QUINTO SEMINARIO BE HELP-IS, COMUNICAZIONE EFFICACE E STRATEGIE RELAZIONALI

Si terrà lunedì 15 aprile, presso il centro sociale P. Campanello a Torrette di Mercogliano, il quinto seminario formativo del ciclo di incontri “Strumenti e metodologie per il lavoro integrato degli operatori territoriali degli ambiti sociali A02 e A04 per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere”, azione prevista dal progetto Be Help-is, promosso dalla cooperativa sociale La Goccia di Avellino e finanziato da Fondazione con il Sud nell’ambito del bando Donne 2017.

Nel percorso formativo a carattere teorico applicativo rivolto a chi opera nel campo delle politiche di contrasto alla violenza, vengono fornite informazioni fondamentali riguardo al fenomeno e indicatori utili per rilevarlo e verificarne la gravità. Nel quinto dei dodici incontri che termineranno a dicembre 2019, i dottori Eugenio Di Florio e Antonia Marcello illustreranno ai partecipanti il Protocollo procedurale strategicamente orientato al fabbisogno del territorio, con particolare attenzione al ruolo del professionista in relazione alla comunicazione efficace e alle strategie relazionali.

I contenuti verranno forniti ai presenti attraverso una lezione circolare durante la quale sono previsti simulazioni d’aula, brain-storming, esercitazioni e discussioni di gruppo, al fine di migliorare le capacità di interazione con il gruppo di lavoro e la predisposizione alla condivisione di idee e obiettivi comuni.

L’obiettivo generale del ciclo di seminari è quello di garantire alle vittime di violenza una risposta globale e non frammentata, lavorando ad un protocollo comune con la sinergia e la collaborazione dei diversi attori territoriali della rete antiviolenza.

Be Help-is: si parte

Potenziare i servizi offerti dai centri antiviolenza creando una rete interistituzionale antiviolenza nella provincia di Avellino. Be Help-is, il progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD nell’ambito del Bando Donne 2017, è partito ad aprile. Destinatari del programma che durerà due anni, circa 100 donne vittime o potenziali vittime di violenza, 40 minori vittime e testimoni di maltrattamenti e 2000 tra studenti, docenti e genitori.

Le donne vittime di violenza al centro del progetto. A loro saranno dedicati percorsi di formazione e orientamento per il reinserimento nel contesto socio-lavorativo, tramite la creazione di una rete di relazioni con aziende, cooperative sociali, associazioni sindacali e il centro per l’impiego, con l’erogazione di borse lavoro e tirocini formativi. Prevista anche la presa in carico dei loro figli, minori che spesso assistono alla violenza, attraverso un sostegno psicologico ed educativo, che servirà anche a consolidare la relazione madre-figlio.

Nel corso del programma, inoltre, verrà elaborato e sottoscritto un protocollo operativo per gli operatori della rete antiviolenza, ai quali nella prima fase verrà sottoposto un questionario per la rilevazione del loro fabbisogno nell’assistenza alle donne in difficoltà. Questionario che servirà a creare un programma formativo mirato.

L’ultima parte del progetto Be Help-is, è rivolta alle scuole primarie e secondarie. Educazione alla parità attraverso attività didattiche e laboratoriali per docenti, genitori e alunni. Per i più grandi, gli studenti delle scuole secondarie, educazione alle emozioni, con un percorso formativo che porterà alla realizzazione di video per la campagna di prevenzione alla violenza di genere. Elaborati audiovisivi che saranno presentati durante la manifestazione finale, con la premiazione al prodotto migliore.

14 i partner di Be Help-is. Ente capofila, la cooperativa sociale “La Goccia”. Altri enti, tra pubblici e privati, che collaborano al progetto sono il Comune di Avellino, l’ambito sociale A02, la Fondazione Opus Solidarietatis Pax , il Consorzio di cooperative sociali Percorsi, la Caritas di Avellino, l’Unione Sindacale Territoriale CISL Irpinia-Sannio, l’impresa sociale Perseo, gli Istituiti Comprensivi di Forino, Mercogliano e Monteforte e i Licei Statali “Marone”, “Mancini” e “Imbriani” di Avellino.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK