MADE IN TAMBURI Laboratorio di falegnameria sperimentale

foto faelgnameria avvio

Quattro utenti della Comunità Airone di Nasisi hanno avviato in sinergia con un falegname esperto e con l’architetto Alessandro Massaro il laboratorio sperimentale di falegnameria previsto nell’ambito del progetto A Tamburi Battenti.

Tanta voglia di apprendere, scambiare competenze e avviare una vera e propria produzione di arredi di recupero e riuso a partire dagli scarti di legname. Si parte con il legno recuperato dallo smantellamento del palco all’interno del salone parrocchiale della Chiesa San Francesco De Geronimo e si continuerà con altri scarti anche provenienti da aziende locali, come la Condor Global Service Srl con la quale è stato siglato un protocollo di intesa.

L’intento è quello di creare nuove opportunità di lavoro legate alla economia circolare, per progettare nuovi beni a partire dagli scarti altrimenti destinati a divenire rifiuti, in maniera innovativa e creativa, e promuovere modelli di sviluppo green nel territorio tarantino che possano rilanciare l’economia locale.

Anche l’Istituto Comprensivo Vico- De Carolis del quartiere Tamburi ha siglato un accordo con il laboratorio: il Dirigente Scolastico Elisabetta Scalera, apprezzando l’iniziativa, ha donato attrezzi di falegnameria di famiglia, con l’intento di supportare le attività e di avviare sinergie e progettualità comuni. Nell’autunno, infatti, il laboratorio sarà impegnato nella realizzazione di mensole, pedane, tavolini destinati agli arredi ispirati al metodo montessoriano per i plessi scolastici.

L’iniziativa è promossa in seno all’azione “Arredi Made in Tamburi” , che rappresenterà anche un marchio di arredi di design. L’azione è sviluppata in seno all’associazione Airone, che gestisce comunità terapeutico-riabilitative, in sinergia con la Caritas Diocesana di Taranto.

L’artigianato del recupero e riuso rappresenta un importante volano per la crescita economica dei territori. Un segnale forte che si vuole lanciare nella città per stimolare una riflessione più ampia rispetto agli attuali modelli di sviluppo.

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK