ATTIVO LO SPORTELLO DONNE E LAVORO DEL PROGETTO BE HELP-IS

Dal primo agosto è partito l’allestimento dello sportello donne e lavoro nell’ambito del progetto Be Help-Is contro la violenza di genere, promosso dalla cooperativa sociale La Goccia di Avellino e finanziato da Fondazione con il Sud. Aperto a tutte le donne che si trovano in difficoltà, il servizio di orientamento al mondo del lavoro è operativo dalla scorsa settimana ed ha già attirato l’attenzione di tante persone che si sono rivolte ai centri antiviolenza di Mercogliano ed Avellino.

“Ci sono diverse donne che stanno seguendo l’orientamento lavorativo – ha spiegato Antonella Tomasetta, referente del progetto -. Sono stati effettuati i primi colloqui di orientamento, poi passeremo al bilancio delle competenze e all’accompagnamento nel mondo del lavoro, quindi alla ricerca vera e propria di un impiego con la compilazione e l’invio del curriculum vitae alle aziende che ricercano personale. Prenderemo contatti anche con il Centro per l’Impiego e le agenzie interinali, in modo da creare una banca dati per l’incontro tra domanda e offerta. Inoltre, le donne vittime di violenza economica accederanno ad un laboratorio motivazionale con le psicologhe, per riscoprire le proprie competenze, ritrovare la fiducia in se stesse e imparare a superare le paure e le delusioni professionali”.

Lo sportello donne e lavoro è in contatto continuo con i servizi sociali degli ambiti coinvolti, A02 e A04, e con gli enti e le associazioni presenti sul territorio. Con l’obiettivo di essere uno strumento in più da poter utilizzare nelle politiche sociali a favore delle donne prive di reddito. Al termine del percorso, infatti, saranno erogati 10 tirocini formativi con borse lavoro retribuiti in aziende della durata di 6 mesi, per permettere alle donne di costruire il proprio progetto di vita partendo dall’inserimento lavorativo.

I RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI RILEVAMENTO DEL FABBISOGNO FORMATIVO

Per migliorare gli interventi di aiuto alla donna vittima di violenza di genere, quali tematiche bisognerebbe approfondire per promuovere un percorso rispondente ai bisogni formativi degli operatori che si occupano di tale problematica?“. Questa la domanda posta ai referenti dei servizi che a diverso titolo si occupano del superamento della condizione di violenza della donna. Gli ambiti interessati dalla rilevazione, tramite questionario, delle esperienze e del fabbisogno formativo degli operatori sociali, previsto nella prima parte del progetto BE HELP-IS, sono l’A02 e l’A04 della provincia di Avellino. Gli obiettivi: strutturare un programma formativo mirato per gli operatori e realizzare una Guida dei servizi per le donne, implementando la rete interistituzionale che opera in tale ambito, attraverso prassi da condividere.

L’indagine, curata dalla sociologa della Cooperativa sociale LA GOCCIA di Avellino, Alessandra Pagnotta, ha riguardato operatori di servizi sia pubblici che privati che sostengono la donna vittima di violenza, ai quali è stato somministrato un questionario suddiviso in 3 parti: una sezione descrittiva del servizio, una di rilevamento di progetti e buone prassi e un’ultima sezione di rilevamento del fabbisogno formativo.

23 i servizi censiti, quelli più significativi sul territorio degli ambiti di riferimento. Tra questi, 10 servizi sociali professionali, 8 centri di ascolto caritas/parrocchiali, 3 centri antiviolenza, una casa rifugio e un consultorio familiare. E 27 i referenti di tali servizi che hanno risposto al questionario, in particolare: 13 assistenti sociali, 4 responsabili, 3 coordinatori, 3 operatori, 2 psicologi-psicoterapeuti, un avvocato e un sociologo. Dei 27 operatori, 20 hanno dichiarato di occuparsi di situazioni di violenza, altri 6 hanno dato risposta negativa, sostenendo comunque di essere a conoscenza di situazioni di disagio attraverso informazioni indirette. Un solo operatore ha risposto di non occuparsene.

Al termine del rilevamento del fabbisogno formativo, l’ultima delle tre sezioni del questionario, è risultato che il percorso di formazione per gli operatori, che durerà 60 ore, dovrà riguardare in particolare tematiche relative a metodologie di intervento, all’aumento della capacità di lettura dei segnali di violenza su donne e minori, ai riferimenti legislativi e alle procedure. Oltre che al lavoro in rete, alla violenza assistita e al lavoro di aiuto con l’uomo autore della violenza. L’attenzione sarà rivolta anche ad aumentare la capacità di ascolto della donna e alla gestione emozionale dell’utenza.

Be Help-is, la brochure

La brochure di “Be Help-is” nasce per illustrare obiettivi e destinatari del progetto. Al suo interno, anche le azioni attraverso le quali verranno implementati i servizi dei centri antiviolenza della provincia di Avellino.

Dalla somministrazione del questionario per il rilevamento del fabbisogno degli operatori, al loro percorso formativo. Dalla guida ai servizi per le donne vittime di violenza, all’orientamento lavorativo con 10 borse lavoro in azienda. Particolare attenzione ai minori vittime di violenza assistita, ai quali viene offerto un sostegno psicologico. Ma anche educazione e sensibilizzazione contro la violenza di genere nelle scuole per le nuove generazioni.

Questi i contenuti. Scopri di più https://ita.calameo.com/read/0041110253a24f2fb4adc

Be Help-is: si parte

Potenziare i servizi offerti dai centri antiviolenza creando una rete interistituzionale antiviolenza nella provincia di Avellino. Be Help-is, il progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD nell’ambito del Bando Donne 2017, è partito ad aprile. Destinatari del programma che durerà due anni, circa 100 donne vittime o potenziali vittime di violenza, 40 minori vittime e testimoni di maltrattamenti e 2000 tra studenti, docenti e genitori.

Le donne vittime di violenza al centro del progetto. A loro saranno dedicati percorsi di formazione e orientamento per il reinserimento nel contesto socio-lavorativo, tramite la creazione di una rete di relazioni con aziende, cooperative sociali, associazioni sindacali e il centro per l’impiego, con l’erogazione di borse lavoro e tirocini formativi. Prevista anche la presa in carico dei loro figli, minori che spesso assistono alla violenza, attraverso un sostegno psicologico ed educativo, che servirà anche a consolidare la relazione madre-figlio.

Nel corso del programma, inoltre, verrà elaborato e sottoscritto un protocollo operativo per gli operatori della rete antiviolenza, ai quali nella prima fase verrà sottoposto un questionario per la rilevazione del loro fabbisogno nell’assistenza alle donne in difficoltà. Questionario che servirà a creare un programma formativo mirato.

L’ultima parte del progetto Be Help-is, è rivolta alle scuole primarie e secondarie. Educazione alla parità attraverso attività didattiche e laboratoriali per docenti, genitori e alunni. Per i più grandi, gli studenti delle scuole secondarie, educazione alle emozioni, con un percorso formativo che porterà alla realizzazione di video per la campagna di prevenzione alla violenza di genere. Elaborati audiovisivi che saranno presentati durante la manifestazione finale, con la premiazione al prodotto migliore.

14 i partner di Be Help-is. Ente capofila, la cooperativa sociale “La Goccia”. Altri enti, tra pubblici e privati, che collaborano al progetto sono il Comune di Avellino, l’ambito sociale A02, la Fondazione Opus Solidarietatis Pax , il Consorzio di cooperative sociali Percorsi, la Caritas di Avellino, l’Unione Sindacale Territoriale CISL Irpinia-Sannio, l’impresa sociale Perseo, gli Istituiti Comprensivi di Forino, Mercogliano e Monteforte e i Licei Statali “Marone”, “Mancini” e “Imbriani” di Avellino.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK