Ludopedagogia sull’Educazione alle Differenze con i ragazzi di Villa Fleurent

La nostra conoscenza della realtà è sempre culturalmente influenzata da stereotipi, talvolta incompleta, parziale.

Mirare a smontare visioni inflessibili e stereotipate su temi della violenza di genere, sugli stereotipi sessuali e di genere, sull’omofobia e sul bullismo…attraverso il gioco!

Utilizzando la componente ludica, considerata la dimensione della fantasia, del gioco e dell’avventura, dove l’impossibile diventa possibile, insieme ai ragazzi di Villa Fleurent, anche tutti gli adulti di riferimento presenti hanno smesso i panni dei “grandi” e sono tornati/e a danzare in cerchio, ad allestire girotondi in cui stringere la mano a sconosciuti che diventano presto conoscenti, a estranei che diventano vicini e con loro condividere un balletto che è poi convivenza quotidiana.

Tornando indietro alla purezza di cuore e di spirito dei bambini, e con i bambini, nel luogo magico della condivisione e del gioco, nell’inventare la storia di un video senz’audio e senza sottotitoli, nell’immaginare sé stessi in situazioni mai vissute ma non totalmente impossibili stessi accade, così, che si superano barriere enormi, che possa essere affrontata (e vinta) la tendenza alla chiusura e all’isolamento…ma soprattutto accade che, ridendo, si arrivi alla (ri)scoperta di sé e di tutto quello che, consapevolmente o no, ci imbriglia e ci imprigiona…

17500303_10210941360682101_1553490209_o 17500552_10210941370322342_1092251924_o 17521758_10210941375602474_8050891_o 17548705_10210941379322567_618571366_o 17548716_10210941358122037_161104522_o 17548821_10210941360362093_1959589779_o 17548869_10210941373402419_265110852_o 17548938_10210941359642075_1384643572_o 17549120_10210941359962083_54947495_o 17571007_10210941370962358_507306905_o 17571239_10210941376282491_981350744_o 17571409_10210941375282466_1220571478_o 17571672_10210941382122637_2003246955_o 17571708_10210941358922057_1440687353_o 17571848_10210941373642425_284522169_o 17571856_10210941370722352_1678607567_o 17571866_10210941370082336_1940924967_o 17571881_10210941371282366_592441087_o 17571952_10210941380882606_1318100720_o 17571961_10210941359442070_649079478_o 17572070_10210941372522397_360450657_o 17572092_10210941368562298_432017289_o 17572127_10210941377962533_45390187_o 17572142_10210941369402319_790592589_o 17622170_10210941358482046_1929431316_o 17622205_10210941360082086_669870384_o 17622210_10210941376922507_866055837_o 17622268_10210941371882381_1307153727_o 17622270_10210941360162088_1316558983_o 17622556_10210941373042410_527919656_o 17622576_10210941358642050_920887995_o 17622616_10210941381282616_2097730758_o 17622648_10210941359202064_208885327_o 17622753_10210941371562373_1963927924_o 17622851_10210941376002484_316245795_o 17623003_10210941373962433_1721258620_o 17623016_10210941368882306_1353074213_o 17623036_10210941374362443_434540331_o 17623091_10210941375042460_388685071_o 17623096_10210941369642325_1065265058_o

Linguaggi E Immaginari Della Violenza Contro Le Donne @Officine Gomitoli

Mercoledì 23 novembre dalle ore 10:00 alle ore 14:00 il Centro Interculturale Officine Gomitoli ospiterà “Linguaggi e Immaginari Della Violenza Contro Le Donne” il seminario di promozione e aggiornamento per gli assistenti sociali, operatrici dei centri antiviolenza e delle case per donne maltrattate.

“L’archeologia dell’immagine culturale della violenza va analizzata nel profondo, per comprendere dove affondi il suo humus: l’estetizzazione della violenza (foriera di morte) è anche un’ambigua spinta propulsiva verso la pulsione di vita, mediante la sua erotizzazione. È questo meccanismo che ne permette la sopravvivenza culturale. Da sempre si parla di raptus rispetto ai feminicidi che sono invece l’esito di un continuum della violenza piuttosto che un evento a carattere singolare. Anche la legge sul delitto d’onore (abolita in Italia solo nel 1981) si richiamava chiaramente, nella stesura della normativa, a questo presunto sconvolgimento emozionale in cui un uomo si sarebbe trovato rispetto all’affronto subito dalla donna che non si conformava alla proprietà sessuale virile.”

Il seminario andrà ad indagare questi aspetti dell’immaginario, anche collegandoli ad un archivio della memoria culturale che affonda le sue radici in epoche apparentemente lontane come il nostro Rinascimento. La condizione femminile come exemplum della vittima attraversa i secoli e le culture, per arrivare fino alle soglie della nostra contemporaneità, segnata dal monarchia assoluta dell’immagine.

Il seminario è strutturato in un incontro di cinque ore in cui si affronterà la tematica dal punto di vista sociologico, sugli strumenti di lotta e sulle politiche di accoglienza e tutela.

Chi può partecipare:
Il seminario è rivolto agli assistenti sociali dipendenti del Comune di Napoli, operatrici dei centri antiviolenza e delle case per donne maltrattate operanti nel territorio della Regione Campania.

Per gli assistenti sociali (max 30 partecipanti), le domande redatte su apposita modulistica saranno protocollate in ordine di arrivo. Sarà possibile iscriversi fino al 21/11/2016.


L’elenco dei partecipanti sarà pubblicato su www.coopdedalus.it.
Per gli assistenti sociali frequentanti sono stati chiesti 5 crediti formativi

Sede di svolgimento:
Officine Gomitoli, piazza Enrico de Nicola (Lanificio a Porta Capuana) Napoli.

Il seminario è promosso nell’ambito della manifestazione #SVERGOGNATI– Un atto d’amore

#OfficineGomitoli

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK