L’Accademia delle Belle Arti di Napoli incontra Takoua Ben Mohamed @Officine Gomitoli

A #OfficineGomitoli gli studenti dell’accademia di belle arti di Napoli hanno incontrato #TakouaBenMohamed per parlarle del progetto #cuorediNapoli mentre lei ha raccontato loro del suo #fumettointercultura

 

 

IMG_3054 (3) IMG_3057 (3) IMG_3059 IMG_3063 (2) IMG_3064 (2) IMG_3065 (2) IMG_3067 (3) IMG_3068 (3) IMG_3069 IMG_3070 (2) IMG_3071 (2) IMG_3072 (2) IMG_3073 (2) IMG_3074 (2) IMG_3075

“L’integrazione comica” @Officine Gomitoli

Pomeriggi a contatto con un’esperienza affascinante ed educativa: quella del teatro. Questo è il laboratorio teatrale “L’integrazione comica” che Officine Gomitoli ospita ogni lunedì pomeriggio.

All’interno dei singoli incontri, i/le partecipanti, giovani italiani/e, 2G e con background migratorio, stanno sperimentando il palcoscenico come luogo di incontro, confronto, crescita, scoperta, gioco e specchio di una realtà interiore… un luogo in cui qualcuno ha bisogno di stare ad ascoltare qualcosa che qualcun altro ha da dire a lui.

Avendo come sfondo un ricco programma, che si avvale della conduzione dell’attrice Antonella Stefanucci, i/le partecipanti si cimentano di volta in volta in prove di recitazione, improvvisazione, dizione e training psicofisico, concentrando la loro attenzione su quel che sarà lo spettacolo finale da mettere in scena…ancora top secret!

17500482_10210941349721827_1250045736_o 17521667_10210941349481821_982647149_o 17521703_10210941365362218_1560749983_o 17521948_10210941350801854_1876078699_o 17548793_10210941366562248_2017005517_o 17548846_10210941349201814_229615131_o 17571399_10210941365522222_1206680120_o 17548905_10210941348441795_1533535176_o  17571778_10210941350961858_1840480811_o 17571796_10210941348681801_382603621_o 17571917_10210941350001834_881424159_o 17571929_10210941350321842_372411865_o 17571968_10210941367402269_28545214_o 17622262_10210941367122262_1189312829_o 17622218_10210941365802229_224372824_o  17622265_10210941348961808_894743472_o 17622909_10210941366042235_1770154013_o 20170213_152331_resized 20170213_152343_resized 20170213_153244_resized 20170213_153330_resized 20170213_153808_resized 20170213_153818_resized 20170213_153822_resized 20170213_153845_resized 20170213_153902_resized 20170213_160747_resized 20170213_160805_resized 20170213_160902_resized 20170213_160956_resized 20170213_165150_resized 20170213_171104_resized 20170213_171151_resized 20170213_171926_resized 20170213_171938_resized 20170213_171951_resized 20170213_171958_resized 20170213_173559_resized 20170213_174030_resized IMG-20170213-WA0006 IMG-20170213-WA0007 IMG-20170213-WA0008 IMG-20170213-WA0009 IMG-20170213-WA0010 IMG-20170213-WA0011 IMG-20170213-WA0012 IMG-20170213-WA0013 IMG-20170213-WA0014 IMG-20170213-WA0015 IMG-20170213-WA0016 IMG-20170213-WA0017 IMG-20170213-WA0018 IMG-20170213-WA0019

Lanificio Insula Creativa CHRISTMAS OPENING 18 dicembre 2016

Per la prima volta insieme, tutti gli spazi all’interno del Lanificio apriranno le porte con una ricca programmazione di eventi per celebrare la presentazione del presepe contemporaneo realizzato dall’artista americano Jimmie Durham.

In una sola giornata, 7 spazi, 10 eventi differenti, dalla mattina alla sera, FREE ENTRY
Don’t miss!!

PROGRAMMA

11.30/ MADE IN CLOISTER

Visita del chiostro e ricco aperitivo con degustazione di prodotto tipici della zona di Porta Capuana

All’interno del chiostro OPEN ReGeneration con Istallazione temporanea dei dispositivi ludici “ReGeneration Mobile Playground: devices for the creation of urban situation”, realizzati nel workshop di Rigenerazione urbana e proiezione dei video prodotti dal laboratorio di Digital storytelling.

11.30/ GALLERIA DINO MORRA

Esposizione di Lello Lopez “…quello che è accaduto accadrà”

Lello Lopez fonda la sua ricerca sulla realtà, su un vissuto fatto di incontri con persone. Si stabiliscono così relazioni che sono esperienza diretta di un mondo concreto. L’analisi introspettiva e riflessioni sul concetto di presente sono altri elementi della sua ricerca concettuale. Questa si concretizza attraverso vari strumenti espressivi scelti di volta in volta a seconda delle necessità comunicative.
Esposizione di Domenico Balsamo “Fake Paradise”
Come quel Giano Bifronte che presiedeva e sorvegliava i passaggi e gli ingressi, vedendo il dentro e il fuori, il passato e il futuro, Fake Paradise è questo occhio da narratore onnisciente sul tempo, una sintesi temporale tra ricordi e pronostici. La sensibilità dell’artista sembra sempre essere toccata dall’inquietudine di un tradimento: quello dell’illusione smitizzata. È una presa di coscienza individuale e uno sguardo lucido sull’innocenza rubata, che in lui solo grazie alla disciplina progettuale trova quel senso necessario per sfuggire dall’inganno dei paradisi artificiali.

15.30/ CREA & STAMPA 3d NAPOLI

Workshop gratuito di Stampanti 3d


16.30/ DEADLUS – OFFICINE GOMITOLI

Apertura della mostra “Svelate. Marocco (f.pl.) femminile plurale a cura di Sara Borrillo e Michela Pandolfi

“Svelate” è un gioco di parole e di immagini. Un racconto di storie di donne per svelare le nostre mentalità mettendone a nudo alcuni stereotipi. Un desiderio di conoscenza e d’incontro: un’intenzione. Un modo per andare al di là dei veli che coprono non i volti, ma le nostre geografie immaginarie.Abbiamo deciso di condividere con il pubblico le storie di sette donne marocchine qui raccontate per ribaltare questo stereotipo e andare oltre esso: velate o non velate infatti, Asma, Fatiha, Fatima, Fatim Zahra, Kenza, Nadia, Najia, Sukaina mettono in pratica i loro desideri di vita ogni giorno come avviene anche da questa parte del Mediterraneo. Si tratta di donne in movimento che secondo molteplici forme di appartenenza politica, religiosa, di classe, lottano ognuna a suo modo per la propria emancipazione. Ecco allora che le voci e le immagini del loro quotidiano ci raccontano di somiglianze, più che di differenze, diventando tasselli di un ponte che ci auguriamo possa avvicinarci, portandoci al di là dei veli che coprono non i volti, ma il nostro modo di vedere il mondo.

17.00/ RESIDENZA 3.14 VALERIA APICELLA
Cantiere Porta Aperte

17.30 / LANIFICIO25

Coversazione sul presepe napoletano a cura di Sylvain Bellenger e Carmine Romano

Interverranno gli artisti Maria Thereza Alves e Jimmie Durham

18.45/ INGRESSO DEL LANIFICIO
PRESENTAZIONE DEL PRESEPE CONTEMPORANEO DELL’ARTISTA JIMMIE DURHAM

20.30/ LANIFICIO25
Special – free entry-free food- free dance

All’apericena seguira’ un dj set di musica commerciale, house e dance con dj Gius.

locandina-lanificio

Svelate. Marocco:femminile plurale @Officine Gomitoli

Nella volontà di percorrere un cammino comune sulla strada del ribaltamento degli stereotipi, domenica 18 dicembre alle ore 16:30 presso il Centro Interculturale “Officine Gomitoli”, Piazza Enrico de Nicola n°46, la Cooperativa Sociale Dedalus ospiterà l’inaugurazione della mostra fotografica Svelate. Marocco:femminile plurale , realizzata e curata da Sara Borrillo e Michela Pandolfi.

Nel corso del pomeriggio, a chiunque parteciperà, le curatrici racconteranno “Svelate”.

Un gioco di parole e di immagini.

Un racconto di donne che, velate o non velate, performano le proprie traiettorie di vita ogni giorno, come avviene anche da questa parte del Mediterraneo.

Un racconto di una brulicante varietà di esperienze emancipatorie che troppo spesso sfugge allo sguardo dell’osservatore, appiattito sull’equazione automatica e velo = subordinazione.

Proprio nella volontà di ribaltare questa equazione, così come tante altre, Officine Gomitoli e“Svelate” intendono promuovere il desiderio di conoscenza e d’incontro, per andare al di là dei veli che coprono non i volti, ma le geografie immaginarie.

L’evento, che valorizza intercultura e relazioni internazionali con contenuti autentici e parte di un lavoro di ricerca sul campo, si inscrive all’interno dell’iniziativa “Christmas Opening” Lanificio Insula Creativa, che prevede l’organizzazione di molteplici attività ed eventi da parte di tutte le organizzazioni/realtà che abitano/vivono il complesso dell’ex lanificio borbonico di Porta Capuana.

Con l’inaugurazione della mostra “Svelate”, la Cooperativa Sociale Dedalus intende così dare il via a tutta una serie di attività (laboratori, presentazioni di libri e approfondimenti tematici) che animeranno gli spazi del Centro Interculturale Officine Gomitoli dal 18 dicembre 2016 al 10 gennaio 2017.

Il calendario:

18 dicembre 2016 ore 16.30 Sala Officine Gomitoli

Inaugurazione Mostra Svelate. Marocco: femminile plurale
con le autrici e curatrici Sara Borrillo e Michela Pandolfi

“Svelare: {v. tr.} Rendere noto quanto era nascosto; rivelarlo apertamente: svelare un segreto, svelare la propria identità; sin: dichiarare, palesare. Togliere il velo.
“Svelate” è un gioco di parole e di immagini. Un racconto di storie di donne per svelare le nostre mentalità mettendone a nudo alcuni stereotipi. Un desiderio di conoscenza e d’incontro: un’intenzione. Un modo per andare al di là dei veli che coprono non i volti, ma le nostre geografie immaginarie”. (www.svelate.org)

20 dicembre 2016 dalle 16.00 alle 18.00 Sala Officine Gomitoli

Presentazione del libro “Rivoluzioni violate. Attivismo e diritti umani in Medio Oriente e Nord Africa cinque anni dopo” (Ed. dell’Asino, 2016)
A cura di un Ponte Per… Osservatorio Iraq

con Cecilia dalla Negra (OsservatorioIraq, Un ponte Per…);
Introduce: Ismahan Hassen (Cooperativa Sociale Dedalus)
Modera: Maria Cristina Ercolessi (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/CESAC)
Discutono:
Ersilia Francesca (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/ CESAC);
Daniela Pioppi (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/ CESAC);
Sara Borrillo (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/ CESAC),
Marina Calculli (Università degli Studi di Napoli l’Orientale).

28 dicembre 2016 dalle 16:00 alle 18:00 Sala Officine Gomitoli

Presentazione del progetto “Rights under the veil. Diritti sotto il velo. Una rivoluzione silenziosa sta scuotendo il mondo musulmano”
A cura di Roberta Chimera e Johara Bellali

Rights Under the Veil è un progetto transmediale che mira a stimolare il dibattito pubblico sulla via riformista dell’Islam in un ottica di genere.

29 dicembre 2016 dalle 16:00 alle 18:00 Sala Officine Gomitoli

Workshop “Identità digitale di genere e qualità del racconto. Ma chi era veramente Sherazade?”
A cura di Roberta Chimera e Johara Bellali

Sherazade è davvero come la raccontano “Le Mille e una Notte”? Analizzando differenti rappresentazioni digitali, i/le partecipanti al workshop discuteranno sulla qualità del racconto di sé in un’ottica di genere e sulle dinamiche di riconoscimento della figura femminile nelle società.

10 gennaio 2017 dalle 14:30 alle 16:30 Sala Officine Gomitoli

Laboratorio per le scuole: ‘Raccontare storie, svelare stereotipi’
A cura di Sara Borrillo e Michela Pandolfi

I/le partecipanti verranno coinvolti in un dibattito su ruoli e stereotipi di genere tra Islam e Occidente e, attraverso giochi teatrali, saranno accompagnati in un processo di immedesimazione in una delle storie della mostra.

10 gennaio 2017 dalle 17:00 alle 19:00 Sala Officine Gomitoli

Chiusura della mostra + Iniziativa a sostegno di Asli Erdogan “Libere di scrivere”
A cura di Lea Nocera e Sara Borrillo (Università di Napoli L’Orientale)

Approfondimento tematico e lettura di estratti di alcuni romanzi di Asli Erdogan, giornalista e scrittrice turca arrestata il 16 agosto 2016 con l’accusa di “propaganda terroristica” e “incitazione al disordine”.

liocandina

ReGeneration: Microinterventi di arredo urbano

E così, si conclude anche la fase di Mapping urbano…

Al suo interno i partecipanti hanno elaborato  una reinterpretazione dei luoghi della #IVmunicipalità fino all’ideazione ed alla realizzazione di microinterventi di arredo urbano, finalizzati a migliorare la fruizione collettiva degli spazi.
Il percorso si è avvalso di vari linguaggi espressivi quali #mappeemozionali, #disegno, #pittura, #collage #co-progettazione #workshop di #autocostruzione.

15203155_342251109487343_1130361034764937441_n 15235487_342250122820775_7455182494192282636_o 15252583_342250906154030_7538590171732565887_o 15252623_342249842820803_2785918661817889804_o 15259264_342249159487538_738431651928498600_o 15271979_342249352820852_4029781055516563632_o 15272212_342249199487534_2609363472856639327_o 15288524_342250799487374_2699743695534306019_o 15288671_342249916154129_255593494021636912_o 15289200_342249109487543_249835670704869973_o 15289331_342250832820704_2541603806972750734_o 15289340_342251196154001_4489483391234791961_o 15304101_342249469487507_1241524402305133187_o 15304384_342249576154163_2089587356101125957_o 15304447_342249759487478_4401301027748444494_o 15304528_342250212820766_4723403282272964692_o

Ora i ragazzi si impegneranno nella realizzazione di una piattaforma web su cui condividere i contenuti e nella promozione di due eventi di piazza per coinvolgere la cittadinanza, mostrare e sperimentare le loro produzioni…

Stay tuned 🙂

#OfficineGomitoli

“Corpus comune”: Sulle rotte dei migranti con Marisa Albanese

Ripercorrere virtualmente e fisicamente le rotte dei migranti.

Questo è il senso di “Corpus comune”, il progetto artistico itinerante di Marisa Albanese che ieri, Giornata mondiale del rifugiato, è approdato al Centro interculturale Officine Gomitoli.

Dando il via al primo di una serie di incontri con cadenza bisettimanale per il mese di giugno, da riprendere poi in settembre, Marisa Albanese ha incontrato un gruppo di giovani migranti (minori e non), provenienti da Gambia, Senegal, Mali, Costa d’Avorio, Benin e Burkina Faso. Dopo un primo momento di normale spaesamento e conoscenza reciproca, i ragazzi hanno preso a parlare, disegnare e a dare spazio alla creatività. Partendo dal ricordo di qualcosa di difficile e doloroso, il momento in cui hanno dovuto lasciare la loro terra d’origine e l’esperienza del viaggio soli, attraversando terre in conflitto e alla volta dell’ignoto, ciascuno di loro ha cominciato a trasformare il dolore in forza creativa ed emozione positiva.

Diretti da Marisa Albanese nella scoperta di piccoli “trucchi del mestiere” (la creazione di nuovi colori, la preparazione di un tavolo da lavoro, l’utilizzo di tecniche) i giovani presenti hanno raccontato le loro storie…silenziosamente, istintivamente, spontaneamente e con forza…superando tra loro e tutti i presenti qualunque tipo di barriera linguistica, timidezza e sfiducia.

Avviando con questo incontro la seconda parte del percorso di “Corpus comune”, dopo la prima parte tenutasi sull’isola di Lampedusa, l’augurio che Marisa fa è però sempre lo stesso: che le energie positive e la forza creativa di questi giovani migranti crei opere pittoriche e/o scultoree e lavori espressivi che andranno a essere parte integrante del Corpus Comune e che raccontino il movimento dei corpi, lo spostamento e il flusso di energia,  obbligando così il “noi” a sentire e vedere come parte di sé  e come bellezza “l’Altro”.


WP_20160620_001

WP_20160620_003

WP_20160620_004

WP_20160620_006

WP_20160620_008

WP_20160620_011

WP_20160620_012

WP_20160620_014

WP_20160620_015

WP_20160620_016

WP_20160620_018

WP_20160620_019

WP_20160620_020

WP_20160620_022

WP_20160620_023

WP_20160620_024

WP_20160620_025

WP_20160620_026

WP_20160620_028

WP_20160620_030

WP_20160620_031

WP_20160620_032

WP_20160620_033

WP_20160620_034

WP_20160620_035

WP_20160620_036

WP_20160620_037

WP_20160620_038

WP_20160620_039

WP_20160620_040

WP_20160620_041

WP_20160620_042

WP_20160620_043

WP_20160620_044

WP_20160620_045

WP_20160620_047

WP_20160620_048

13435322_297575153913695_6583484892133268976_n

13435365_297592727245271_4562562594556461490_n

13450955_297592777245266_5018149493573119747_n

13501624_297592710578606_1488553765654282123_n

13516402_297592827245261_3428501585984072744_n

13521995_297592677245276_1648364723310281641_n

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK