“La gioia ai giorni”, il laboratorio di teatro di VIVA!

di

Che il tempo esploda dietro di noi
come una selva di proiettili.
Ai vecchi giorni il vento riporti
solo un garbuglio di capelli.
Per l’allegria
il pianeta nostro è poco attrezzato.
Bisogna strappare la gioia
ai giorni futuri.”
(V. Majakovskij)

 

Il laboratorio, organizzato e diretto dall’attrice e autrice Alessandra De Luca, nasce con l’intento di “provare” a restituire “la gioia ai giorni”, futuri ma anche presenti e passati.

Partendo da materiale d’archivio personale (filmini di famiglia, foto, immagini, oggetti legati a un mestiere o a un luogo) e dal recupero di un patrimonio gestuale e fisico, i partecipanti verranno coinvolti nel costruire, attraverso gli strumenti e le tecniche della pratica teatrale, la mappa emotiva, sensoriale ma anche storica, culturale, urbanistica, della propria persona e delle comunità di riferimento (in questo caso quelle di Cursi, Castrignano e Corigliano d’Otranto).

Nel concreto si va ad operare in due direzioni: da un lato la ricerca e costruzione di un archivio personale e collettivo e dall’altro l’analisi, racconto, elaborazione, scrittura e messa in scena del materiale raccolto, attraverso pratiche ludiche, artigianali, giocose e comunitarie proprie dell’arte teatrale. Il teatro sarà dunque il mezzo di una comunicazione sociale e allo stesso tempo anche di espressione individuale e di progettazione condivisa.

Gigi di mestiere fa l’assistente capo in polizia penitenziaria e quando gli è stato chiesto di scegliere una parola che lo rappresentasse per presentarsi al gruppo ha scelto “libertà”.  A 25 anni si è arruolato ed è stato assegnato in Lombardia. 

“Ogni volta che partivo e vedevo dietro di me la scritta “Lecce” che si allontanava, piangevo per chilometri, almeno fino a Brindisi.” Racconta.

“Come ti trovi qui a Milano?” – gli chiedevano gli amici.
“Male.”
“Ma come? Sei a Milano, una grande città”
“Voglio tornare a Cursi. A Cursi non c’è niente ma c’è tutto.”
“Gigi, se torni a Cursi alla cava ti tocca”.

Solo la cava poteva farlo desistere dal tornare a casa.

Il 5 dicembre del ’97 “Mi arriva la comunicazione del trasferimento a Brindisi” racconta Gigi. “Carico tutto nella Tipo, smonto dal turno della notte e parto subito. Entro stasera devo stare a Cursi! mi sono detto. Non ho dormito nemmeno un minuto. Andando via suonavo il clacson in segno di vittoria e di libertà vedendo l’insegna di Mortara (così si chiama la città in provincia di Pavia dove vivevo) che si allontanava. Quando sono arrivato a Cursi, in piazza, ho baciato terra.”

Ci sono le storie al centro del laboratorio teatrale “La gioia ai giorni”, che sono fatte di anagrafe ma anche di relazioni ed emozioni profondissime che maneggiamo praticando la scena. “Ci stiamo occupando di affetti, più che di concetti in questo corso di teatro” – dice Alessandra De Luca – “stiamo facendo la bassa formazione, più che l’alta formazione, relazionandoci con i bassi istinti, con il ridere, con il piangere, con le passioni, con il gioco.” 

Anna fa la bracciante agricola e la sarta, ed esordisce così quando le chiediamo di raccontarsi: “All’epoca, quando sono nata, sono nata morta. Poi tutto a un tratto ho iniziato a respirare. Sono un miracolo.” 

E l’altro Gigi, che ci racconta che avrebbe dovuto chiamarsi Abbondanza perché i suoi avrebbero voluto una femmina, mette le mani avanti: “io sono uno che si commuove sempre”, non ha vergogna a dircelo, e vuole fare teatro perché lo aiuta a “vedere” le cose “in un’altra maniera”. 

Nel frattempo sul mondo si è abbattuta l’ennesima guerra e abbiamo riflettuto su quanto sia importante allenare questo “sguardo” altro, e praticare questo “mettersi nei panni degli altri” che è alla base del teatro. Stiamo scoprendo che “i panni sporchi” è impossibile lavarseli solo in famiglia, perché lo sporco si allarga a macchia d’olio fino a sporcarci tutti, se non lo si lava via insieme.

Il primo modulo del laboratorio si concluderà a metà giugno.

info: vivailprogetto@gmail.com

Regioni

Ti potrebbe interessare

Giuseppe Greco vince “Francate di cielu”, primo slam poetry di VIVA!

di

Giuseppe Greco è il vincitore di “Francate di cielu“, primo slam poetry promosso dal progetto “Viva – Tante belle cose“. Domenica 23...

VIVA!: seminario sui tumori maschili del rene e delle vie urinarie

di

Venerdì 25 marzo alle 18:30, nell’ambito della Campagna nazionale Percorso azzuro di LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori,...

Dal 21 al 25 gennaio nuovi appuntamenti online e in presenza per VIVA! – Tante belle cose

di

Proseguono in presenza e (provvisoriamente) anche online le attività di Viva – Tante belle cose, un progetto pensato per gli over 50...