I piccoli comuni e il futuro dell’Europa

di

Quanto è errata la percezione comune che abbiamo del Vecchio Continente e delle piccole comunità?

L’intervento di Angelo Moretti, referente della Rete dei Piccoli Comuni del Welcome, al New Oikos – Festival dell’economia e innovazione sociale è partito da alcune considerazioni numeriche: le aree interne rappresentano la maggioranza dell’Italia, con il 70% di comuni che conta meno di 5000 abitanti e con più della metà del territorio occupato. Numeri comuni in tutta Europa, che nonostante la nostra percezione di grande continente ha solo il 5% della popolazione mondiale, che a sua volta abita le zone rurali (l’80% del territorio europeo) in una misura bassissima: 4/5 della popolazione vive nelle grandi città e, di conseguenza, solo il 20% abita le aree rurali.

“In Italia i Piccoli Comuni dovrebbero essere gli azionisti di maggioranza, invece ci sentiamo gli ultimi, quelli che prendono le briciole, tutto va verso le grandi città e poi ci sono i piccoli comuni che vivono di resilienza.

Stessa cosa allargando il discorso all’Europa: come dice Papa Francesco non è un’epoca di cambiamenti ma un cambiamento di epoca. Viviamo dinamiche inedite: la recessione globale del 2007/2008 ha provocato crisi finanziaria, disoccupazione alle stelle, in più assistiamo a sconvolgimenti climatici e guerre nel mondo, e la conseguenza di tutto questo è che dal 2009 in poi sono aumentati i flussi migratori verso l’Europa.

Le più piccoli comunità italiane e le piccole comunità rurali europee sono quelle che più si sono chiuse alla migrazione per paura dell’invasione.
Immaginate un ragazzo che parte dalla Nigeria verso Contursi o Castelpoto, che lascia i suoi cari per cercare in Europa una cosa che si chiama Welfare, la certezza del diritto sociale, che purtroppo non è diffuso in giro per il mondo: solo Canada, Europa e una parte di altri Stati vicini al modello europeo possono goderne.

Di fronte a questi sbarchi le piccole comunità si sono chiuse. E’ stato costruito un muro in Polonia, la Grecia ha i confini militarizzati, quello che è successo a Melilla è impressionante, quindi la verità è che stiamo avendo paura del futuro dato che l’Europa va verso un calo della popolazione al 4%.

La risposta non può essere la paura e l’ostilità nei confronti di chi arriva in cerca di un futuro migliore, ma con un’accoglienza integrata potremmo, insieme, contrastare lo spopolamento in corso ed arricchirci del contributo culturale e materiale di chi arriva.

Un sistema di welfare che con il welcome può costruire una rete di relazioni tra le persone ed i territori in cui vivono, come stiamo facendo da tempo con i Piccoli Comuni del Welcome.

Se escludiamo i Piccoli Comuni dai progetti di sviluppo futuri, lasciandoli al loro destino, non facciamo altro che creare le stesse condizioni di chi lascia l’Africa per l’Occidente, guerre a parte.”

Regioni

Ti potrebbe interessare

Le 100 organizzazioni di “Per un nuovo welfare”: «Disponibili ad accogliere profughi afghani»

di

Le Organizzazioni della Società civile riunite nella Rete denominata Per un nuovo Welfare dichiarano la loro immediata disponibilità a farsi parte attiva...

Turismo sostenibile nei Piccoli Comuni del Welcome: proficua giornata di confronto e discussione a Campolattaro sul tema del turismo nelle aree interne

di

L’incontro dello scorso sabato, tenutosi presso lo spazio antistante dell’Albergo Diffuso Campolattaro nell’ambito del Progetto “Piccoli Comuni del Welcome”, alla presenza del...

L’ecovillaggio nella villa di Pietrelcina: il progetto di Ilex muove i suoi primi passi!

di

Un sogno che finalmente sta diventando realtà: il progetto di “Ilex”, Cooperativa di Comunità di Pietrelcina, è entrato già da qualche giorno...