Babou Bojang&Dream Team per un nuovo beat rap @Officine Gomitoli

Condurre giovani talentuosi a scrivere le parole in musica, partendo da esercizi di allenamento, di ritmo e di voce per creare insieme il testo per una canzone rap. Ad un anno di distanza da Culture Migranti è stato nuovamente questo il motivo che ha portato Babou Bojang a tornare a Napoli.

Let’s rap è stato il nome del workshop di composizione musicale che, con il contribuito del Goethe Institut e della Fondazione Alta Mane, per ben tre giorni ha tenuto incollati ai microfoni e alle cuffie ragazzi e ragazze impegnati a scrivere e cantare!

Oltre ad aver ri-unito il mitico Dream Team, il gruppo di giovani che già aveva conosciuto Babou l’anno scorso e che aveva avuto modo di lavorare con lui per poi debuttare alla festa di Culture Migranti, il laboratorio ha attirato anche altri ragazzi e ragazze appassionati di canto e musica.

Rincontrarsi ad un anno di distanza per i ragazzi del Dream Team e per lo stesso Babou è stato emozionante! Ma anche conoscere i nuovi partecipanti è stata una scoperta!

Oltre a voci straordinarie, infatti, abbracci, baci e tanti sorrisi hanno caratterizzato i nostri momenti insieme.

Nel corso dei tre giorni di workshop, partendo con piccoli esercizi di team building e creazione di un ritmo, si è poi subito arrivati a come si scrive un brano musicale? Come si passa dalla scelta collettiva del beat alla scrittura del testo e alla registrazione in studio?

Partendo dalla scelta del beat su cui andare a scrivere i loro pezzi, i ragazzi e le ragazze si sono dedicati in primis a sviluppare la percezione del ritmo. Dopo aver ascoltato differenti stili musicali, legati con energia positiva con un particolare cantato e un bel groove, i ragazzi hanno concordato sulla scelta della base su cui rappare: un pezzo caratterizzato da ritmi veloci e cadenzati ma con linee melodiche addolcite…su cui tutti possono cantare! Tutti tranne Serxho e Daniel! I nostri due giovani talentuosi rapper albanesi che, avendo preferito una base più “strong”, hanno deciso di scrivere e registrare da veri “gangsters”…come li ha simpaticamente definiti Babou!

Dopo aver deciso i beats, i ragazzi, da soli o in coppia, si sono impegnati a sviluppare l’orecchio per il ritmo prescelto. Così, mentre lavoravano al loro vocabolario, provavano a leggere il brano che stavano componendo ad alta voce, facendo caso alla cadenza naturale e provando ad allenarsi al senso del ritmo e del tempo. Questo esercizio li ha aiutati a rendere il modo in cui cantavano più scorrevole e piacevole da ascoltare.

Concentrati sulla scrittura dei loro testi, ragazzi e le ragazze si sono impegnati ad andare al di là del fare delle rime: la sostanza, il contenuto del loro testo! Amore, amicizia, speranza, voglia di libertà e di cambiare vita, coraggio…questi i temi a cui hanno dedicato le loro idee uscite dal cuore.

Scrivendo così tutto quello che gli veniva in testa, senza censurarsi (nei limiti posti da Babou nel suo dire loro “No bad words”) e senza preoccuparsi della forma, i/le partecipanti hanno cominciato ad esternare le proprie emozioni scrivendo in rima e creando, in alcuni casi, dei veri e propri tormentoni tra di loro.

Dopo aver superato la fase di scrittura, parte integrante del laboratorio è stata eseguire e registrare il brano, creato in formazioni d‘insieme attraverso l’utilizzo del canto, imparando il rispetto e l’importanza del proprio ruolo assegnato all’interno del contesto di gruppo. Una volta completati infatti le bozze finali del testo, i ragazzi e le ragazze hanno memorizzato ogni parola e sono passati, uno ad uno, alla registrazione.

Provando e riprovando con cuffie e microfono, tutti hanno utilizzato la tecnica del “rappa e migliora”…

Facendo pratica, rappando sul proprio pezzo e sul ritmo, ognuno ha ragionato sulle difficoltà del brano scritto e, con l’aiuto dei compagni e di Babou, ha ottimizzato la propria strofa.

Una, due, tre, quattro registrazioni e così il brano ha cominciato a prendere vita…

Lavorando sul flow, sul timbro vocale, sul pathos di ogni rima e di ogni singola barra, la canzone ha iniziato a comporsi di diverse lingue (italiano, inglese, francese, woloof), versi pungenti, rime originali e ritornelli ripetitivi e che rimangono in testa.

Alla fine dell’assemblaggio di tutte le strofe della canzone, tornare ad ascoltarsi è stato il momento in cui la musica, come mediatore di emozioni, come strumento per la collaborazione e la cooperazione con gli altri, ha fatto esplodere la gioia e la soddisfazione per il lavoro creato!

In attesa che Babou mixi a regola d’arte, elabori e produca il brano per poi inviarlo tutti noi, il gruppo del Dream Team si è ampliato diventando Big Dream Team!

Alla fine di queste tre giornate passate insieme i ragazzi hanno potuto potenziare le conoscenze tecniche di base e acquisirne di nuove, metterle in pratica e imparare a cogliere e a sviluppare spunti, esercitando l’osservazione e la loro infinita sensibilità.

Interagendo gli uni con le altre in un’ottica di collaborazione e non di competitività, i ragazzi e le ragazze hanno condiviso emozioni e appreso, ancora una volta come un anno fa, che tutti possono fare musica!

 

“I’m gonna miss u”, è stata la frase con cui salutarsi, alla fine, è stata dura per tutti ma il nostro Dream Team sa bene che in alcuni momenti della vita tutti si trovano a dover sperimentare un po’ di tristezza e allora si sorridere e si ascoltare un po’ della (nostra) musica per accompagnarci al prossimo incontro…a Monaco di Baviera o a Napoli forse, chi lo sa?

Intanto…let’s rap! 🙂

05052018-_MG_5578 05052018-_MG_5579 05052018-_MG_5580 05052018-_MG_5581 05052018-_MG_5582 05052018-_MG_5584 05052018-_MG_5585 05052018-_MG_5586 05052018-_MG_5587 05052018-_MG_5589 05052018-_MG_5591 05052018-_MG_5592 05052018-_MG_5596 05052018-_MG_5649 05052018-_MG_5653 05052018-_MG_5660 05052018-_MG_5663 05052018-_MG_5667 05052018-_MG_5714 05052018-_MG_5725 05052018-_MG_5729 05052018-_MG_5731 05052018-_MG_5735 05052018-_MG_5739 05052018-_MG_5745 05052018-_MG_5749 05052018-_MG_5753 05052018-_MG_5757 05052018-_MG_5766 05052018-_MG_5768 06052018-_MG_5771 06052018-_MG_5774 06052018-_MG_5778 06052018-_MG_5787 06052018-_MG_5798 06052018-_MG_5801 06052018-_MG_5806 06052018-_MG_5807 06052018-_MG_5808 06052018-_MG_5810 06052018-_MG_5814 06052018-_MG_5815 06052018-_MG_5816 06052018-_MG_5817 06052018-_MG_5820 06052018-_MG_5822

Forme migranti in speed date @Officine Gomitoli

Ultime due tappe del laboratorio “Forme migranti “:disegno formula speed date…

I/le partecipanti, seduti l’uno di fronte all’altra in una fila di tavoli, si sono reciprocamente disegnati cercando di conoscersi e facendosi conoscere in un limite di tempo prestabilito…

Così son venute fuori nuove forme migranti…

Immagini di cosa ognuno ha visto nelle persone che ha avuto di fronte…

Immagini di disegni condivisi e realizzati a quattro mani in cui, seduti intorno a un tavolo e muniti di fogli bianchi e matite colorate, tutti hanno scelto un soggetto e iniziato a disegnarlo ma…ogni 15 secondi, il foglio passava al compagno o alla compagna alla propria destra, che per altri 15 secondi ha continuato il disegno, e così via fino alla fine…

24774672_10154939714302513_8800299602638148962_n 24774738_10154939714207513_7290581512176338560_n 24775040_10154939714722513_2521788871171478916_n 24796361_10154939714162513_7428616729402792084_n 24796495_10154939714112513_8276681553556227131_n 24796771_10154939714427513_6802002945448370182_n 24852387_10154939714027513_3830212151694235901_n 24852536_10154939713952513_5102454884312616009_n 24862299_10154939714257513_9218327597971029939_n 24862429_10154939714482513_745455422331498994_n 24862518_10154939714052513_2415994669695353701_n 24900248_10154939714517513_7652669356894086610_n 24909588_10154939714372513_6401362564239201756_n 24909765_10154939714767513_4431243358804923617_n 24909914_10154939714607513_3284185079665497448_n 25157922_10154955085857513_1373016816890180770_n 25157944_10154955085807513_3908407467467770441_n 25158067_10154955085302513_7045596472941033554_n 25158295_10154955085777513_2563277153602789971_n 25158301_10154955085967513_5410433288187943963_n 25158354_10154955085712513_5985278856421692505_n 25289229_10154955085327513_7055096931843225409_n 25289350_10154955203622513_8734952065880424975_n 25289481_10154955203977513_8897353494750188658_n 25289493_10154955203967513_2852291501092669407_n 25289570_10154955085647513_4882026817942932759_n 25289610_10154955085582513_3097970241403522679_n 25289751_10154955085642513_6354163575402346762_n 25299119_10154955203857513_4898341960225424007_n 25299145_10154955085477513_8886691184250667659_n 25299155_10154955203732513_1705269610514387600_n 25348558_10154955085272513_5172346155930381061_n 25348717_10154955085382513_2497286694181095299_n 25353643_10154955085602513_6649485111932564696_n 25395911_10154955085922513_5662033384953612654_n 25395986_10154955085547513_13937365434469605_n 25396124_10154955085717513_1244516361145929594_n 25442773_10154955085372513_8194213721277233563_n

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK