Un “Paesaggio indeciso” nel cuore di Taranto

FullSizeRender(1)Paesaggio Indeciso, l’installazione di Guendalina Salini, ha finalmente preso forma ed è stata inaugurata ieri nel cortile del conservatorio di Taranto.

L’installazione si inserisce all’interno di #WeAreTaranto, il nostro programma di residenze artistiche. Alla consegna dell’opera erano presenti Valentina Tighler, Assessore Sviluppo Economico e Marketing del Comune di Taranto e il Direttore del Conservatorio Gabriele Maggi.

Questo lavoro della Salini è stato sviluppato attraverso un processo partecipato articolato in due momenti. Il primo laboratoriale, dove i cittadini di Taranto sono stati invitati a scrivere e disegnare sulla terra con semi di grano antico, le parole, le speranze, i sentimenti, i simboli ispirati alla poesia di Rocco Scotellaro La mia bella patria, per farli germogliare e crescere. Nella seconda fasa invece, è stata realizzata l’opera vera e propria.

Il disegno che è stato pensato per l’installazione si ispira a un motivo geometrico musivo antico, presente al Marta, Museo Archeologico di Taranto, ed evoca la resilienza della natura nella città, che si insinua in ogni fessura, riempie gli spazi vuoti, si inerpica, creando un tappeto, simbolo di accoglienza, convivialità, incontro. Per riprodurre questo concetto l’ardesia è stata tagliata creando l’effetto di lastre di pietra tra le cui crepe nascono le piante e posizionata con diversi dislivelli di terra a rafforzare l’idea di una natura che rompe anche la roccia. Le piante utilizzate per l’opera sono il timo serpillo e la festuca glauca, piante della Murgia che crescono appunto tra le rocce.

“Paesaggio Indeciso”, di Guendalina Salini

Istituto Superiore di Studi Musicali “G.Paisiello”

Via Duomo, 276, 74100 Taranto, TA

Ingresso gratuito

EVENTO FACEBOOK

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK