“Terra Aut”, dall’UEPE di Foggia una nuova borsa lavoro per ridare speranza

di

Sarà impegnato in attività educative e di inserimento socio-lavorativo nel terreno confiscato alla mafia di “Terra Aut” oggi gestito dalla cooperativa sociale Altereco. Per Vincenzo che viene dal circuito della giustizia penale sarà un momento formativo ed umano importante, perché non c’è azione più potente e concreta che trasformare un luogo simbolo del potere mafioso in avamposto di legalità, di economica sostenibile, di lavoro regolare, di sviluppo, di antimafia sociale. Vincenzo ha 45 anni, due figli, ed è il terzo borsista dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Foggia che proprio in questi giorni ha iniziato il suo tirocinio formativo svolgendo attività agricole in contrada Scarafone, sui beni sottratti a Giuseppe Mastrangelo, uno dei boss più influenti della criminalità organizzata cerignolana. E’ la terza borsa lavoro avviata dall’UEPE di Foggia con la cooperativa sociale Altereco tramite la Cassa delle Ammende del Ministero della Giustizia.

Del resto, la mission della cooperativa sociale Altereco è proprio quella: favorire attraverso attività di agricoltura sociale l’inserimento lavorativo di soggetti che vivono in condizione di svantaggio, come persone ammesse alle misure alternative al carcere, ex-detenuti, migranti. Vincenzo, quindi, sarà coinvolto anche nel progetto “Il fresco profumo della libertà”, tra gli interventi selezionati nell’ambito della quarta edizione del Bando Beni Confiscati alle mafie 2019, promosso dalla Fondazione CON IL SUD insieme alla Fondazione Peppino Vismara. Il progetto promosso dalla Cooperativa Sociale Altereco – con un nutrito partenariato di enti pubblici e privati – prevede anche la realizzazione di un orto sociale, l’allestimento di una bottega solidale e l’implementazione di una serie di attività di promozione del territorio, tra cui l’allestimento di un B&B, favorendo l’inclusione socio-lavorativa di persone in condizione di svantaggio.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Monsignor Luigi Renna visita Terra Aut e respira “Il fresco profumo della libertà”

di

Monsignor Luigi Renna, vescovo della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, ha fatto visita a Terra Aut. Accompagnato da don Pasquale Cotugno, Direttore della Caritas...

I prodotti “liberati” dalla mafia di Terra Aut sbarcano sull’e-commerce etico e sostenibile gioosto.com

di

Puoi trovarci la passata di pomodoro biologico, la confettura extra di ciliegie, le melanzane alla brace sott’olio, il succo di melagrana biologico,...

Blogger e giornalisti in visita a Terra Aut per conoscere il bene confiscato alla mafia ed i suoi prodotti

di

Hanno visitato Terra Aut, il terreno confiscato alla mafia in agro di Cerignola gestito dalla Cooperativa sociale Altereco. Hanno ascoltato la storia...