Acquerello mitologico “Arianna&Teseo” @Officine Gomitoli

Una “mitica” ripresa dei laboratori artistico-culturali all’interno degli spazi di Officine Gomitoli dopo la pausa estiva…

Ad aprire la nuova stagione è stato il laboratorio di “Acquerello Mitologico” tenuto dalla docente/artista Marianna Canciani.

Nel primo incontro, i ragazzi si sono presentati passandosi un gomitolo fino a creare una rete, simbolo di un intreccio di culture e di saperi, come quello che simboleggia Officine Gomitoli, come quello che Arianna (protagonista del primo mito presentato) dà a Teseo per non perdersi.

I partecipanti, provenienti da vari Paesi del mondo, hanno ascoltato, attraverso le parole dell’insegnante, il racconto del mito di Teseo e il Minotauro ambientato nell’antica Grecia. Successivamente, ispirati da alcune immagini, hanno riprodotto e reinterpretato con colori e pennelli le scene più significative della labirintica storia.

IMG_8557 IMG_8558 IMG_8559 IMG_8560 IMG_8561 IMG_8562 IMG_8563 IMG_8564 IMG_8565 IMG_8566 IMG_8567 IMG_8568 IMG_8569 IMG_8570 IMG_8571 IMG_8572 IMG_8573 IMG_8574 IMG_8575 IMG_8576 IMG_8577 IMG_8578 IMG_8579 IMG_8580 IMG_8581 IMG_8582 IMG_8583 IMG_8584 IMG_8585 IMG_8586 IMG_8587 IMG_8588 IMG_8589 IMG-20170906-WA0005 IMG-20170906-WA0006 IMG-20170906-WA0007 P1040770                                    P1040771

#OpenReGeneration, here we are :)

Dopo il primo appuntamento a Made in Cloister, il 28 dicembre #OpenReGeneration si è spostato in Piazza Leone.

Con i dispositivi ludici “ReGeneration Mobile Playground: devices for the Creation of Urban Situation”, realizzati durante il workshop di Rigenerazione Urbana, abbiamo avuto l’occasione di sperimentare le possibili trasformazioni, attraverso l’attivazione temporanea, di una piazza della città, con grandi potenzialità e che da troppo tempo attende un progetto di risistemazione.

Ci rivediamo, sempre in piazza Leone (ex Pretura, fuori Porta Capuana) sabato 7 gennaio, per chiudere le feste di #natale con i giochi di Progetto ReGeneration!

#OfficineGomitoli

img_9711 img_9712 img_9714 img_9715 img_9716 img_9718 img_9723 img_9727 img_9729 img_9731 img_9732 img_9733 img_9734 img_9736 img_9737 img_9743 img_9744 img_9749 img_9751 img_9752 img_9755 img_9757 img_9759 img_9760 img_9763 img_9768 img_9769 img_9772 img_9773 img_9774 img_9775 img_9778 img_9779 img_9780 img_9781 img_9784 img_9788 img_9791 img_9792 img_9794 img_9795 img_9797 img_9798 img_9799 img_9804 img_9805 img_9809 img_9811 img_9815 img_9816 img_9817 img_9820 img_9826 img_9827 img_9829 img_9830 img_9831 img_9833 img_9843 img_9844 img_9847 img_9853 img_9855 img_9856 img_9857 img_9859 img_9860 img_9867 img_9872 img_9876 img_9878 img_9888 img_9899 img_9907 img_9910 img_9914 img_9918 img_9923 img_9940 dsc_9852 dsc_9856 dsc_9860 dsc_9862 dsc_9870 dsc_9875 dsc_9877 dsc_9879 dsc_9881 dsc_9884 dsc_9887 dsc_9896 dsc_9897 dsc_9898 dsc_9904 dsc_9906 dsc_9916 dsc_9917 dsc_9919 dsc_9922 dsc_9924 dsc_9936 dsc_9945 dsc_9948 dsc_9956 dsc_9962

Laboratorio artistico di illustrazioni: Indovina chi?

Si è conclusa la prima fase del laboratorio artistico: le tessere per il Memory sono pronte!

Ma il viaggio intorno al mondo continua e i partecipanti sono già all’opera per creare le cards di Indovina chi. Ispirati da atlanti, da altre illustrazioni e dai volti fotografati per il National Geographic, sono impegnati ad illustrare le tante “facce” del nostro pianeta, nonché ad assegnare loro dei nomi originali. Dall’India al Messico, dalla Francia all’Egitto, i ragazzi hanno già esplorato tante diverse realtà…e di popoli da conoscere ce ne sono ancora tanti!
Stay tuned 😉
#Officine Gomitoli
img-20161115-wa0008 img-20161115-wa0009 img-20161115-wa0010 img-20161115-wa0011 img-20161115-wa0012 img-20161115-wa0013 img-20161115-wa0014 img-20161115-wa0023 img-20161115-wa0022 img-20161115-wa0021 img-20161115-wa0020 img-20161115-wa0019 img-20161115-wa0018       img-20161115-wa0017         img-20161115-wa0016             img-20161115-wa0015

Officine Gomitoli: Centro Interculturale per l’incontro e la convivenza tra differenze

La Cooperativa Sociale Dedalus (www.coopdedalus.it) da più di 30 anni lavora a Napoli sui temi dell’immigrazione e per il positivo incontro tra comunità locale e persone migranti. Da sempre una grande attenzione è stata data all’area dell’infanzia e dell’adolescenza, come a quella dei giovani, con interventi nelle scuole ed anche attività tese a migliorare le condizioni di vita quotidiana. La cooperativa, infatti, individua, proprio nei giovani (italiani e con background migratorio) gli attori privilegiati da cui partire per costruire insieme le condizioni per una convivenza civile, democratica e positiva tra differenti culture, provenienze ed etnie.
Ed è in tale ambito che la Cooperativa Dedalus, grazie ad alcune fondazioni che hanno creduto da subito nel progetto (Fondazione Charlemagne, Open Society Foundacion, Fondazione con il Sud), ha deciso di affittare uno spazio di 600 mq all’interno dell’Ex Lanificio Borbonico Sava di Porta Capuana a Napoli (edificio collocato al centro di differenti progetti di rigenerazione urbana) per aprire un Centro Interculturale rivolto nello specifico ai giovani italiani e migranti, ma che nell’insieme guarda a tutta la comunità locale.
L’abbiamo chiamato “Officine Gomitoli “ un po’ perché il nome è coerente con quello dello stabile in cui si colloca, ma soprattutto perché ci piace l’idea dell’intreccio del “gomitolo” apparentemente indistricabile ma che invece, se usato con abilità e pazienza, sapendo guardare dentro non fermandosi alla superficie, permette la realizzazione di abiti e oggetti che nel nostro caso sono fili che lavorati e accompagnati producono “maglie” ricreative, culturali, artistiche, educative e formative.

In “Officine Gomitoli”, infatti, saranno presenti spazi dedicati al teatro, all’alta formazione professionale, all’artigianato artistico, alla riflessione e alla proposta culturale (spazio per proiezioni film, spettacoli teatrali o performance musicali), alla comunicazione con il quartiere e con la città (radio web e spazio multimediale), all’apertura di un confronto pubblico e positivo sui temi dell’immigrazione, della convivenza, delle politiche locali.
Insomma un luogo dove per una volta l’incontro tra italiani e migranti si proponga alla città non come problema, ma come opportunità di sviluppo e benessere collettivo, a partire dal protagonismo delle ragazze e dei ragazzi che lo frequenteranno che più che “destinatari” saranno attori primi della vita e delle attività del Centro stesso e in tali attività potranno trovare anche occasioni di lavoro e di emancipazione.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK