L’ecovillaggio nella villa di Pietrelcina: il progetto di Ilex muove i suoi primi passi!

di

Un sogno che finalmente sta diventando realtà: il progetto di “Ilex”, Cooperativa di Comunità di Pietrelcina, è entrato già da qualche giorno nella prima fase dei lavori.

Una villa in disuso da anni, un gruppo di giovani con idee innovative, volenterosi di migliorare la propria terra, in cui hanno scelto di restare, ed una comunità che ha rivolto prima l’orecchio, la curiosità, e poi le mani, il supporto, alle ambizioni di queste persone. Così nasce l’idea di realizzare un ecovillaggio, basato sulla sostenibilità ambientale e relazionale, all’interno della vecchia villa comunale (abbandonata dalla terribile alluvione che colpì Benevento nel 2015), recuperando e mettendo a nuovo alcuni vecchi spazi già presenti, come il chiosco, le aree giochi e pic-nic, e creando nuovi servizi, come uno spazio dedicato a laboratori ed eventi, e la realizzazione di un parco avventura a tema con percorsi aerei a diverse altezze. Queste alcune tra le azioni che vedranno impegnate Ilex nei prossimi mesi, a poco più di un anno dalla sua fondazione.

Una cooperativa i cui soci sono giovani autoctoni e migranti, accolti nel progetto SAI (sistema di accoglienza e di integrazione) di Pietrelcina, il cui vero punto di forza è la forte sinergia con le associazioni locali e la comunità, ed il sostegno della Rete di Economia Civile “Sale della Terra” e della Rete “Piccoli Comuni del Welcome”, che ne hanno supportato la nascita.

D’altronde la tenacia dei componenti è stata chiara sin dalla nascita della cooperativa, legata indissolubilmente alla partecipazione al “Bando Coopstartup Rigeneriamo Comunità”, di Legacoop nazionale, emanato in partnership con Banca Etica e Fondazione Finanza Etica, e mirato a dare una risposta concreta allo spopolamento dei luoghi e al degrado degli spazi, favorendo la cooperazione ed il coinvolgimento delle comunità. Soltanto 25 progetti sono passati alla seconda fase, tra cui quello di Ilex, su ben 145 partecipanti! Unico progetto ammesso in Campania, Ilex accede alla seconda fase del bando, dedicata alla formazione, tutoraggio e accompagnamento, con l’entusiasmo di chi sa di avere un’occasione più unica che rara, che porterà i soci a redigere il business plan e a realizzare la campagne di crowfunding, che riesce ad accendere l’interesse di molte persone volenterose di fornire il loro contributo.

“Dopo il lungo lavoro di formazione, studio, progettazione e promozione territoriale, finalmente vediamo il nostro progetto affacciarsi alla luce!” commenta così l’inizio dei lavori Valeria Faiella, presidente di Ilex: “La felicità è tanta e ci dà lo sprint per affrontare le sfide che ancora ci attendono fino alla completa realizzazione di questo come di altri progetti in cantiere. La gioia più grande è quella di poter offrire, attraverso la rivalorizzazione del patrimonio comune, occasione di reinserimento lavorativo e di aggregazione sociale!”

Parole al miele verso il progetto anche per il sindaco Domenico Masone, la cui amministrazione, fin dalla firma del Manifesto dei Piccoli Comuni Welcome nel 2017, ha sempre guardato con interesse alle iniziative di accoglienza e di “restanza” promosse dalla Rete di Economia Civile Sale della Terra, e non poteva di certo esimersi dall’esprimere tutto il suo appoggio e sostegno: “Non c’è maggiore consolazione, bellezza e gratificazione che i figli della nostra comunità, decidano di rimanere nel proprio paese e investirvi il loro tempo, che è il bene più prezioso, e la loro intelligenza, per vivificarlo, per dargli una prospettiva e una speranza riappropriandosi del loro destino, accorciandosi le maniche, lavorando, immaginando e ideando e spesso anche vincendo, come è stato per Ilex, dei bandi pubblici nazionali. Questo fa capire quanto sia viva la comunità di Pietrelcina e, in particolar modo, i giovani di Pietrelcina, nonostante questo periodo di tristezza e di avvilimento. Siamo convinti che siamo all’alba di un nuovo rinascimento e questo ci deve dare la forza per andare avanti e Ilex è la forza, la generazione giustamente matura per dare forza ad un progetto di una rinnovata Pietrelcina. La cooperativa di comunità Ilex è un esempio per tutto il territorio circostante di come si immagina e si intende il futuro. Ad maiora!”

I nostri migliori auguri ad Ilex, con la speranza di non perdere mai l’entusiasmo e la voglia dentro di voi.

Un sogno che sogni da solo è solo un sogno, un sogno che sogni con qualcuno è realtà!

Francesco Boffa

Regioni

Ti potrebbe interessare

Laboratorio SIBATER: le Cooperative di Comunità dei Piccoli Comuni Welcome

di

II° Laboratorio di approfondimento per i Comuni campani: le Cooperative di comunità Progetto SIBaTer, in collaborazione con ANCI Campania, nell’ambito delle azioni...

L’odissea di Mohamed e Najoua: è così difficile agevolare una vera integrazione?

di

Mohamed ha 34 anni, Najoua 20. Hanno 4 bellissime bambine. Una è nata a Benevento meno di 2 mesi fa. Mohamed e...

La conversione di Mimì

di

di Gabriella Debora Giorgione su VITA Quando l’accoglienza non si ferma alle persone migranti o ai fragili, ma crea una coesione sociale...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK