Talenti in festa @ Officine Gomitoli

Un pomeriggio in cui canto, teatro-danza e illustrazione si sono susseguiti in una serie di performances emozionanti, all’insegna dei talenti e dello stare insieme divertendosi e mettendo in atto quando condiviso nei pomeriggi di laboratorio…

Questa la festa di Officine Gomitoli…

17-12-20_DSF7613, 17-12-20_DSF7614, 17-12-20_DSF7620, 17-12-20_DSF7626, 17-12-20_DSF7628, 17-12-20_DSF7634, 17-12-20_DSF7646, 17-12-20_DSF7649, 17-12-20_DSF7651, 17-12-20_DSF7652, 17-12-20_DSF7653, 17-12-20_DSF7657, 17-12-20_DSF7663, 17-12-20_DSF7664, 17-12-20_DSF7668, 17-12-20_DSF7669, 17-12-20_DSF7676, 17-12-20_DSF7677, 17-12-20_DSF7678, 17-12-20_DSF7679, 17-12-20_DSF7681, 17-12-20_DSF7682, 17-12-20_DSF7687, 17-12-20_DSF7690, 17-12-20_DSF7691, 17-12-20_DSF7699, 17-12-20_DSF7708, 17-12-20_DSF7711, 17-12-20_DSF7714, 17-12-20_DSF7717, 17-12-20_DSF7722, 17-12-20_DSF7733, 17-12-20_DSF7734, 17-12-20_DSF7735, 17-12-20_DSF7739, 17-12-20_DSF7746, 17-12-20_DSF7747, 17-12-20_DSF7754, 17-12-20_DSF7756, 17-12-20_DSF7760, 17-12-20_DSF7775, 17-12-20_DSF7777, 17-12-20_DSF7779, 17-12-20_DSF7782, 17-12-20_DSF7784, 17-12-20_DSF7785, 17-12-20_DSF7790, 17-12-20_DSF7792, 17-12-20_DSF7793, 17-12-20_DSF7796, 17-12-20_DSF7804, 17-12-20_DSF7805, 17-12-20_DSF7806, 17-12-20_DSF7823, 17-12-20_DSF7832, 17-12-20_DSF7836, 17-12-20_DSF7839, 17-12-20_DSF7841, 17-12-20_DSF7842, 17-12-20_DSF7843, 17-12-20_DSF7849, 17-12-20_DSF7860, 17-12-20_DSF7867, 17-12-20_DSF7868, 17-12-20_DSF7872, 17-12-20_DSF7877, 17-12-20_DSF7882, 17-12-20_DSF7884, 17-12-20_DSF7885, 17-12-20_DSF7890, 17-12-20_DSF7907, 17-12-20_DSF7911, 17-12-20_DSF7912, 17-12-20_DSF7913, 17-12-20_DSF7916, 17-12-20_DSF7917, 17-12-20_DSF7919, 17-12-20_DSF7920, 17-12-20_DSF7922, 17-12-20_DSF7925, 17-12-20_DSF7926, 17-12-20_DSF7929, 17-12-20_DSF7930, 17-12-20_DSF7931, 17-12-20_DSF7933, 17-12-20_DSF7934, 17-12-20_DSF7938, 17-12-20_DSF7939, 17-12-20_DSF7942, 17-12-20_DSF7946, 17-12-20_DSF7950, 17-12-20_DSF7951, 17-12-20_DSF7957, 17-12-20_DSF7959, 17-12-20_DSF7964, 17-12-20_DSF7966, 17-12-20_DSF7968, 17-12-20_DSF7971, 17-12-20_DSF7973, 17-12-20_DSF7974, 17-12-20_DSF7978, 17-12-20_DSF7983, 17-12-20_DSF7985, 17-12-20_DSF7988, 17-12-20_DSF7991, 17-12-20_DSF7992, 17-12-20_DSF7994, 17-12-20_DSF7995, 17-12-20_DSF8022, 17-12-20_DSF8023, 17-12-20_DSF8025, 17-12-20_DSF8027, 17-12-20_DSF8029, 17-12-20_DSF8030, 17-12-20_DSF8031, 17-12-20_DSF8032, 17-12-20_DSF8033, 17-12-20_MG_0214, 17-12-20_MG_0218, 17-12-20_MG_0225, 17-12-20_MG_0228, 17-12-20_MG_0229, 17-12-20_MG_0239, 17-12-20_MG_0243,-Modifica

Incontro-spettacolo con Bergonzoni @Museo MADRE

Sabato 2 dicembre, alle ore 21.00, il museo MADRE ha ospitato l’evento conclusivo della manifestazione “La città e l’ospitalità. La fatica e la bellezza”, con protagonista Alessandro Bergonzoni, che ha portato in scena un incontro-spettacolo in cui ha fatto emergere la “bellezza” dell’incontro, ma anche la “fatica” che ogni convivenza porta con sé. cogliendone le contraddizioni e la necessità, al di là di ogni possibile ipocrisia e dei rischi dei possibili luoghi comuni.

24231849_1855660888057445_913022578454559065_n 24232190_1855660794724121_8034710711661206358_n 24232915_1855661091390758_5458213538182672497_n 24293865_1855660871390780_7710009569253014656_n 24293959_1855660961390771_7155026639552696034_n 24294045_1855660798057454_293381714158267545_n 24294158_1855660791390788_7255534997902646280_n 24294185_1855661071390760_1995410150982262291_n 24294205_1855660974724103_6965820194247629045_n 24296839_1855660971390770_4810245765561040186_n 24301235_1855661201390747_3438000186391200416_n 24301256_1855661088057425_2108742830487558252_n 24312483_1855660878057446_7122047100398309780_n 24312531_1855660978057436_1530469695278568484_n 24312650_1855661064724094_8026892534133217155_n 24312901_1855660891390778_89705293295499874_n 24796754_1855660788057455_6762257672497689235_n (1) 24796754_1855660788057455_6762257672497689235_n

Workshop teatrale con Alessandro Bergonzoni @Offiine Gomitoli

Parlare di ospitalità’ in tempi di diffidenza e precarietà non è cosa facile.

Tuttavia solo nella convivenza si intravedono possibili futuri, con passione e vicinanza…

Questa l’idea di fondo con cui, Alessandro Bergonzoni, attore bolognese e autore di numerosi testi teatrali e narrativi, ha dialogato con ragazzi e ragazze del territorio, seconde generazioni e giovani con background migratorio sul tema della relazione tra “comunità” e “ospitalità”.

Nel corso del workshop, tema del “botta e risposta” tra l’attore e i/ragazzi/e è stata una riflessione sulla “bellezza” propria di ogni incontro e al contempo sulla “fatica” che ogni convivenza comporta. Al di là di ogni possibile ipocrisia o luogo comune, si è (ri)pensato all’incontro e alla convivenza tra culture, storie e persone differenti come opportunità di benessere e sviluppo per la comunità, analizzandone le potenziali inter-connesioni con esperienze e progetti di rigenerazione urbana, realmente in atto nella città di Napoli.

Ho me: ma non mi basto, non posso bastarmi. Soprattutto se il guscio protetto della mia «casa» non si apre all’accoglienza dell’altro: ovvero, all’imprevisto dell’incontro/scontro che crea – comunque – relazioni. Autentiche. Capaci cioè di sprigionare, più che “integrazioni”, interazioni dialogiche: presupposto di ogni civile convivenza che trasformi l’hostis, lo straniero e (presunto) nemico, in hospes, ospite.

Questo il filo del discorso che si è poi addentrato nell’oscillazione tra partenze e arrivi, approdi e fughe, confini e sconfinamenti; ma anche tra atavico terrore di tutto ciò che è diverso dalla rassicurante, routinaria e oppressiva quotidianità e l’apertura dello sguardo a un “oltre” che fa crollare i muri di certezze, convinzioni, (pre)giudizi lasciando aprirsi orizzonti altri. Che possono anche capovolgere, positivamente, le nostre regole.

Non sono mancati gli illuminanti giochi di parole di Alessandro Bergonzoni, che ci ha apertamente invitati tutti a praticare uno sport: “il salto in ALTRO”…ad “abitare l’infine e non il confine” e che ci ha ricordato, infine, che la “mano che uccide di più non è quella destra o quella sinistra, ma la man/canza”…

24231749_1855655628057971_8755138623333621592_n 24293933_1855655711391296_9025224416162177084_n 24294118_1855655544724646_423763955480392556_n 24294319_1855655538057980_6379289036062891208_n 24296371_1855655448057989_4955916164562120686_n 24296385_1855655608057973_728713586830444007_n 24296386_1855655804724620_5449180663232677073_n 24296585_1855655684724632_1895649250702717308_n 24296773_1855655708057963_6991598614670699510_n 24301171_1855655611391306_1144855312271007504_n 24301452_1855655451391322_1411415468352546873_n 24312489_1855655774724623_7833433596209928770_n 24312529_1855655458057988_4164691873116961769_n 24312701_1855655808057953_4404863050907725456_n 24312951_1855655541391313_3283384170910272690_n 24775049_1855655454724655_1466027943069652590_n 24796337_1855655624724638_1748376918929370362_n 24796408_1855655534724647_7730422745791795542_n 24796506_1855655698057964_7826712158951522380_n

“La città e l’ospitalità. La fatica e la bellezza”: Alessandro Bergonzoni @Officine Gomitoli

Tre giorni di confronto, visioni e cultura sul tema: “La città e l’ospitalità: la fatica e la bellezza” che hanno ruotano intorno a cinque appuntamenti:

Il 30 novembre al pomeriggio con il coinvolgimento di alcune scuole della città: proiezione del film”Welcome” di Philip Loiret. Proiezione accompagnata dagli interventi di Gennaro Carillo, Paola Clarizia, Patrizia Cotugno e Tania Castellaccio

Il 1 dicembre, alle ore 17.00: Workshop teatrale rivolto agli studenti delle scuole coinvolte nell’iniziativa con Alessandro Bergonzoni.

Il terzo e quarto appuntamento sabato 2 dicembre al mattino: alle ore 10.30 con l’inaugurazione della mostra di Francesco Tullio Altan, che ci ha regalato la disponibilità ad esporre 18 sue vignette sui temi dell’immigrazione, della convivenza e della multiculturalità.
A seguire, un momento di confronto tra studenti e città con Aldo Bonomi (AAster), Maria Grazia Giannichedda (Direttore della Fondazione Basaglia), Carlo Borgomeo (Presidente Fondazione con il Sud), Domenico Ciruzzi (Presidente fondazione “Premio Napoli), Alfredo Guardiano (Astrea).

Sabato 2 dicembre alle ore 21 Alessandro Bergonzoni presente per un incontro/spettacolo con la città, al Museo MADRE. Museo d’arte contemporanea Donnaregina.

Parlare di ospitalità’ in tempi di diffidenza e precarietà non e’ cosa facile. La paura per un futuro che appare sempre più incerto, insieme alla sensazione di correre il costante rischio di scivolare in processi di marginalità ed esclusione sono sensazioni che riguardano fasce ampie della popolazione, ben oltre le sfere della povertà e della vulnerabilità economica più tradizionali.

La rabbia di chi si sente abbandonato dalle istituzioni e di chi non accetta gli effetti di una crisi disuguale spingono le comunità’ locali a chiudersi. A vivere come faticoso qualsiasi sforzo di convivenza e a percepire l’altro differente più come minaccia che non come risorsa.

Ma d’altra parte e’ del tutto evidente che solo nell’incontro, nei movimenti, nella disponibilità al meticciato si intravedono possibili futuri e soprattutto la possibilità di immaginare il consolidamento di relazioni civili e democratiche. Di pensare a città e luoghi in grado di produrre benessere collettivi e opportunità di relazione e bellezza

Su queste tematiche, abbiamo organizzato tre giorni di confronto, visioni e cultura sul tema: “La città e l’ospitalità: la fatica e la bellezza”.

Progetti fotografici @Officine Gomitoli

Passata la fase iniziale ovvero quella “dell’innamoramento” e delle necessarie riflessioni tecniche, si torna al significato di fotografare, osservando e analizzando la realtà intorno a sè, con il fine di sviluppare la propria sensibilità artistica.

Come?

Realizzando dei progetti fotografici che richiedono impegno e mantengono vivo lo stimolo e l’atteggiamento giusto. Questo perché fotografare senza un progetto ben definito può andare bene ogni tanto, per svagarsi, ma a lungo termine c’è bisogno che il nostro lato artistico si evolva.

Fotografare è in parte cogliere l’attimo, in parte seguire l’istinto, ma anche esprimere le proprie idee, quelle più profonde e complesse.

Spesso si sente parlare di “progetto fotografico”e nell’immaginario delle persone — forse proprio per l’uso della parola “progetto” — si pensa che ci deva essere uno studio e tanta pianificazione dietro.

Ma è veramente così?

Oppure è frutto del talento?

O semplicemente una botta di “fortuna” all’ennesima potenza?

Una cosa non esclude l’altra.

Un “progetto fotografico” non deve essere necessariamente “pianificato” a tavolino, ma può scaturire anche da una semplice intuizione. Che significa in fondo la parola “progetto” se non semplicemente “gettare avanti”?

Così per strada, con le loro fotocamere e un’intuizione, i ragazzi e le ragazze del laboratorio di fotografia “Dallo scatto al progetto” hanno messo in moto il cervello ad “immaginare” foto che, coerenti tra loro, possono permetter loro di comunicare qualcosa… 

Raccontare una storia…

Documentare una situazione…

Seguire l’evoluzione o la crescita di qualcosa…

Mostrare la peculiarità di un posto…

E allora perchè non uscire di casa con la fotocamera in mano e degli obiettivi in mente?

Lezione 24-11 (2) Lezione 24-11 (6)

 

“Il Dono” @Officine Gomitoli

Cosa vuol dire donare oggi?

Cosa vuol dire donare, nelle varie culture del mondo?

Cosa vuol dire donare, per ciascuno/a di noi?

Donare…

Partendo da esercizi respirazione e di movimento per liberare il corpo, durante i quali ognuno ha raccontato la sua idea di dono, fin dai primi due incontri i ragazzi e le ragazze hanno poi cominciato a “donarsi” qualcosa partendo proprio dalle loro identità scrivendo il proprio nome con una parte del proprio corpo (piedi, gomiti, spalle, occhi) in aria e a ritmo di musica facendo attenzione a farlo indovinare a tutti gli altri.

Donare…

Continuando sull’idea del dono, si è poi giocato coi colori:

Scegliere (senza farsi vedere dagli altri) un post-it colorato e, dopo averlo nascosto tra le mani, mimare il colore scelto donando agli altri le sensazioni che quel colore provocava…

Scegliere dei petali di rose di diversi colori e, dopo averli ugualmente nascosti tra le mani,  mimare l’emozione di quel colore attraverso una piccola performance…di spalle rispetto al pubblico…per poi voltarsi e liberarli in aria, a terra, in un soffio…

Donare…

Raccontando, attraverso il disegno, un oggetto o un qualcosa che si vuol cambiare nella propria vita, nella propria città o nel mondo…

 IMG_8190 IMG_8191 IMG_8192IMG_8198IMG_8197

“Il Dono” workshop artistico con Rosy Rox @Officine Gomitoli

Partendo dall’intervento dell’artista inteso come un “Dono”, che non propone la visione di un modello assoluto, ma cerca di risvegliare tutte le riserve emozionali e culturali, il laboratorio indagherà il processo di comunicazione non verbale, affrontando il tema del dono e dell’atto di creazione “come donazione di senso”.

Un Dono come fenomeno di rivelazione, come vissuto di coscienza, partendo dalla donazione di sé e del proprio “essere”.

Il workshop, ideato e condotto dall’artista Rosy Rox, avrà inizio martedì 31 ottobre dalle h. 15:00 alle 18:00 per tutti i  martedì fino al 28 novembre.

Per iscrizioni, inviare una mail a: officinegomitoli@coopdedalus.org

Il workshop è parte integrante del progetto partecipativo “il Dono” di Rosy Rox.

18 ottobre: Giornata europea contro la tratta di esseri umani #Liberailtuosogno @Officine Gomitoli

Per “Tratta di esseri umani” si intende lo spostamento, attraverso l’uso della forza o dell’inganno, di una persona in luogo diverso da quello in cui risiede, ai fini di sfruttamento sessuale, lavorativo, delle economie illegali, dell’accattonaggio o del traffico di organi.

Per l’undicesima Giornata Europea contro la tratta, mercoledì 18 ottobre, alle ore 12.00 gli operatori e le operatrici della Dedalus, insieme ad alcuni ragazzi e alcune ragazze che frequentano il Centro Interculturale Officine Gomitoli,  e con la partecipazione straordinaria di Patrizio Rispo, hanno fatto volare in aria tanti palloncini per liberare così, simbolicamente, il sogno delle persone vittime di tratta e di grave sfruttamento.

#liberailtuosogno2017

#OfficineGomitoli

IMG_3655 IMG_3657 IMG_3671 IMG_3672 IMG_3679 IMG_3687 IMG_3688 IMG_3690 IMG_3697 IMG_3698 IMG_3699 IMG_3701 IMG_3704 IMG_3709

“Dallo scatto al progetto”. I ritratti fotografici @Officine Gomitoli

Come si fa a scattare un bel ritratto fotografico professionale?

Che sia per necessità o per volontà, questo tipo di immagini inevitabilmente compare almeno una volta nel portfolio degli appassionati e dei professionisti.

Senza dubbio, i ritratti sono affascinanti e sanno dare tante soddisfazioni al fotografo, perché lavorare con le persone è sicuramente stimolante, ma al tempo stesso questo tipo di fotografia necessita di un approccio diverso rispetto a tutti gli altri ed è necessario conoscere qualche piccolo rudimento in materia (lo studio dei piani e delle inquadrature) per avere la certezza di realizzare una bella foto…esserne contenti e fare contenta la persona ripresa…

Un bel esercizio anche per conoscersi e raccontare sè stessi e gli altri…

22365741_1342892709172538_350911861814933191_n 22366358_10207894231354260_3688823403178838489_n 22366417_1342893592505783_4421998508235532421_n 22405616_10212019246628234_1999926063803459982_n 22405885_10207894231874273_921352101958163772_n 22405924_1130473593754663_372579634341168620_n 22406111_1130473643754658_6510518077184829501_n 22406457_10207894230394236_7454833031835741047_n 22448557_1130473587087997_5759173859936884347_n 22448597_10207894232474288_710650428390802975_n 22449619_1342892989172510_8742267709356932183_n 22492028_10207894230794246_1206180333914316405_n 22528194_1342893209172488_1531621551235960367_n 22539737_1130473670421322_5747627225851230454_n (1) 22540074_1130473657087990_6364366324736074342_n

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK