“Mani in Pasta” aggiunge un posto a tavola

SAN CATALDO (CALTANISSETTA) – Novità in casa “Mani in Pasta”. Dai primi giorni del mese di dicembre la nostra famiglia è cresciuta grazie all’arrivo di Stanley, ventenne nigeriano ospite dello Sprar “I Girasoli” che ha deciso di svolgere nel nostro pastificio le sue 300 ore di borsa lavoro.

Tra farina e utensili da cucina, Stanley sta muovendo i primi passi al pastificio insieme ai tutor e ai nostri utenti che, tra un piatto e un altro, gli fanno da cicerone e gli svelano i segreti della cucina.

Un’esperienza importante al centro delle discussioni delle riunioni del gruppo economico-relazionale dove Stanley e i nostri utenti si confrontano costantemente sull’andamento della loro esperienza lavorativa e delle loro aspettative per il futuro.

“Lavorare al pastificio è stato divertente e importante fin dal primo giorno”, racconta Stanley. “I tutor mi seguono passo passo insegnandomi a creare la pasta e non solo. Sto immagazzinando tante informazioni su come si gestisce una cucina e so che queste competenze in futuro mi saranno utilissime”, spiega Stanley.

“E poi i ragazzi che lavorano con me hanno sempre delle idee molto originali che costituiscono il nostro asso nella manica nella realizzazione della pasta”, racconta il nuovo membro della nostra grande famiglia.

(Roberta Fuschi, responsabile comunicazione del “Progetto Mani in Pasta”)

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK