A Cropani tutti i “Bambini in bici”

Successo per l’iniziativa “Bambini in bici” realizzata grazie alla collaborazione tra Amici del tedesco, gestore del parco per l’educazione stradale, e l’associazione Ginevra promotrice dell’iniziativa.

Tanti i bambini che ieri hanno aderito alla giornata dedicata all’ educazione stradale strutturata da una parte teorica alla quale ha fatto seguito una parte pratica, che ha visto i giovani fruitori del progetto cimentarsi con la guida all’interno del parco per l’educazione stradale, conclusasi con la consegna di una simbolica patente di guida a ciascun bambino.

“Ringraziamo gli esperti che hanno messo a disposizione le loro competenze, come l’arma dei carabinieri di Cropani e di Sellia Marina ed il vigile urbano di Cropani Salvatore Bianco, spiegando ai bambini le regole per una guida sicura con la bici”.

“Il parco I Love Calabria, gestito dall’ associazione Amici del tedesco, è nato un anno fa e si propone di educare, attraverso l’utilizzo di biciclette e mini car, bambini e ragazzi al rispetto delle regole del codice della strada” ha dichiarato Loris Rossetto, presidente dell’associazione Amici del tedesco, sottolineando- è stata una serata davvero costruttiva ed originale, questa volta dedicata non alle macchine ma alle biciclette”.

“Cogliamo l’occasione- ha aggiunto Rossetto- per rinnovare l’invito a fare visita a questa meravigliosa struttura, aperta da martedì a domenica, dalle ore 18.00 alle ore 22.30”.

Il parco, realizzato grazie al sostegno di Fondazione con il Sud e Fondazione Vismara, sorge a Cropani Marina, accanto la statale 106, in Contrada Nobile SNC, su un bene confiscato, ed è caratterizzato da un percorso stradale realistico.

Ad oggi sono numerose le scuole, provenienti da tutta l’Italia, che hanno deciso di svolgere attività di educazione stradale presso questa realtà emergente. Durante l’estate la struttura I love Calabria si rivolge a famiglie ed a gruppi che intendono interfacciarsi in modo divertente e differente alle attività di educazione stradale.

“Un’iniziativa importante che avrà sicuramente un seguito- questo il pensiero di Patrizia Rizzi, membro dell’associazione Ginevra-  tanto l’entusiasmo che abbiamo letto negli occhi dei bambini presenti, che hanno avuto modo di apprendere regole importanti, rispettandole.

“L’auspicio- ha aggiunto Patrizia Rizzi- è che attività come queste possano sempre di più rappresentare le basi per un futuro fatto di rispetto delle regole, dei segnali stradali e soprattutto degli altri”.

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK