_1154                  IMG_1178


 

Laboratorio ludopedagogico sui sentimenti+Presentazione libri Sabrynex

“Stare insieme senza ferirsi per loro sembra impossibile, ma altrettanto lo è separarsi. Solo se Hunter riuscirà a cambiare e ad accettare il suo passato difficile, potranno finalmente lasciarsi andare. Ce la farà, per Cher?”

Vi aspettiamo oggi pomeriggio dalle h. 15:00 a Officine Gomitoli per conoscere Sabrina Efionay (in arte Sabrynex), giovanissima scrittrice e blogger di origini nigeriane, per parlare dei suoi due libri già pubblicati con la Rizzoli e…di sentimenti

L’iniziativa si inserisce all’interno della campagna internazionale One Billion Rising Revolution 2017

Don’t miss! 🙂

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK