Ludopedagogia sull’Educazione alle Differenze con i ragazzi di Villa Fleurent

La nostra conoscenza della realtà è sempre culturalmente influenzata da stereotipi, talvolta incompleta, parziale.

Mirare a smontare visioni inflessibili e stereotipate su temi della violenza di genere, sugli stereotipi sessuali e di genere, sull’omofobia e sul bullismo…attraverso il gioco!

Utilizzando la componente ludica, considerata la dimensione della fantasia, del gioco e dell’avventura, dove l’impossibile diventa possibile, insieme ai ragazzi di Villa Fleurent, anche tutti gli adulti di riferimento presenti hanno smesso i panni dei “grandi” e sono tornati/e a danzare in cerchio, ad allestire girotondi in cui stringere la mano a sconosciuti che diventano presto conoscenti, a estranei che diventano vicini e con loro condividere un balletto che è poi convivenza quotidiana.

Tornando indietro alla purezza di cuore e di spirito dei bambini, e con i bambini, nel luogo magico della condivisione e del gioco, nell’inventare la storia di un video senz’audio e senza sottotitoli, nell’immaginare sé stessi in situazioni mai vissute ma non totalmente impossibili stessi accade, così, che si superano barriere enormi, che possa essere affrontata (e vinta) la tendenza alla chiusura e all’isolamento…ma soprattutto accade che, ridendo, si arrivi alla (ri)scoperta di sé e di tutto quello che, consapevolmente o no, ci imbriglia e ci imprigiona…

17500303_10210941360682101_1553490209_o 17500552_10210941370322342_1092251924_o 17521758_10210941375602474_8050891_o 17548705_10210941379322567_618571366_o 17548716_10210941358122037_161104522_o 17548821_10210941360362093_1959589779_o 17548869_10210941373402419_265110852_o 17548938_10210941359642075_1384643572_o 17549120_10210941359962083_54947495_o 17571007_10210941370962358_507306905_o 17571239_10210941376282491_981350744_o 17571409_10210941375282466_1220571478_o 17571672_10210941382122637_2003246955_o 17571708_10210941358922057_1440687353_o 17571848_10210941373642425_284522169_o 17571856_10210941370722352_1678607567_o 17571866_10210941370082336_1940924967_o 17571881_10210941371282366_592441087_o 17571952_10210941380882606_1318100720_o 17571961_10210941359442070_649079478_o 17572070_10210941372522397_360450657_o 17572092_10210941368562298_432017289_o 17572127_10210941377962533_45390187_o 17572142_10210941369402319_790592589_o 17622170_10210941358482046_1929431316_o 17622205_10210941360082086_669870384_o 17622210_10210941376922507_866055837_o 17622268_10210941371882381_1307153727_o 17622270_10210941360162088_1316558983_o 17622556_10210941373042410_527919656_o 17622576_10210941358642050_920887995_o 17622616_10210941381282616_2097730758_o 17622648_10210941359202064_208885327_o 17622753_10210941371562373_1963927924_o 17622851_10210941376002484_316245795_o 17623003_10210941373962433_1721258620_o 17623016_10210941368882306_1353074213_o 17623036_10210941374362443_434540331_o 17623091_10210941375042460_388685071_o 17623096_10210941369642325_1065265058_o

Sabrynex @Officine Gomitoli&Laboratorio ludopedagogico sui sentimenti

“Cos’è per te l’amore?”

“Cosa non vorresti mai ricevere per S.Valentino?”

“Si può cambiare per amore?”

“Tre parole per descrivere un uomo”

“Tre parole per descrivere una donna”

Prima di entrare in una stanza, provare a rispondere almeno a due di queste domande appiccicando un post-it a forma di cuore su un pannello e poi prendendo posto…

Così è cominciato il laboratorio ludopedagogico sui sentimenti @OfficineGomitoli…

Così attraverso il gioco, per conoscersi, per entrare in contatto, per sciogliere la timidezza i ragazzi e le ragazze presenti hanno cominciato a confrontarsi…e a confrontarsi su uno dei temi più difficili di sempre: l’amore…

Insieme a Sabrina Efionay (in arte Sabrynex), giovanissima blogger/scrittrice di origini nigeriane, il pomeriggio è passato partendo proprio dalla lettura di alcuni estratti dei suoi libri che, attraverso la storia d’amore tra Cher e Hunter, hanno fatto riflettere i ragazzi e le ragazze su tanti temi legati all’amore: la libertà, la gelosia, la dipendenza affettiva, il possesso, la fiducia e la felicità…

Stimolati/e dalla filosofa Simona Marino e da Tania Castellaccio, responsabile area accoglienza donne della Cooperativa Dedalus, i ragazzi e le ragazze hanno tirato fuori pensieri e paure, mettendosi in gioco e senza paura di “esporsi”…

L’incontro, chiuso dai saluti e dalle considerazioni dell’assessore Alessandra Clemente, si è concluso con una frase, tratta proprio da uno dei libri presentati da Sabrynex:

“Stare insieme senza ferirsi” è possibile [?]

#OfficineGomitoli

IMG_1004 IMG_1008 IMG_1009   IMG_1020

IMG_1024 IMG_1027 IMG_1037    IMG_1066

IMG_1072  IMG_1079

IMG_1088   IMG_1107 IMG_1110  IMG_1111

IMG_1125IMG_1132 IMG_1134 IMG_1147

IMG_1151   IMG_1159 IMG_1161    IMG_1162 IMG_1172 IMG_1174 IMG_1181     IMG_1204

IMG_0986                 IMG_1017                   IMG_1019

IMG_1031               IMG_1044                   IMG_1048 IMG_1047                 IMG_1068                   IMG_1069

IMG_1082                 IMG_1086                  IMG_1086  IMG_1094                 IMG_1099                  IMG_1112 IMG_1113                  IMG_1118                  IMG_1122  IMG_1153                 IMG_1154                  IMG_1178


 

Laboratorio ludopedagogico sui sentimenti+Presentazione libri Sabrynex

“Stare insieme senza ferirsi per loro sembra impossibile, ma altrettanto lo è separarsi. Solo se Hunter riuscirà a cambiare e ad accettare il suo passato difficile, potranno finalmente lasciarsi andare. Ce la farà, per Cher?”

Vi aspettiamo oggi pomeriggio dalle h. 15:00 a Officine Gomitoli per conoscere Sabrina Efionay (in arte Sabrynex), giovanissima scrittrice e blogger di origini nigeriane, per parlare dei suoi due libri già pubblicati con la Rizzoli e…di sentimenti

L’iniziativa si inserisce all’interno della campagna internazionale One Billion Rising Revolution 2017

Don’t miss! 🙂

Workshop “Raccontare storie, svelare stereotipi” con Sara Borrillo

Attraverso una metodologia tutta interattiva, partendo da esercizi ludico-teatrali per “avvicinarsi” all’Altro, si è trascorso il pomeriggio affrontando il tema degli stereotipi sulle donne dei paesi a maggioranza islamica ma anche su quelli che riguardano “il femminile” a Napoli, in Italia e in Occidente…

Un pomeriggio di “svelamento”…

IMG_2845 IMG_2848 IMG_2861 IMG_2871 IMG_2876 IMG_2893 IMG_2896 IMG_2897 IMG_2902 IMG_2904 IMG_2905 IMG_2914 IMG_2917 IMG_2918 IMG_2920 IMG_2925 IMG_2935 IMG_2938 IMG_2940 IMG_2941 IMG_2942 IMG_2943 IMG_2954 IMG_2964 IMG_2985 IMG_2988 IMG_2994 IMG_3000 IMG_3008 IMG_3011 IMG_3019

 

 

Call per Workshop su Femminismo Islamico “Identità digitale di genere e qualità del racconto. Ma chi era veramente Sherazade?”

Rights under the veil. Diritti sotto il velo.

Una rivoluzione silenziosa sta scuotendo il mondo musulmano

28 – 29 Dicembre dalle 16 alle 18

Sala Officine Gomitoli Piazza Enrico De Nicola 46 scala A, I piano

In questi giorni in cui eventi incalzanti continuano a soffiare sull’islamofobia in Occidente, c’è l’urgenza di impegnarsi per meglio mettere in luce un movimento che viene troppo spesso ignorato dai media, il Femminismo Islamico.

Movimenti di donne musulmane in tutto il mondo stanno mettendo in discussione l’interpretazione patriarcale del Corano.

Obiettivo principale del movimento è dimostrare che non c’è incompatibilità fra l’Islam riformista e i Diritti Universali della Donna e il progetto coinvolge femministe islamiche come Heba Raouf Ezzat (Egitto), Asma Lamrabet (Marocco),  Amina Wadud (Stati Uniti), Margot Badran (Stati Uniti). Asma Lamrabet e Amina Wadud.

RIGHTS UNDER THE VEIL vuole colmare quei deficit comunicativi che riportano una narrazione incompleta di ciò che è l’Islam, attraverso una diffusione transmediale per far sì che nuovi media e media tradizionali dialoghino tra loro.

Officine Gomitoli diventerà uno spazio di confronto per il movimento RUTV e offrirà un luogo a questo dibattito per la tappa napoletana di un progetto che vuole documentare l’emancipazione delle donne musulmane per connettere comunicazione e cultura islamica.

°°°

Dibattito e Approfondimento Rights Under The Veil

28 Dicembre 2016 ore 16 – Sala Officine Gomitoli

Piazza Enrico De Nicola 46 scala A, I piano

 

Workshop su “Identità digitale di genere e qualità del racconto. Ma chi era veramente Sherazade?”

29 Dicembre 2016 ore 16 – Sala Officine Gomitoli

Piazza Enrico De Nicola 46 scala A, I piano

Partendo dalla protagonista dei racconti di “Le Mille e una Notte”, si tenterà di analizzare le differenti rappresentazioni digitali della donna islamica; i/le partecipanti al workshop discuteranno sulla qualità del racconto di sé in un’ottica di genere e in una riflessione sulle dinamiche di riconoscimento della figura femminile nelle società in generale.

Si prega di inviare le adesioni all’indirizzo officinegomitoli@coopdedalus.org

 

Le due giornate sono inserite nella cornice della Mostra Fotonarrativa Svelate. Marocco Femminile plurale presso Officine Gomitoli nell’Insula Creativa Lanificio, aperta al pubblico dal 18 dicembre 2016 al 10 gennaio 2017 dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 dal lunedì al venerdì.

 

Per info 081 293390 – officinegomitoli@coopdedalus.org

Presentazione libro “RIVOLUZIONI VIOLATE.”

“Questo libro è dedicato alla memoria di tutte le persone che in questi cinque anni hanno pagato con la vita una legittima rivendicazione di diritti, dignità e libertà”

Con queste premesse è cominciato ieri pomeriggio un viaggio…

Un viaggio tra Medio Oriente e Nord Africa…

Un viaggio di riflessione tra la tanta umanità che ogni giorno si batte e ancora reclama giustizia, diritti e libertà…

Per quanto la storia non si ripeta mai nello stesso modo, la situazione attuale in Tunisia si compone di elementi ricorrenti. Giovani senza prospettive…repressione del dissenso…ritorno all’autoritarismo che stride con l’immagine della “Primavera” riuscita.

In Egitto, la repressione colpisce non i solo membri e simpatizzanti dei Fratelli Musulmani, ma anche studenti, artisti, operai, giornalisti, attivisti e membri di Ong accusati di minare l’integrità dello Stato, di promuovere idee che danneggiano la morale pubblica, di partecipare a proteste e scioperi non autorizzati, di diffondere informazioni false con lo scopo di sovvertire il regime o di ricevere fondi esteri non autorizzati.

Ad Aleppo, in Siria, nessun’arma, ad eccezione dell’atomica, è stata risparmiata: dai missili balistici a quelli anti-bunker, dalle armi chimiche a quelle incendiarie e termobariche, fino ai barili bomba e alle munizioni a grappolo mentre  le donne chiedono a mariti e fratelli di essere uccise prima di finire nelle mani dei miliziani lealisti.

In Marocco, “uno dei paesi più stabili del Nord Africa”, capace di coniugare riforme pubbliche significative all’attrazione di investimenti stranieri di un certo peso, succedono casi d’interdizione di diversi eventi organizzati dall’Associazione Marocchina per i diritti Umani (AMDH) e il blocco arbitrario alla libertà di movimento di numerosi giornalisti e studiosi indipendenti.

Per la Libia, a cinque anni dalla caduta di Gheddafi, il processo di transizione è ben lontano dall’essersi concluso e il Paese sembra sempre più orientato a privilegiare la sicurezza a discapito della democrazia.

L’Algeria, grande assente dalle scene mondiali delle “Primavere arabe”, mentre ancora piange il sangue della lotta per l’indipendenza e della guerra civile, pure soffre la corruzione e il controllo restrittivo sull’intero spazio pubblico.

Per la Palestina, l’anno che è alle porte segnerà 50 anni di conflitto e occupazione…di bambini e bambine diventati uomini e donne senza conoscere cosa significa la “pace”.

L’Iraq, quello di uomini e donne continuano a lottare non solo contro Daesh, l’ultimo dei mali che ha rigettato il Paese nell’ennesima crisi umanitaria e politica negli ultimi 30 anni, ma anche contro la corruzione, per un sistema politico che sappia curare gli interessi dei cittadini, con servizi di base, lavoro, e una giustizia che funzioni e garantisca diritti e libertà per tutti, senza distinzioni religiose e identitarie.

A questi racconti hanno assistito i giovani e le giovani che sono intervenuti alla presentazione…

Partiti dalla realtà del Marocco, attraverso un tour alla mostra fotonarrativa Svelate.Marocco:femminile plurale, i ragazzi e le ragazze presenti  hanno scoperto angoli di mondo e realtà a loro totalmente sconosciuti e/o falsamente raccontati dai mass media.

Attraverso gli interventi di M. Cristina Ercolessi – Università di Napoli L’Orientale/CESAC; Cecilia Dalla Negra – Osservatorio Iraq/Un ponte per; Ersilia Francesca – L’Orientale/DAAM/CESAC; Daniela Pioppi – L’Orientale/DAAM/CESAC; Sara Borrillo – L’Orientale/DAAM/CESAC; Marina Calculli – L’Orientale/DISUS e analizzando i contributi di Francesco Martone, Debora Del Pistoia e Damiano Duchemin; Giovanni Piazzese, Fouad Roueiha, Joseph Zarlingo, Christian Elia e Lamia Ledrisi, si è aperta una finestra per conoscere le difficoltà incontrate dagli attivisti dei diritti umani nella regione Mediterranea e la pratiche con cui continuano a portare avanti la loro lotta…

…per i bisogni collettivi e i desideri individuali!

#OfficineGomitoli

20122016-1 20122016-2   20122016-5 20122016-6 20122016-7 20122016-8 20122016-9 20122016-10 20122016-11 20122016-12 20122016-13 20122016-14 20122016-15 20122016-16 20122016-17 20122016-18 20122016-19  20122016-21  20122016-23 20122016-24 20122016-25 20122016-26 20122016-27 20122016-28 20122016-29 20122016-30 20122016-31 20122016-32 20122016-33 20122016-34 20122016-35

18/12/2016 Inaugurazione Mostra “Svelate. Marocco:femminile plurale @OfficineGomitoli

Un pomeriggio d’ossigeno contro gli stereotipi…

Un pomeriggio di  bellezza che alimenta il cuore…

Un pomeriggio di tè e calore umano…

Un pomeriggio di richiamo all’incontro con “l’ Altro”…

Un pomeriggio di conoscenza di anime differenti ma non diverse…

Un pomeriggio di incrocio tra gli sguardi di sponda in sponda del Mediterraneo…

Questa, l’inaugurazione della mostra “Svelate.Marocco:femminile plurale” presso il Centro Interculturale Officine Gomitoli.

img_9100  img_9081   img_9083 img_9085  img_9087  img_9076  img_9098img_9089 img_9097  img_9103 img_9104 img_9109 img_9113 img_9120 img_9124 img_9128 img_9130  img_9146 img_9150img_9148  img_9152  img_9158 img_9161 img_9155 img_9165img_9170img_9163  img_9167 img_9168 img_9162 img_9172 img_9193img_9176img_9185img_9173 img_9175   img_9189   img_9208 img_9212 img_9220img_9213 img_9216 img_9218 img_9222  img_9223  img_9219img_9226

 

Svelate. Marocco:femminile plurale @Officine Gomitoli

Nella volontà di percorrere un cammino comune sulla strada del ribaltamento degli stereotipi, domenica 18 dicembre alle ore 16:30 presso il Centro Interculturale “Officine Gomitoli”, Piazza Enrico de Nicola n°46, la Cooperativa Sociale Dedalus ospiterà l’inaugurazione della mostra fotografica Svelate. Marocco:femminile plurale , realizzata e curata da Sara Borrillo e Michela Pandolfi.

Nel corso del pomeriggio, a chiunque parteciperà, le curatrici racconteranno “Svelate”.

Un gioco di parole e di immagini.

Un racconto di donne che, velate o non velate, performano le proprie traiettorie di vita ogni giorno, come avviene anche da questa parte del Mediterraneo.

Un racconto di una brulicante varietà di esperienze emancipatorie che troppo spesso sfugge allo sguardo dell’osservatore, appiattito sull’equazione automatica e velo = subordinazione.

Proprio nella volontà di ribaltare questa equazione, così come tante altre, Officine Gomitoli e“Svelate” intendono promuovere il desiderio di conoscenza e d’incontro, per andare al di là dei veli che coprono non i volti, ma le geografie immaginarie.

L’evento, che valorizza intercultura e relazioni internazionali con contenuti autentici e parte di un lavoro di ricerca sul campo, si inscrive all’interno dell’iniziativa “Christmas Opening” Lanificio Insula Creativa, che prevede l’organizzazione di molteplici attività ed eventi da parte di tutte le organizzazioni/realtà che abitano/vivono il complesso dell’ex lanificio borbonico di Porta Capuana.

Con l’inaugurazione della mostra “Svelate”, la Cooperativa Sociale Dedalus intende così dare il via a tutta una serie di attività (laboratori, presentazioni di libri e approfondimenti tematici) che animeranno gli spazi del Centro Interculturale Officine Gomitoli dal 18 dicembre 2016 al 10 gennaio 2017.

Il calendario:

18 dicembre 2016 ore 16.30 Sala Officine Gomitoli

Inaugurazione Mostra Svelate. Marocco: femminile plurale
con le autrici e curatrici Sara Borrillo e Michela Pandolfi

“Svelare: {v. tr.} Rendere noto quanto era nascosto; rivelarlo apertamente: svelare un segreto, svelare la propria identità; sin: dichiarare, palesare. Togliere il velo.
“Svelate” è un gioco di parole e di immagini. Un racconto di storie di donne per svelare le nostre mentalità mettendone a nudo alcuni stereotipi. Un desiderio di conoscenza e d’incontro: un’intenzione. Un modo per andare al di là dei veli che coprono non i volti, ma le nostre geografie immaginarie”. (www.svelate.org)

20 dicembre 2016 dalle 16.00 alle 18.00 Sala Officine Gomitoli

Presentazione del libro “Rivoluzioni violate. Attivismo e diritti umani in Medio Oriente e Nord Africa cinque anni dopo” (Ed. dell’Asino, 2016)
A cura di un Ponte Per… Osservatorio Iraq

con Cecilia dalla Negra (OsservatorioIraq, Un ponte Per…);
Introduce: Ismahan Hassen (Cooperativa Sociale Dedalus)
Modera: Maria Cristina Ercolessi (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/CESAC)
Discutono:
Ersilia Francesca (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/ CESAC);
Daniela Pioppi (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/ CESAC);
Sara Borrillo (Università degli Studi di Napoli l’Orientale/ CESAC),
Marina Calculli (Università degli Studi di Napoli l’Orientale).

28 dicembre 2016 dalle 16:00 alle 18:00 Sala Officine Gomitoli

Presentazione del progetto “Rights under the veil. Diritti sotto il velo. Una rivoluzione silenziosa sta scuotendo il mondo musulmano”
A cura di Roberta Chimera e Johara Bellali

Rights Under the Veil è un progetto transmediale che mira a stimolare il dibattito pubblico sulla via riformista dell’Islam in un ottica di genere.

29 dicembre 2016 dalle 16:00 alle 18:00 Sala Officine Gomitoli

Workshop “Identità digitale di genere e qualità del racconto. Ma chi era veramente Sherazade?”
A cura di Roberta Chimera e Johara Bellali

Sherazade è davvero come la raccontano “Le Mille e una Notte”? Analizzando differenti rappresentazioni digitali, i/le partecipanti al workshop discuteranno sulla qualità del racconto di sé in un’ottica di genere e sulle dinamiche di riconoscimento della figura femminile nelle società.

10 gennaio 2017 dalle 14:30 alle 16:30 Sala Officine Gomitoli

Laboratorio per le scuole: ‘Raccontare storie, svelare stereotipi’
A cura di Sara Borrillo e Michela Pandolfi

I/le partecipanti verranno coinvolti in un dibattito su ruoli e stereotipi di genere tra Islam e Occidente e, attraverso giochi teatrali, saranno accompagnati in un processo di immedesimazione in una delle storie della mostra.

10 gennaio 2017 dalle 17:00 alle 19:00 Sala Officine Gomitoli

Chiusura della mostra + Iniziativa a sostegno di Asli Erdogan “Libere di scrivere”
A cura di Lea Nocera e Sara Borrillo (Università di Napoli L’Orientale)

Approfondimento tematico e lettura di estratti di alcuni romanzi di Asli Erdogan, giornalista e scrittrice turca arrestata il 16 agosto 2016 con l’accusa di “propaganda terroristica” e “incitazione al disordine”.

liocandina

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK