Babou Bojang&Dream Team per un nuovo beat rap @Officine Gomitoli

Condurre giovani talentuosi a scrivere le parole in musica, partendo da esercizi di allenamento, di ritmo e di voce per creare insieme il testo per una canzone rap. Ad un anno di distanza da Culture Migranti è stato nuovamente questo il motivo che ha portato Babou Bojang a tornare a Napoli.

Let’s rap è stato il nome del workshop di composizione musicale che, con il contribuito del Goethe Institut e della Fondazione Alta Mane, per ben tre giorni ha tenuto incollati ai microfoni e alle cuffie ragazzi e ragazze impegnati a scrivere e cantare!

Oltre ad aver ri-unito il mitico Dream Team, il gruppo di giovani che già aveva conosciuto Babou l’anno scorso e che aveva avuto modo di lavorare con lui per poi debuttare alla festa di Culture Migranti, il laboratorio ha attirato anche altri ragazzi e ragazze appassionati di canto e musica.

Rincontrarsi ad un anno di distanza per i ragazzi del Dream Team e per lo stesso Babou è stato emozionante! Ma anche conoscere i nuovi partecipanti è stata una scoperta!

Oltre a voci straordinarie, infatti, abbracci, baci e tanti sorrisi hanno caratterizzato i nostri momenti insieme.

Nel corso dei tre giorni di workshop, partendo con piccoli esercizi di team building e creazione di un ritmo, si è poi subito arrivati a come si scrive un brano musicale? Come si passa dalla scelta collettiva del beat alla scrittura del testo e alla registrazione in studio?

Partendo dalla scelta del beat su cui andare a scrivere i loro pezzi, i ragazzi e le ragazze si sono dedicati in primis a sviluppare la percezione del ritmo. Dopo aver ascoltato differenti stili musicali, legati con energia positiva con un particolare cantato e un bel groove, i ragazzi hanno concordato sulla scelta della base su cui rappare: un pezzo caratterizzato da ritmi veloci e cadenzati ma con linee melodiche addolcite…su cui tutti possono cantare! Tutti tranne Serxho e Daniel! I nostri due giovani talentuosi rapper albanesi che, avendo preferito una base più “strong”, hanno deciso di scrivere e registrare da veri “gangsters”…come li ha simpaticamente definiti Babou!

Dopo aver deciso i beats, i ragazzi, da soli o in coppia, si sono impegnati a sviluppare l’orecchio per il ritmo prescelto. Così, mentre lavoravano al loro vocabolario, provavano a leggere il brano che stavano componendo ad alta voce, facendo caso alla cadenza naturale e provando ad allenarsi al senso del ritmo e del tempo. Questo esercizio li ha aiutati a rendere il modo in cui cantavano più scorrevole e piacevole da ascoltare.

Concentrati sulla scrittura dei loro testi, ragazzi e le ragazze si sono impegnati ad andare al di là del fare delle rime: la sostanza, il contenuto del loro testo! Amore, amicizia, speranza, voglia di libertà e di cambiare vita, coraggio…questi i temi a cui hanno dedicato le loro idee uscite dal cuore.

Scrivendo così tutto quello che gli veniva in testa, senza censurarsi (nei limiti posti da Babou nel suo dire loro “No bad words”) e senza preoccuparsi della forma, i/le partecipanti hanno cominciato ad esternare le proprie emozioni scrivendo in rima e creando, in alcuni casi, dei veri e propri tormentoni tra di loro.

Dopo aver superato la fase di scrittura, parte integrante del laboratorio è stata eseguire e registrare il brano, creato in formazioni d‘insieme attraverso l’utilizzo del canto, imparando il rispetto e l’importanza del proprio ruolo assegnato all’interno del contesto di gruppo. Una volta completati infatti le bozze finali del testo, i ragazzi e le ragazze hanno memorizzato ogni parola e sono passati, uno ad uno, alla registrazione.

Provando e riprovando con cuffie e microfono, tutti hanno utilizzato la tecnica del “rappa e migliora”…

Facendo pratica, rappando sul proprio pezzo e sul ritmo, ognuno ha ragionato sulle difficoltà del brano scritto e, con l’aiuto dei compagni e di Babou, ha ottimizzato la propria strofa.

Una, due, tre, quattro registrazioni e così il brano ha cominciato a prendere vita…

Lavorando sul flow, sul timbro vocale, sul pathos di ogni rima e di ogni singola barra, la canzone ha iniziato a comporsi di diverse lingue (italiano, inglese, francese, woloof), versi pungenti, rime originali e ritornelli ripetitivi e che rimangono in testa.

Alla fine dell’assemblaggio di tutte le strofe della canzone, tornare ad ascoltarsi è stato il momento in cui la musica, come mediatore di emozioni, come strumento per la collaborazione e la cooperazione con gli altri, ha fatto esplodere la gioia e la soddisfazione per il lavoro creato!

In attesa che Babou mixi a regola d’arte, elabori e produca il brano per poi inviarlo tutti noi, il gruppo del Dream Team si è ampliato diventando Big Dream Team!

Alla fine di queste tre giornate passate insieme i ragazzi hanno potuto potenziare le conoscenze tecniche di base e acquisirne di nuove, metterle in pratica e imparare a cogliere e a sviluppare spunti, esercitando l’osservazione e la loro infinita sensibilità.

Interagendo gli uni con le altre in un’ottica di collaborazione e non di competitività, i ragazzi e le ragazze hanno condiviso emozioni e appreso, ancora una volta come un anno fa, che tutti possono fare musica!

 

“I’m gonna miss u”, è stata la frase con cui salutarsi, alla fine, è stata dura per tutti ma il nostro Dream Team sa bene che in alcuni momenti della vita tutti si trovano a dover sperimentare un po’ di tristezza e allora si sorridere e si ascoltare un po’ della (nostra) musica per accompagnarci al prossimo incontro…a Monaco di Baviera o a Napoli forse, chi lo sa?

Intanto…let’s rap! 🙂

05052018-_MG_5578 05052018-_MG_5579 05052018-_MG_5580 05052018-_MG_5581 05052018-_MG_5582 05052018-_MG_5584 05052018-_MG_5585 05052018-_MG_5586 05052018-_MG_5587 05052018-_MG_5589 05052018-_MG_5591 05052018-_MG_5592 05052018-_MG_5596 05052018-_MG_5649 05052018-_MG_5653 05052018-_MG_5660 05052018-_MG_5663 05052018-_MG_5667 05052018-_MG_5714 05052018-_MG_5725 05052018-_MG_5729 05052018-_MG_5731 05052018-_MG_5735 05052018-_MG_5739 05052018-_MG_5745 05052018-_MG_5749 05052018-_MG_5753 05052018-_MG_5757 05052018-_MG_5766 05052018-_MG_5768 06052018-_MG_5771 06052018-_MG_5774 06052018-_MG_5778 06052018-_MG_5787 06052018-_MG_5798 06052018-_MG_5801 06052018-_MG_5806 06052018-_MG_5807 06052018-_MG_5808 06052018-_MG_5810 06052018-_MG_5814 06052018-_MG_5815 06052018-_MG_5816 06052018-_MG_5817 06052018-_MG_5820 06052018-_MG_5822

Impari-Amo Insieme @Officine Gomitoli

Un ambiente familiare e stimolante sotto il profilo socio-educativo che offra una serie di strumenti ed opportunità affinché i/le ragazzi/e possano impiegare il loro tempo libero conciliando lo svolgimento di attività di studio, individuali o in piccoli gruppi, con attività ricreative, ludico- espressive ed educative…

Un modo per stare insieme e imparare divertendosi…

 

I colori della musica @Officine Gomitoli: Prima tappa, Messico!

Grandissima affluenza tra allievi dei laboratori precedenti e nuovi arrivi, soprattutto dal liceo artistico. Dopo la presentazione del laboratorio stesso, ci siamo conosciuti e i ragazzi hanno provato ad indovinare la prima tappa del nostro viaggio artistico-musicale, ascoltando ed osservando gli indizi che ho fornito.
Il nostro viaggio è iniziato dal Messico. Dopo una breve introduzione alla storia del Paese, abbiamo esplorato insieme la sua cultura, soffermandoci, in particolare, sulla tradizione musicale. Nel corso delle due ore i partecipanti hanno ascoltato tantissime tracce audio-video, comprese le evoluzioni musicali più recenti, hanno preso visione di scene di alcuni film; insieme, ci siamo confrontati su alcune leggende, sui simboli, sui testi delle canzoni più famose, abbiamo visto alcune fotografie storiche della rivoluzione e tutti hanno avuto la possibilità di osservare pubblicazioni sull’arte precolombiana e sulla pittrice Frida Kahlo. Gli input sono stati, quindi, molteplici e di diverso genere e il risultato è stato davvero sbalorditivo. I ragazzi hanno messo subito in luce il loro stile personale prediligendo chi composizioni astratte, chi il fumetto, chi rappresentazioni più concrete. In ogni caso, le creazioni sono state coloratissime e, soprattutto, molto originali.
20170228_171959 20170228_172009 20170228_172029 20170228_172051 20170228_172106 20170228_172121 20170228_172133 20170307_155557 20170307_155603 20170307_155642 20170307_155733 20170307_165644
20170228_155829 20170228_155843 20170228_160025 20170228_160034 20170228_161448 20170228_164829 20170228_164909 20170228_164916 20170228_164923 20170228_165240 20170228_165259 20170228_165307 20170228_165621 20170228_171949

“L’integrazione comica” @Officine Gomitoli

Pomeriggi a contatto con un’esperienza affascinante ed educativa: quella del teatro. Questo è il laboratorio teatrale “L’integrazione comica” che Officine Gomitoli ospita ogni lunedì pomeriggio.

All’interno dei singoli incontri, i/le partecipanti, giovani italiani/e, 2G e con background migratorio, stanno sperimentando il palcoscenico come luogo di incontro, confronto, crescita, scoperta, gioco e specchio di una realtà interiore… un luogo in cui qualcuno ha bisogno di stare ad ascoltare qualcosa che qualcun altro ha da dire a lui.

Avendo come sfondo un ricco programma, che si avvale della conduzione dell’attrice Antonella Stefanucci, i/le partecipanti si cimentano di volta in volta in prove di recitazione, improvvisazione, dizione e training psicofisico, concentrando la loro attenzione su quel che sarà lo spettacolo finale da mettere in scena…ancora top secret!

17500482_10210941349721827_1250045736_o 17521667_10210941349481821_982647149_o 17521703_10210941365362218_1560749983_o 17521948_10210941350801854_1876078699_o 17548793_10210941366562248_2017005517_o 17548846_10210941349201814_229615131_o 17571399_10210941365522222_1206680120_o 17548905_10210941348441795_1533535176_o  17571778_10210941350961858_1840480811_o 17571796_10210941348681801_382603621_o 17571917_10210941350001834_881424159_o 17571929_10210941350321842_372411865_o 17571968_10210941367402269_28545214_o 17622262_10210941367122262_1189312829_o 17622218_10210941365802229_224372824_o  17622265_10210941348961808_894743472_o 17622909_10210941366042235_1770154013_o 20170213_152331_resized 20170213_152343_resized 20170213_153244_resized 20170213_153330_resized 20170213_153808_resized 20170213_153818_resized 20170213_153822_resized 20170213_153845_resized 20170213_153902_resized 20170213_160747_resized 20170213_160805_resized 20170213_160902_resized 20170213_160956_resized 20170213_165150_resized 20170213_171104_resized 20170213_171151_resized 20170213_171926_resized 20170213_171938_resized 20170213_171951_resized 20170213_171958_resized 20170213_173559_resized 20170213_174030_resized IMG-20170213-WA0006 IMG-20170213-WA0007 IMG-20170213-WA0008 IMG-20170213-WA0009 IMG-20170213-WA0010 IMG-20170213-WA0011 IMG-20170213-WA0012 IMG-20170213-WA0013 IMG-20170213-WA0014 IMG-20170213-WA0015 IMG-20170213-WA0016 IMG-20170213-WA0017 IMG-20170213-WA0018 IMG-20170213-WA0019

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK