Babou Bojang&Dream Team per un nuovo beat rap @Officine Gomitoli

Condurre giovani talentuosi a scrivere le parole in musica, partendo da esercizi di allenamento, di ritmo e di voce per creare insieme il testo per una canzone rap. Ad un anno di distanza da Culture Migranti è stato nuovamente questo il motivo che ha portato Babou Bojang a tornare a Napoli.

Let’s rap è stato il nome del workshop di composizione musicale che, con il contribuito del Goethe Institut e della Fondazione Alta Mane, per ben tre giorni ha tenuto incollati ai microfoni e alle cuffie ragazzi e ragazze impegnati a scrivere e cantare!

Oltre ad aver ri-unito il mitico Dream Team, il gruppo di giovani che già aveva conosciuto Babou l’anno scorso e che aveva avuto modo di lavorare con lui per poi debuttare alla festa di Culture Migranti, il laboratorio ha attirato anche altri ragazzi e ragazze appassionati di canto e musica.

Rincontrarsi ad un anno di distanza per i ragazzi del Dream Team e per lo stesso Babou è stato emozionante! Ma anche conoscere i nuovi partecipanti è stata una scoperta!

Oltre a voci straordinarie, infatti, abbracci, baci e tanti sorrisi hanno caratterizzato i nostri momenti insieme.

Nel corso dei tre giorni di workshop, partendo con piccoli esercizi di team building e creazione di un ritmo, si è poi subito arrivati a come si scrive un brano musicale? Come si passa dalla scelta collettiva del beat alla scrittura del testo e alla registrazione in studio?

Partendo dalla scelta del beat su cui andare a scrivere i loro pezzi, i ragazzi e le ragazze si sono dedicati in primis a sviluppare la percezione del ritmo. Dopo aver ascoltato differenti stili musicali, legati con energia positiva con un particolare cantato e un bel groove, i ragazzi hanno concordato sulla scelta della base su cui rappare: un pezzo caratterizzato da ritmi veloci e cadenzati ma con linee melodiche addolcite…su cui tutti possono cantare! Tutti tranne Serxho e Daniel! I nostri due giovani talentuosi rapper albanesi che, avendo preferito una base più “strong”, hanno deciso di scrivere e registrare da veri “gangsters”…come li ha simpaticamente definiti Babou!

Dopo aver deciso i beats, i ragazzi, da soli o in coppia, si sono impegnati a sviluppare l’orecchio per il ritmo prescelto. Così, mentre lavoravano al loro vocabolario, provavano a leggere il brano che stavano componendo ad alta voce, facendo caso alla cadenza naturale e provando ad allenarsi al senso del ritmo e del tempo. Questo esercizio li ha aiutati a rendere il modo in cui cantavano più scorrevole e piacevole da ascoltare.

Concentrati sulla scrittura dei loro testi, ragazzi e le ragazze si sono impegnati ad andare al di là del fare delle rime: la sostanza, il contenuto del loro testo! Amore, amicizia, speranza, voglia di libertà e di cambiare vita, coraggio…questi i temi a cui hanno dedicato le loro idee uscite dal cuore.

Scrivendo così tutto quello che gli veniva in testa, senza censurarsi (nei limiti posti da Babou nel suo dire loro “No bad words”) e senza preoccuparsi della forma, i/le partecipanti hanno cominciato ad esternare le proprie emozioni scrivendo in rima e creando, in alcuni casi, dei veri e propri tormentoni tra di loro.

Dopo aver superato la fase di scrittura, parte integrante del laboratorio è stata eseguire e registrare il brano, creato in formazioni d‘insieme attraverso l’utilizzo del canto, imparando il rispetto e l’importanza del proprio ruolo assegnato all’interno del contesto di gruppo. Una volta completati infatti le bozze finali del testo, i ragazzi e le ragazze hanno memorizzato ogni parola e sono passati, uno ad uno, alla registrazione.

Provando e riprovando con cuffie e microfono, tutti hanno utilizzato la tecnica del “rappa e migliora”…

Facendo pratica, rappando sul proprio pezzo e sul ritmo, ognuno ha ragionato sulle difficoltà del brano scritto e, con l’aiuto dei compagni e di Babou, ha ottimizzato la propria strofa.

Una, due, tre, quattro registrazioni e così il brano ha cominciato a prendere vita…

Lavorando sul flow, sul timbro vocale, sul pathos di ogni rima e di ogni singola barra, la canzone ha iniziato a comporsi di diverse lingue (italiano, inglese, francese, woloof), versi pungenti, rime originali e ritornelli ripetitivi e che rimangono in testa.

Alla fine dell’assemblaggio di tutte le strofe della canzone, tornare ad ascoltarsi è stato il momento in cui la musica, come mediatore di emozioni, come strumento per la collaborazione e la cooperazione con gli altri, ha fatto esplodere la gioia e la soddisfazione per il lavoro creato!

In attesa che Babou mixi a regola d’arte, elabori e produca il brano per poi inviarlo tutti noi, il gruppo del Dream Team si è ampliato diventando Big Dream Team!

Alla fine di queste tre giornate passate insieme i ragazzi hanno potuto potenziare le conoscenze tecniche di base e acquisirne di nuove, metterle in pratica e imparare a cogliere e a sviluppare spunti, esercitando l’osservazione e la loro infinita sensibilità.

Interagendo gli uni con le altre in un’ottica di collaborazione e non di competitività, i ragazzi e le ragazze hanno condiviso emozioni e appreso, ancora una volta come un anno fa, che tutti possono fare musica!

 

“I’m gonna miss u”, è stata la frase con cui salutarsi, alla fine, è stata dura per tutti ma il nostro Dream Team sa bene che in alcuni momenti della vita tutti si trovano a dover sperimentare un po’ di tristezza e allora si sorridere e si ascoltare un po’ della (nostra) musica per accompagnarci al prossimo incontro…a Monaco di Baviera o a Napoli forse, chi lo sa?

Intanto…let’s rap! 🙂

05052018-_MG_5578 05052018-_MG_5579 05052018-_MG_5580 05052018-_MG_5581 05052018-_MG_5582 05052018-_MG_5584 05052018-_MG_5585 05052018-_MG_5586 05052018-_MG_5587 05052018-_MG_5589 05052018-_MG_5591 05052018-_MG_5592 05052018-_MG_5596 05052018-_MG_5649 05052018-_MG_5653 05052018-_MG_5660 05052018-_MG_5663 05052018-_MG_5667 05052018-_MG_5714 05052018-_MG_5725 05052018-_MG_5729 05052018-_MG_5731 05052018-_MG_5735 05052018-_MG_5739 05052018-_MG_5745 05052018-_MG_5749 05052018-_MG_5753 05052018-_MG_5757 05052018-_MG_5766 05052018-_MG_5768 06052018-_MG_5771 06052018-_MG_5774 06052018-_MG_5778 06052018-_MG_5787 06052018-_MG_5798 06052018-_MG_5801 06052018-_MG_5806 06052018-_MG_5807 06052018-_MG_5808 06052018-_MG_5810 06052018-_MG_5814 06052018-_MG_5815 06052018-_MG_5816 06052018-_MG_5817 06052018-_MG_5820 06052018-_MG_5822

Prepariamo il Carnevale @Officine Gomitoli

Ogni Paese ha i suoi abitanti, ogni abitante ha la sua testa, e ogni testa almeno un cappello.

Questo è lo spirito con cui i ragazzi di Officine Gomitoli ha deciso di partecipare alla sfilata di questo Carnevale: un giro del mondo (e un viaggio del tempo) seguendo come filo conduttore i cappelli di gommapiuma!

Copricapi, berretti, turbanti, cose da mettere in testa: diversi per ogni cultura e per ogni periodo, che indicano anche la appartenenza sociale, il ruolo, il lavoro, la funzione di ciascuno di noi…

I ragazzi si sono divertiti realizzando i cappelli di varie nazionalità mettendoci impegno e dando espressione ai propri gusti. In ogni cappello si può ritrovare ognuno di loro, i loro sentimenti e il loro modo di vedere le cose.

Ogni cappello ha una nazionalità diversa ma rappresenta un tratto comune: “diritto alla cittadinanza”, la voglia, il desiderio di avere la cittadinanza.

Per la preparazione dei cappelli, i ragazzi hanno usato la gomma-piuma, bostik e bomboletta vernice spray, per l’assemblaggio tanta, tanta passione.

Oltre ai cappelli, anche mani di gommapiuma…perchè?

Lo scoprirete solo alla prossima puntata…

IMG_3969 IMG_3980 IMG_3985 IMG_3992 IMG_3998 IMG_4006 IMG_4008 IMG_4017 IMG_4024 IMG_4035 IMG_4043 IMG_4045 IMG_4048 IMG_4050 IMG_4054 IMG_4057 IMG_4074 IMG_4076

Laboratorio di teatro-danza “Appunti di viaggio” @Officine Gomitoli

Il laboratorio, oltre a fornire un bagaglio di conoscenza tecnica, intende sviluppare una discussione, un confronto.

Il tema centrale condiviso con i partecipanti sarà quello del “viaggio” individuale e collettivo, reale o metaforico. Vari esercizi di consapevolezza corporea e spaziale saranno fondamentali per creare una “base” comune su cui agire e poter poi innescare una serie di percorsi didattici che porteranno all’individuazione di materiale fisico e drammaturgico che emergerà dalle sessioni di improvvisazione.

La metafora del viaggio trova particolare spazio nella letteratura di tutti i tempi, nell’arte e ultimamente anche nei testi delle canzoni. L’intero percorso di formazione avrà, come esito, un forma spettacolare in cui le varie esperienze avute si possano trasformare in racconto corale.

Da mercoledì 10 gennaio. Tutti i mercoledì ore 15.00 – 18.00 @Officine Gomitoli.

Laboratorio artistico interculturale “Il giro del mondo in mille città” @Officine Gomitoli

Nel corso del laboratorio artistico interculturale “Il giro del mondo in mille città”, ragazze e ragazzi di diverse nazionalità, MSNA e 2G, saranno guidati in un vero e proprio viaggio: realizzeranno, con la tecnica dell’acquerello,
delle illustrazioni rappresentative di diverse città del mondo e le arricchiranno con l’ “hand lettering”.

Le città verranno presentate attraverso immagini, testi scritti, documentari, video e musica e gli stessi partecipanti saranno invitati a presentare la propria città d’origine.

Da mercoledì 10 gennaio, tutti i mercoledì ore 15.00 – 18.00 @Officine Gomitoli

Workshop teatrale con Alessandro Bergonzoni @Offiine Gomitoli

Parlare di ospitalità’ in tempi di diffidenza e precarietà non è cosa facile.

Tuttavia solo nella convivenza si intravedono possibili futuri, con passione e vicinanza…

Questa l’idea di fondo con cui, Alessandro Bergonzoni, attore bolognese e autore di numerosi testi teatrali e narrativi, ha dialogato con ragazzi e ragazze del territorio, seconde generazioni e giovani con background migratorio sul tema della relazione tra “comunità” e “ospitalità”.

Nel corso del workshop, tema del “botta e risposta” tra l’attore e i/ragazzi/e è stata una riflessione sulla “bellezza” propria di ogni incontro e al contempo sulla “fatica” che ogni convivenza comporta. Al di là di ogni possibile ipocrisia o luogo comune, si è (ri)pensato all’incontro e alla convivenza tra culture, storie e persone differenti come opportunità di benessere e sviluppo per la comunità, analizzandone le potenziali inter-connesioni con esperienze e progetti di rigenerazione urbana, realmente in atto nella città di Napoli.

Ho me: ma non mi basto, non posso bastarmi. Soprattutto se il guscio protetto della mia «casa» non si apre all’accoglienza dell’altro: ovvero, all’imprevisto dell’incontro/scontro che crea – comunque – relazioni. Autentiche. Capaci cioè di sprigionare, più che “integrazioni”, interazioni dialogiche: presupposto di ogni civile convivenza che trasformi l’hostis, lo straniero e (presunto) nemico, in hospes, ospite.

Questo il filo del discorso che si è poi addentrato nell’oscillazione tra partenze e arrivi, approdi e fughe, confini e sconfinamenti; ma anche tra atavico terrore di tutto ciò che è diverso dalla rassicurante, routinaria e oppressiva quotidianità e l’apertura dello sguardo a un “oltre” che fa crollare i muri di certezze, convinzioni, (pre)giudizi lasciando aprirsi orizzonti altri. Che possono anche capovolgere, positivamente, le nostre regole.

Non sono mancati gli illuminanti giochi di parole di Alessandro Bergonzoni, che ci ha apertamente invitati tutti a praticare uno sport: “il salto in ALTRO”…ad “abitare l’infine e non il confine” e che ci ha ricordato, infine, che la “mano che uccide di più non è quella destra o quella sinistra, ma la man/canza”…

24231749_1855655628057971_8755138623333621592_n 24293933_1855655711391296_9025224416162177084_n 24294118_1855655544724646_423763955480392556_n 24294319_1855655538057980_6379289036062891208_n 24296371_1855655448057989_4955916164562120686_n 24296385_1855655608057973_728713586830444007_n 24296386_1855655804724620_5449180663232677073_n 24296585_1855655684724632_1895649250702717308_n 24296773_1855655708057963_6991598614670699510_n 24301171_1855655611391306_1144855312271007504_n 24301452_1855655451391322_1411415468352546873_n 24312489_1855655774724623_7833433596209928770_n 24312529_1855655458057988_4164691873116961769_n 24312701_1855655808057953_4404863050907725456_n 24312951_1855655541391313_3283384170910272690_n 24775049_1855655454724655_1466027943069652590_n 24796337_1855655624724638_1748376918929370362_n 24796408_1855655534724647_7730422745791795542_n 24796506_1855655698057964_7826712158951522380_n

Laboratorio “Limen portraits” – ReGeneration 2 @Officine Gomitoli

Partire da un’immagine scattata all’Altro/a e riflettere sull’immagine che ognuno da di sé…

Una riflessione ed una scoperta del lato più profondo che ognuno di noi spesso non vuole riconoscere…

Un portare alla luce la propria complessità psichica, i punti di forza come i propri limiti, una reintegrazione di nuove immagini di sé stessi, attraverso un viaggio che non è solo fotografico, ma una ricerca ben più profonda…

Questo il laboratorio Limen Portraits @Officine Gomitoli…

23319023_504531496592636_7857663524009265411_n                                                                             23319110_504531556592630_5141123629163398002_n 23380391_504531503259302_4497448847550051172_n (1)                                                          23380391_504531503259302_4497448847550051172_n 23471980_504531553259297_7368207818532291980_n

Openday ReGeneration 2 @Officine Gomitoli

Qualche momento dell’Openday di ReGeneration 2 ad Officine Gomitoli

I/le partecipanti hanno avuto l’occasione di conoscere i nuovi percorsi del progetto e di sperimentarli in prima persona attraverso dei mini laboratori con gli esperti.

Si è parlato di limiti, di confini da superare, della città e di nuovi e diversi modi di rappresentarla e viverla…

22550062_495300314182421_4637537015728539256_n                                                        22549959_495300424182410_4944875082717329082_n 22549950_495301080849011_3557166292694532328_n                                                        22549748_495300657515720_1962549573033572285_n 22540122_495300017515784_5131886406751643424_n                                                          22540013_495299717515814_1551565486962530673_n 22539961_495300654182387_4796610738212873297_n                                                         22528350_495300877515698_8795957990256919470_n 22528232_495300487515737_6313288011114095655_n                                                          22527997_495300944182358_4435219290074732356_n 22519650_495301044182348_566919218488893004_n                                                        22519561_495300407515745_7498680551357319290_n 22519498_495300224182430_1387749873273450531_n                                                                       22519417_495299710849148_3886575577131406716_n 22519365_495299954182457_4502207851270014664_n                                                           22519061_495300030849116_1869818468629567739_n 22519046_495300594182393_2232308571823103616_n                                                           22491976_495301444182308_1911642191982987744_n 22491970_495300794182373_4146675831795210134_n                                                             22491842_495299824182470_3773118732305939458_n 22491687_495299724182480_7457424806002019405_n                                                           22491655_495300660849053_4844562098682540168_n 22491655_495300660849053_4844562098682540168_n (1)                                                           22491626_495300784182374_74678143424211575_n 22491607_495300417515744_5386942240539502533_n                                                          22491593_495299957515790_8088361077083087047_n 22491510_495301030849016_509439648437729478_n                                                           22490237_495300304182422_8007280542243302960_n 22490179_495300797515706_3973340132504602729_n                                                                    22490009_495301087515677_6334750883584307141_n 22489974_495299900849129_1896110019837561662_n                                                        22489850_495300234182429_2166271364324314066_n 22489837_495300597515726_2896842225643029074_n                                                        21768001_495299787515807_842399533957035926_n

“La città e l’ospitalità. La fatica e la bellezza”: Alessandro Bergonzoni @Officine Gomitoli

Tre giorni di confronto, visioni e cultura sul tema: “La città e l’ospitalità: la fatica e la bellezza” che hanno ruotano intorno a cinque appuntamenti:

Il 30 novembre al pomeriggio con il coinvolgimento di alcune scuole della città: proiezione del film”Welcome” di Philip Loiret. Proiezione accompagnata dagli interventi di Gennaro Carillo, Paola Clarizia, Patrizia Cotugno e Tania Castellaccio

Il 1 dicembre, alle ore 17.00: Workshop teatrale rivolto agli studenti delle scuole coinvolte nell’iniziativa con Alessandro Bergonzoni.

Il terzo e quarto appuntamento sabato 2 dicembre al mattino: alle ore 10.30 con l’inaugurazione della mostra di Francesco Tullio Altan, che ci ha regalato la disponibilità ad esporre 18 sue vignette sui temi dell’immigrazione, della convivenza e della multiculturalità.
A seguire, un momento di confronto tra studenti e città con Aldo Bonomi (AAster), Maria Grazia Giannichedda (Direttore della Fondazione Basaglia), Carlo Borgomeo (Presidente Fondazione con il Sud), Domenico Ciruzzi (Presidente fondazione “Premio Napoli), Alfredo Guardiano (Astrea).

Sabato 2 dicembre alle ore 21 Alessandro Bergonzoni presente per un incontro/spettacolo con la città, al Museo MADRE. Museo d’arte contemporanea Donnaregina.

Parlare di ospitalità’ in tempi di diffidenza e precarietà non e’ cosa facile. La paura per un futuro che appare sempre più incerto, insieme alla sensazione di correre il costante rischio di scivolare in processi di marginalità ed esclusione sono sensazioni che riguardano fasce ampie della popolazione, ben oltre le sfere della povertà e della vulnerabilità economica più tradizionali.

La rabbia di chi si sente abbandonato dalle istituzioni e di chi non accetta gli effetti di una crisi disuguale spingono le comunità’ locali a chiudersi. A vivere come faticoso qualsiasi sforzo di convivenza e a percepire l’altro differente più come minaccia che non come risorsa.

Ma d’altra parte e’ del tutto evidente che solo nell’incontro, nei movimenti, nella disponibilità al meticciato si intravedono possibili futuri e soprattutto la possibilità di immaginare il consolidamento di relazioni civili e democratiche. Di pensare a città e luoghi in grado di produrre benessere collettivi e opportunità di relazione e bellezza

Su queste tematiche, abbiamo organizzato tre giorni di confronto, visioni e cultura sul tema: “La città e l’ospitalità: la fatica e la bellezza”.

Si mostra in quanto si dona @Officine Gomitoli con Rosy Rox

Giunto al suo ultimo appuntamento, “Il Dono” attraverso la performance messa in scena dai/dalle partecipanti ha aperto ad una visione alternativa e profonda della realtà che ci circonda e a una ricerca alla conoscenza del sé.

Attraverso la costruzione della performance e la messa in scena è stato possibile dare l’opportunità al corpo e al sé profondo di esprimersi in libertà con il proprio linguaggio, al di là delle convenzioni.

Partendo dall’intervento dell’artista inteso come un “Dono”, che cerca di risvegliare le nostre riserve emozionali, i ragazzi e le ragazze hanno indagato lungo tutto il percorso nel processo di comunicazione non verbale, affrontando il tema del dono e dell’atto della creazione come fenomeno di rivelazione, come vissuto di coscienza, partendo dalla donazione di sé e del proprio “essere” all’Altro/a.

Il Dono, inteso come gesto di scambio sia del bene fisico che della componente spirituale insita nei materiali, è stato  il tema del workshop. In una ricerca sul rapporto tra la sfera sensoriale e l’estensione fisica degli oggetti e  la loro concretezza ambigua, fatta di plusvalori che condizionano il rapporto dell’uomo contemporaneo con la materia,  l’artista è entrata in contatto con i/le ragazzi/ svolgendo un percorso laboratoriale e performativo, il cui fine è stato materializzare un’immagine interiore, un rimosso o un’emozione, nelle forme concrete di un oggetto.
Il laboratorio graduale, didattico e creativo, ha testimoniato tutti gli sforzi e le inquietudini che colpiscono tutt* noi… esprimendoli come performance relazionali, durante le quali Rosy ha aperto il dialogo, elaborando chiavi d’accesso alla sensibilità e al ricordo di ogni partecipante ma lasciando loro libera iniziativa, in uno scambio continuo di esperienze e gesti…
24068091_529543884080440_4496336817021103481_n IMG_9315 IMG_9316 IMG_9319 IMG_9321 IMG_9322 IMG_9323 IMG_9324 IMG_9325 IMG_9326 IMG_9328 IMG_9330 IMG_9331 IMG_9332 IMG_9335 IMG_9336 IMG_9337 IMG_9338 IMG_9339 IMG_9340 IMG_9341 IMG_9342 IMG_9343 IMG_9344 IMG_9345 IMG_9346 IMG_9347 IMG_9348 IMG_9349 IMG_9350 IMG_9351 IMG_9352 IMG_9353 IMG_9354 IMG_9355 IMG_9356 IMG_9357                             IMG_9358  IMG_9360 IMG_9361 IMG_9362 IMG_9363 IMG_9364 IMG_9365 IMG_9366 IMG_9367 IMG_9368 IMG_9369 IMG_9370 IMG_9371 IMG_9372 IMG_9373 IMG_9374 IMG_9375 IMG_9376 IMG_9377 IMG_9378 IMG_9379 IMG_9380 IMG_9381 IMG_9382 IMG_9383 IMG_9384 IMG_9385 IMG_9386 IMG_9387 IMG_9388 IMG_9389 IMG_9390 IMG_9392 IMG_9393 IMG_9394 IMG_9395 IMG_9396 IMG_9397 IMG_9398 IMG_9399 IMG_9400 IMG_9401 IMG_9402 IMG_9403 IMG_9405 IMG_9406 IMG_9407 IMG_9408 IMG_9409 IMG_9410 IMG_9411 IMG_9412 IMG_9413 IMG_9414 IMG_9415 IMG_9417 IMG_9418 IMG_9419 IMG_9422 IMG_9423 IMG_9425 IMG_9427 IMG_9428 IMG_9429 IMG_9430 IMG_9432 IMG_9433 IMG_9435 IMG_9437 IMG_9438 IMG_9439 IMG_9442 IMG_9443 IMG_9444 IMG_9445 IMG_9446 IMG_9447 IMG_9448 IMG_9449 IMG_9450 IMG_9451 IMG_9452 IMG_9453 IMG_9454 IMG_9455 IMG_9456 IMG_9457
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK