I primi mesi di “passione” al pastificio: il bilancio di tutor e utenti

SAN CATALDO (CL) – I lavori al pastificio InSemola procedono di buona lena. In cucina echeggia il buon umore e ogni utente svolge una mansione. Il bilancio a quattro mesi dall’avvio dell’attività commerciale è positivo. Su questo i due tutor, Lucia e Ivan, concordano con i ragazzi che hanno svolto il primo ciclo di formazione e che adesso si troveranno a loro volta a vestire i panni degli insegnanti per i nuovi utenti del “Progetto Mani in Pasta”. Il percorso sarà lo stesso: corsi di formazione all’autoimprenditorialità, visite guidate nelle aziende agricole e il confronto costante con il team di psicologhe che li guiderà passo dopo passo.

Insomma, il primo progetto dedicato all’inserimento lavorativo di persone con disabilità psichica in provincia di Caltanissetta procede a gonfie vele e si è anche allargato. Da dicembre, infatti, il pastificio ha aperto le porte a Stanley, giovane ospite dello Sprar “I Girasoli”. Curiosando tra le stanze del pastificio si tocca con mano l’entusiasmo che anima i ragazzi. “Dall’esperienza vissuta nella fase apertura del pastificio e in quella precedente di formazione ho visto la passione di questi ragazzi crescere giorno dopo giorno”, conferma il tutor Ivan Giordano. “Mi emoziona vederli armeggiare con gli utensili da cucina e proporre soluzioni originali ai mille problemi che incontriamo ogni giorno”, spiega. E sul futuro dei suoi giovani aiutanti sembra non avere dubbi. “Sono certo che ogni mansione svolta al pastificio sarà immagazzinata come prezioso bagaglio di esperienza e spero che in tanti abbiamo la possibilità di lavorare nel settore”.

“Ho insegnato loro molte cose, ma da loro ho soprattutto imparato tanto”, racconta. Lucia La Fisca è l’altro tutor che segue i ragazzi al pastificio e conferma le impressioni del collega. “Ogni giorno i ragazzi si impegnano in cucina senza risparmiarsi e spesso propongono soluzioni originali ai problemi che ci troviamo ad affrontare”, spiega Lucia. “Ogni giorno traggo entusiasmo dalla passione che esprimono i ragazzi in modo contagioso”, racconta spiegando che il passaggio più burrascoso è stato quello del contatto con il pubblico. “All’inizio c’era un po’ di paura”, dice. Eppure, qualche utente è riuscito “a superare il timore iniziale”.

Se qualche ragazzo si lascia vincere dalla timidezza, c’è chi ne approfitta e traccia un proprio bilancio senza peli sulla lingua. “All’inizio ero un po’ scettico perplesso poi via via le cose sono cambiate”,racconta. “Ero scettico sulla possibilità di trovare un lavoro, ma come attività lavorativa mi piace: mi trovo molto bene”, conferma. “Resterei qui a lavorare ma questo si vedrà, comunque penso di avere trovato la mia strada “, dice il ragazzo che subito sgattaiola in cucina perché la giornata si profila impegnativa e non c’è tempo da perdere.

 

Roberta Fuschi, responsabile comunicazione “Progetto Mani in Pasta”

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK